tema 13 aprile 2021
Studi - Cultura Impianti sportivi, eventi sportivi e promozione dello sport

Tra i più recenti interventi per il mondo dello sport vi sono quelli adottati per fronteggiare le conseguenze dell'emergenza sanitaria da COVID-19. Si veda anche l'apposito tema.

I principali interventi della legislatura in materia di impianti sportivi hanno riguardato l'incremento delle risorse del Fondo sport e periferie e la modifica della loro gestione, nonché la revisione delle procedure per la realizzazione degli impianti.

Vari interventi hanno riguardato gli eventi sportivi, sia nazionali che internazionali. In particolare, sono intervenute disposizioni organizzative e autorizzazioni di spesa per i campionati mondiali di sci alpino Cortina 2021, le Finali di Tennis Torino 2021-2025, la Ryder Cup Roma 2022, le Olimpiadi e le Paralimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, i XX Giochi del Mediterraneo Taranto 2026.

Ulteriori interventi hanno riguardato l'istituzione di vari nuovi Fondi, tra i quali, in particolare, il Fondo unico a sostegno del potenziamento del movimento sportivo italiano, il Fondo per il professionismo negli sport femminili, il Fondo per potenziare l'attività sportiva di base.

Altresì, è stato stabilizzato il contributo a favore delle attività del Progetto Filippide per l'integrazione dei disabili attraverso lo sport e sono state destinate risorse al programma internazionale "Special Olympics Italia", indirizzato a soggetti con disabilità intellettiva. 

Al Senato è in corso di esame un progetto di legge, già approvato dalla Camera, volto alla promozione dell'educazione motoria nella scuola primaria.

apri tutti i paragrafi

1) Il Fondo Sport e Periferie

 

Il Fondo Sport e periferie è stato istituito dal  D.L. 185/2015 (L. 9/2016: art. 15, co. 1-5) nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, per essere poi trasferito al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei Ministri e, da qui, al CONI.  In base alla norma istitutiva, il Fondo era stato dotato di complessivi € 100 mln nel triennio 2015-2017, di cui € 20 mln nel 2015, € 50 mln nel 2016, ed € 30 mln nel 2017.

Il Fondo è stato finalizzato a:

  • ricognizione degli impianti sportivi esistenti su tutto il territorio nazionale;
  • realizzazione e rigenerazione di impianti sportivi destinati all'attività agonistica nazionale, localizzati in aree svantaggiate e zone periferiche urbane, e diffusione di attrezzature sportive nelle stesse aree;
  • completamento e adeguamento di impianti sportivi esistenti, destinati all'attività agonistica nazionale e internazionale.

Per la realizzazione degli interventi, il D.L. 185/2015 aveva previsto la presentazione alla Presidenza del Consiglio dei ministri, da parte del CONI, oltre che di un piano relativo ai primi interventi urgenti, di un piano pluriennale, rimodulabile entro il 28 febbraio di ogni anno. Aveva, altresì, previsto l'approvazione dei piani con DPCM.

Infine, aveva disposto che il CONI doveva presentare alla Presidenza del Consiglio dei ministri (in quanto autorità vigilante) – ai fini della trasmissione alle Camere – una relazione annuale sull'utilizzo delle risorse assegnate e sullo stato di realizzazione degli interventi finanziati con il Fondo.

Il piano degli interventi urgenti è stato approvato con DPCM 1 febbraio 2016. Il piano pluriennale degli interventi è stato approvato con DPCM 5 dicembre 2016 ed è stato in seguito oggetto di varie rimodulazioni.
Qui la pagina dedicata.
L'unica relazione trasmessa alle Camere il 21 febbraio 2018 è aggiornata al 31 dicembre 2017 ( Doc. CCLIX, n. 1).
Nella XVIII legislatura, non risultano relazioni trasmesse.

  In base alla L. di bilancio 2017 (L. 232/2016: art. 1, co. 147), dal piano pluriennale erano esclusi gli interventi già finanziati con altre risorse pubbliche. Tuttavia, era stata fatta salva la possibilità, in sede di rimodulazione annuale del piano, di destinare le relative risorse al finanziamento di altri interventi riguardanti proposte presentate dal medesimo soggetto, nei termini e nei modi già previsti dal CONI, purché risultassero di analogo o inferiore importo e possedessero i requisiti richiesti. A tal fine, erano necessari la richiesta del proponente, la previa valutazione del CONI e il previo accordo con l'ente proprietario.

Ulteriori risorse erano state destinate al Fondo sport e periferie dal riparto del Fondo per il finanziamento di investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese, istituito dalla stessa dalla stessa L. di bilancio 2017 (art. 1, co. 140). Si trattava di € 15 mln per il 2017, € 40 mln per il 2018, € 30 mln per il 2019 e € 15 mln per il 2020.

Con DPCM 22 ottobre 2018 è stato dunque approvato un secondo piano pluriennale degli interventi. Anche tale piano è stato oggetto di successive rimodulazioni.
Qui la pagina dedicata.

A sua volta, la L. di bilancio 2018 (L. 205/2017: art. 1, co. 362) ha autorizzato la spesa di € 10 mln annui dal 2018 da iscrivere in una apposita sezione del Fondo Sport e Periferie, prevedendo che tali risorse sono assegnate al (ora) Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri (e non al CONI).

Il Dipartimento per lo sport è stato istituito con DPCM 28 maggio 2020.

L'individuazione di criteri e modalità di gestione delle stesse è stata affidata ad un DPCM, da emanare rispettando le finalità previste dal D.L. 185/2015.

Era, pertanto, intervenuto il  DPCM 4 maggio 2018.

Successivamente, con delibera n. 16 del 28 febbraio 2018 il CIPE ha approvato il piano operativo Sport e Periferie, assegnando allo stesso € 250 mln provenienti dal Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) 2014-2020. In particolare, il piano operativo ha indicato come soggetto attuatore il già citato Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Considerate anche le risorse derivanti dalla delibera CIPE, era, pertanto, intervenuto, per la definizione dei criteri e delle modalità di gestione delle risorse del Fondo Sport e Periferie, il DPCM 31 ottobre 2018, come modificato con DPCM 12 dicembre 2018 e con  DPCM 14 febbraio 2019. In particolare, il DPCM, come modificato, prevedeva la pubblicazione sul sito internet del Dipartimento per lo sport di un bando Sport e periferie.
Qui il bando per il 2018.
Il 5 febbraio 2020 è stata comunicata la pubblicazione della graduatoria definitiva dei progetti presentati, approvata con decreto del Ministro per le politiche giovanili e lo sport del 19 dicembre 2019 (che ha annullato e sostituito quella approvata con DPCM 13 giugno 2019).

L'articolazione finanziaria del Piano operativo sport e periferie è stata poi modificata dal CIPE prima con delibera n. 10 del 4 aprile 2019 e , da ultimo, con delibera n. 45 del 24 luglio 2019, come di seguito indicato: 2019: € 45 mln (invariato); 2020: € 40 mln (in luogo di 25); 2021: € 60 mln (in luogo di 25); 2022: € 60 (in luogo di 25); 2023: € 25 mln (invariato); 2024: € 10 mln (in luogo di 20); 2025: € 100 mln (in luogo di 85).

  A sua volta, la L. di bilancio 2019 (L. 145/2018: art. 1, co. 640) ha disposto che una serie di risorse in precedenza destinate ad opere infrastrutturali, non assegnate o non utilizzate, dovevano essere destinate allo stato di previsione del MEF, per essere riassegnate, con delibera CIPE, al Fondo "Sport e Periferie".

E' pertanto intervenuta la Delibera CIPE n. 4 del 17 gennaio 2019, che ha riassegnato al Fondo €  7,5 mln.

A livello organizzativo, il D.L. 32/2019 (L. 55/2019: art. 1, co. 28 e 29) aveva previsto che le risorse del Fondo sport e periferie già destinate al CONI erano trasferite alla Sport e Salute spa, che subentrava nella gestione del Fondo e dei rapporti pendenti, a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione. Aveva previsto, altresì, che, per le attività necessarie all'attuazione degli interventi finanziati con le risorse del Fondo attribuite al Dipartimento per lo sport, quest'ultimo si avvaleva della medesima società.

In attuazione di tali disposizioni era stato emanato il DPCM 25 luglio 2019 , secondo cui alla realizzazione degli interventi previsti dai Piani pluriennali degli interventi finanziati a valere sul Fondo sport e periferie provvedeva, previa verifica di congruità, la Società Sport e Salute spa o un soggetto da essa individuato. Questi ultimi provvedevano anche alla conseguente sottoscrizione dei relativi accordi, nei quali erano definiti i termini e le modalità di esecuzione delle opere previste dalle proposte di finanziamento.

Da ultimo, la L. di bilancio 2020 (L. 160/2019: art. 1, co. 182) ha previsto che le risorse del Fondo sono riversate su un apposito capitolo dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, per essere trasferite al bilancio della Presidenza del Consiglio dei ministri e assegnate al Dipartimento per lo sport, che è subentrato nella gestione del Fondo. Ha, altresì affidato ad un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, fatte salve le procedure in corso, la definizione di criteri e modalità di gestione delle risorse.

In attuazione, è intervenuto il decreto del Ministro per le politiche giovanili e lo sport 12 maggio 2020, che ha definito i criteri e le modalità di gestione delle risorse assegnate all'Ufficio per lo sport per il 2020.
In particolare, il decreto ha rilevato la disponibilità, per il 2020, di € 184.948.068 disponibili sul capitolo di bilancio 937-Fondo sport e periferie, cui si sommano € 40 mln disponibili ai sensi delle delibere CIPE sopra citate, per un totale di € 224.948.068. Ha, pertanto, destinato: € 140 mln al I bando sport e periferie 2020; € 79,4 mln ad un ulteriore bando sport e periferie e/o altre procedure amministrative previste dall'ordinamento ai fini dell'erogazione delle risorse e, nello specifico, ad interventi su impianti sportivi situati in aree esposte a fenomeni di degrado e anche nei territori più colpiti dall'emergenza da COVID-19; € 5.548.068 ad attività di supporto tecnico-informatico e amministrativo ai fini della gestione del Fondo sport e periferie, compresi il monitoraggio degli interventi.
Ha, quindi, indicato i criteri per la selezione delle richieste di intervento relative al I bando sport e periferie 2020.
Il decreto ha abrogato e sostituito il DPCM 31 ottobre 2018 e le sue successive modifiche e integrazioni.

 

E' stato conseguentemente emanato il I bando sport e periferie 2020, per il quale le domande potevano essere presentate dalle ore 10.00 del giorno 20 luglio 2020 fino alle ore 10.00 del 30 ottobre 2020 (così prorogato, dal 30 settembre 2020, con Decreto del Capo del Dipartimento per lo sport del 18 settembre 2020).
Qui alcuni dati. In particolare, dagli stessi risulta che sono pervenuti complessivamente 3.380 progetti.

Da ultimo, con decreto del Ministro per le politiche giovanili e lo sport 18 gennaio 2021 è stata disposta l'assegnazione al Bando sport e periferie 2020 di ulteriori risorse pari a € 160 mln, a valere sulla residua disponibilità del Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020. Conseguentemente, sono state apportate alcune modifiche al decreto del Ministro per le politiche giovanili e lo sport 12 maggio 2020.
In particolare, la premessa del decreto fa presente che, rispetto ai complessivi € 250 mln derivanti dalla programmazione FSC 2014-2020 finalizzati per il Piano operativo sport e periferie, sono stati già destinati € 45 mln al "Bando sport e periferie 2018", € 40 mln al "Bando sport e periferie 2020" ed € 5 mln all'assistenza tecnica.

2) Il riordino della disciplina per la realizzazione e l'ammodernamento degli impianti sportivi

 

  La L. 86/2019 ha previsto (art. 7) una delega per il riordino e la riforma delle norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio degli impianti sportivi, nonché della disciplina relativa alla costruzione di nuovi impianti sportivi, alla ristrutturazione e al ripristino di quelli già esistenti. Fra i criteri e principi direttivi, vi era quello relativo alla semplificazione e accelerazione delle procedure amministrative e alla riduzione dei termini procedurali previsti dall'art. 1, co. 304, della L. 147/2013, e dall'art. 62 del D.L. 50/2017 (L. 96/2017).

La delega doveva essere esercitata entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore della L. 86/2019 e, dunque, entro il 31 agosto 2020. Il termine era stato poi prorogato di 3 mesi dall'art. 1, co. 3, della L. 27/2020 (di conversione del D.L. 18/2020). Dunque, la delega doveva essere esercitata entro il 30 novembre 2020.

Tuttavia, poiché lo schema di decreto legislativo  (Atto del Governo n. 227) è stato trasmesso alle Camere il 27 novembre 2020, si è applicata la c.d. tecnica dello scorrimento – prevista dalla stessa L. 86/2019 – in base alla quale il termine per l'adozione dei decreti legislativi è stato prorogato di 90 giorni.

Sullo schema si sono espresse, il 23 febbraio 2021, la 5a Commissione del Senato (parere non ostativo) e la V Commissione della Camera (parere favorevole). Non si sono, invece, espresse la 7a Commissione del Senato e la VII Commissione della Camera.

E', dunque, intervenuto il d.lgs. 28 febbraio 2021, n. 38, che ha innovato il procedimento amministrativo in materia di costruzione e ammodernamento degli impianti, riducendo anzitutto i termini previsti per le diverse fasi, semplificando le modalità di svolgimento delle conferenze di servizi, consentendo anche alle associazioni e società sportive professionistiche utilizzatrici dell'impianto di presentare direttamente la proposta di riqualificazione. grassetti

Inoltre, ha demandato a successivi DPCM la definizione delle norme tecniche di sicurezza grassetti per la costruzione, la modifica, l'accessibilità e l'esercizio degli impianti sportivi, e la riorganizzazione dei compiti e della composizione della Commissione unica per l'impiantistica sportiva grassetto operante presso il CONI.

 

In base a quanto disposto dal D.L. 41/2021 (art. 30, co. 9), le disposizioni del d.lgs. 38/2021 si applicheranno dal 1° gennaio 2022. Fino a tale data si applicherà la disciplina recata, principalmente, dalla L. 147/2013 (art. 1, co. 304-305) e dal D.L. 50/2017 (L. 96/2017: art. 62)

.

La L. di stabilità 2014 ( L. 147/2013) e il D.L. 50/2017 ( L. 96/2017:) hanno semplificato la procedura amministrativa, stabilendo, altresì, che gli interventi sono realizzati prioritariamente mediante recupero di impianti esistenti o relativamente ad impianti localizzati in aree già edificate.
La procedura prevede, innanzitutto, la presentazione, al comune, di uno studio di fattibilità – che rappresenta il progetto preliminare , corredato di un piano economico-finanziario (PEF) e dell' accordo con una o più associazioni o società sportive utilizzatrici dell'impianto in via prevalente.Ai fini del raggiungimento del complessivo equilibrio economico-finanziario dell'iniziativa o della valorizzazione del territorio, lo studio di fattibilità può comprendere la costruzione di immobili con destinazioni d'uso diverse da quella sportiva, complementari o funzionali al finanziamento o alla fruibilità dell'impianto sportivo, comunque in aree contigue. E', comunque, esclusa la realizzazione di nuovi complessi di edilizia residenziale.Se l'impianto ha una capienza superiore a 5.000 posti, possono essere realizzati anche alloggi di servizio strumentali alle esigenze degli atleti e dei dipendenti della società o dell'associazione sportiva utilizzatrice, nel limite del 20% della superficie utile. Tali immobili, nel caso di impianti sportivi pubblici, sono acquisiti al patrimonio pubblico comunale.Inoltre, in caso di interventi da realizzare su aree di proprietà pubblica o su impianti pubblici esistenti, lo studio di fattibilità può contemplare la cessione del diritto di superficie o del diritto di usufrutto delle aree o degli impianti, rispettivamente, per non più di 90 e 30 anni.Nell'ipotesi di impianti sportivi pubblici omologati per una capienza superiore a 5.000 posti, lo studio di fattibilità può prevedere che, da 5 ore prima dell'inizio delle gare ufficiali e fino a 3 ore dopo la loro conclusione, entro 150  metri – o entro 300 metri, nel caso di una capienza superiore a 16.000 posti – dal perimetro dell'area riservata, l'occupazione di suolo pubblico per attività commerciali è consentita solo all'associazione o alla società sportiva utilizzatrice dell'impianto.Infine, in caso di ristrutturazione o di nuova costruzione di impianti sportivi con una capienza inferiore a 500 posti al coperto o a 2.000 posti allo scoperto, è consentito destinare all'interno dell'impianto sportivo, in deroga agli strumenti urbanistici e ai regolamenti delle regioni e degli enti locali:
  • fino a 200 mq della superficie utile ad attività di somministrazione di alimenti e bevande, aperta al pubblico nel corso delle manifestazioni sportive ufficiali;
  • fino a 100 mq della superficie utile al commercio di articoli e prodotti strettamente correlati alla disciplina sportiva praticata.  
 Il comune convoca una conferenza di servizi preliminare sullo studio di fattibilità, al fine di dichiarare, entro 90 giorni dalla sua presentazione, l'eventuale pubblico interesse della proposta. Se la fase preliminare si conclude positivamente, il soggetto proponente presenta al comune il progetto definitivo, che comprende, ove necessaria, la documentazione prevista per i progetti sottoposti a valutazione di impatto ambientale (VIA). Il progetto definitivo è corredato di un piano economico-finanziario e di una bozza di convenzione .Il comune – o la regione, se il progetto comporta atti di competenza regionale – convoca una conferenza di servizi decisoria con la partecipazione di tutti i soggetti coinvolti e delibera in via definitiva sul progetto. La procedura deve concludersi entro 120 giorni – o entro 180 giorni, nel caso di atti di competenza regionale – dalla presentazione del progetto.Il verbale conclusivo di approvazione del progetto costituisce, nel caso di impianti sportivi che anche in parte ricadono su aree pubbliche, dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza dell'opera, comprendente anche gli immobili complementari o funzionali, con eventuali oneri espropriativi a carico del soggetto promotore. Costituisce, altresì, verifica di compatibilità ambientale e variante allo strumento urbanistico comunale.Nel caso di impianti sportivi privati, costituisce, ove necessario, adozione di variante allo strumento urbanistico comunale ed è trasmesso al sindaco, che lo sottopone all'approvazione del consiglio comunale.Qualora non siano rispettati i termini relativi alla dichiarazione di pubblico interesse o alla delibera definitiva di approvazione del progetto, sono previsti i nterventi sostitutivi, diversi a seconda delle dimensioni dell'impianto. Nel caso di interventi da realizzare su aree di proprietà pubblica o su impianti pubblici esistenti, sul progetto approvato si svolge una procedura ad evidenza pubblica, che deve essere conclusa entro 90 giorni dalla sua approvazione.In tal caso, il proponente deve essere in possesso dei requisiti di partecipazione previsti dall'art. 183, co. 8, del Codice dei contratti pubblici, in materia di finanza di progetto, associando o consorziando altri soggetti laddove si tratti della società o dell'associazione sportiva utilizzatrice dell'impianto. Laddove il proponente non risulti aggiudicatario, questi può esercitare il diritto di prelazione, divenendo aggiudicatario se dichiara di assumere la migliore offerta presentata.
Da ultimo, il D.L. 76/2020 ( L. 120/2020: art. 55- bis) ha disposto che il soggetto che intende realizzare gli interventi di cui al D.L. 50/2017 ( L. 96/2017: art. 62, co. 1) può procedere anche in deroga alle disposizioni in materia di tutela dei beni culturali e di tutela dei beni paesaggistici di notevole interesse pubblico, pur nel rispetto della salvaguardia di specifici elementi strutturali, architettonici o visuali, di cui sia strettamente necessaria, a fini testimoniali, la conservazione o la riproduzione anche in forme e dimensioni diverse da quella originaria, individuati con provvedimento del (allora) Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.
In attuazione, con riferimento allo stadio Artemio Franchi di Firenze, è intervenuta la nota del Mibact del 15 gennaio 2021, prot. n. 1218, che ha individuato gli "specifici elementi strutturali, architettonici o visuali di cui sia strettamente necessaria a fini testimoniali la conservazione" e ha indicato le "modalità e forme di conservazione […] mediante interventi di ristrutturazione o sostituzione edilizia volti alla migliore fruibilità dell'impianto medesimo".


 

3) Le disposizioni in materia di uso e gestione di impianti sportivi

 

Il D.L. 87/2018  (L. 96/2018: art. 13 ) – nel sopprimere le previsioni introdotte dalla L. di bilancio 2018 (L. 205/2017: art. 1, co. 353-361), in base alle quali le attività sportive dilettantistiche potevano essere esercitate anche da società sportive dilettantistiche con scopo di lucro – ha ripristinato la normativa in materia di uso e gestione di impianti sportivi vigente prima delle novità introdotte dalla stessa L. bilancio 2018, che, in particolare, aveva individuato le associazioni sportive dilettantistiche e le società sportive dilettantistiche senza scopo di lucro quali interlocutori privilegiati degli enti locali.

Nello specifico, è stato previsto che:

  • l'uso degli impianti sportivi in esercizio da parte degli enti locali deve essere garantito a tutte le società e associazioni sportive (dilettantistiche e non);
  • la gestione degli impianti sportivi (nei casi in cui l'ente territoriale non intenda provvedervi direttamente) è affidata in via preferenziale a società ed associazioni sportive dilettantistiche, enti di promozione sportiva, discipline sportive associate e federazioni sportive nazionali;
  • le palestre, le aree di gioco e gli impianti sportivi scolastici devono essere posti a disposizione (esclusivamente) di società e associazioni sportive dilettantistiche aventi sede nel medesimo comune in cui ha sede l'istituto scolastico o in comuni confinanti.

Tale disciplina è stata riproposta, con alcune integrazioni, dal d.lgs. 38/2021 (art. 6) di cui si è detto nel precedente paragrafo. 

ultimo aggiornamento: 13 aprile 2021

1) Gli eventi di sci alpino Cortina 2021

 

Il D.L. 32/2019 (L. 55/2019: art. 4, co. 12-quinquies) ha prorogato (dal 31 dicembre 2019) al 31 dicembre 2021 il termine per la consegna delle opere per la realizzazione del progetto sportivo delle finali di coppa del mondo – che si sarebbero dovute svolgere a Cortina d'Ampezzo nel marzo 2020 e che sono state annullate a seguito dell'emergenza Coronavirus (COVID-19) - e dei campionati mondiali di sci alpino previsti, sempre a Cortina d'Ampezzo, dal 7 al 21 febbraio 2021, nonché il termine per l'operatività del commissario per la realizzazione del progetto sportivo.

Successivamente, il D.L. 104/2019 (L. 132/2019: art. 1-quater) ha modificato le norme che disciplinano le attribuzioni e i compiti del commissario, prevedendo in particolare che allo stesso spetta un compenso - determinato con apposito decreto del Presidente del Consiglio dei ministri e gravante sulla contabilità speciale intestata al Commissario medesimo - e introducendo l'obbligo, in capo al Commissario, di riferire, con cadenza almeno bimestrale, (a seguito delle modifiche introdotte dal D.L. 104/2020-L. 126/2020: art. 82, co. 3) alla Presidenza del consiglio - Dipartimento per lo sport, circa lo stato di avanzamento degli interventi programmati.

In base al D.L. 104/2019 ( L. 132/2019: art. 1- quater), il Commissario per la realizzazione del progetto sportivo doveva riferire, con cadenza almeno bimestrale, alla "Struttura di missione per gli anniversari nazionali e gli eventi sportivi nazionali e internazionali" di cui al DPCM 25 settembre 2019. Successivamente, con DPCM 24 gennaio 2020, la Struttura è stata ridenominata "Struttura di missione per gli anniversari di interesse nazionale", in relazione al fatto che sono state trasferite al (ora) Dipartimento per lo sport le funzioni prima attribuite alla Struttura di missione in ordine agli eventi sportivi di rilevanza nazionale e internazionale.

Tale obbligo si è aggiunto a quello, già previsto, di inviare, ogni anno, e al termine dell'incarico, tra gli altri, alle competenti Commissioni parlamentari e al Presidente del Consiglio dei ministri una relazione sulle attività svolte, insieme alla rendicontazione contabile delle spese sostenute.

A sua volta, il D.L. 34/2019 (L. 58/2019: art. 30, co. 14-ter) ha stabilito, con riferimento al medesimo progetto sportivo, che per la realizzazione degli interventi del piano si applicano le disposizioni in materia di valutazione di incidenza (VINCA) previste per gli interventi che interessano territori rientranti nelle aree protette della rete "Natura 2000". Tali disposizioni sono state poi confermate dal D.L. 104/2020 (L. 126/2020: art. 82, co. 3).

Da ultimo, il D.L. 183/2020 (art. 13, co. 10) ha conferito al Commissario nominato per la realizzazione degli interventi infrastrutturali, legati alla viabilità, relativi ai mondiali di sci alpino di Cortina, la possibilità di ultimare le opere previste dal relativo piano degli interventi, non indispensabili al regolare svolgimento degli eventi sportivi, e individuate con decreto del medesimo Commissario, oltre il termine del 31 gennaio 2021, prevedendo comunque che la consegna di tali opere debba avvenire entro il 31 dicembre 2022.

Al riguardo, si ricorda che il D.L. 50/2017 ( L. 96/2017: art. 61, co. 1-12) ha previsto la nomina di un commissario del Governo  per la realizzazione del progetto sportivo chiamato a predisporre un piano di interventi volto, tra l'altro, alla progettazione e realizzazione, ovvero all'adeguamento e al miglioramento, di impianti a fune, collegamenti fra gli stessi – compresi collegamenti viari diversi dalla viabilità statale –, piste di sci da discesa.
Il piano – che doveva tenere conto dei progetti già approvati dagli enti territoriali interessati, nonché delle risorse messe a disposizione dagli enti stessi e dal comitato organizzatore locale, e che doveva contenere la descrizione, la tempistica e il costo di ogni intervento – doveva essere trasmesso, in particolare, al Presidente del Consiglio dei ministri e alle Commissioni parlamentari competenti.
Per l'approvazione del piano, il commissario doveva convocare una o più conferenze di servizi, ciascuna delle quali si svolgeva, ove occorrente, in sede unificata a quella avente ad oggetto la valutazione di impatto ambientale. Il piano – che sostituisce ogni parere, valutazione, autorizzazione o permesso necessari alla realizzazione dell'intervento e può costituire adozione di variante allo strumento urbanistico comunale – doveva essere approvato con decreto del commissario.
Se il piano costituiva adozione di variante allo strumento urbanistico comunale, ove sussistente l'assenso della regione espresso in sede di conferenza, il decreto del commissario doveva essere trasmesso al sindaco, che lo sottoponeva all'approvazione del consiglio comunale.
Gli interventi previsti nel piano dovevano essere dichiarati di pubblica utilità e di urgenza e qualificati come di preminente interesse nazionale e dovevano essere realizzati entro il 31 gennaio 2021 (salvo per le opere che, in quanto non indispensabili al regolare svolgimento degli eventi sportivi, sarebbero potute essere ultimate dopo).
Per la realizzazione degli interventi è stata autorizzata la spesa di € 5 mln per il 2017, € 10 mln per ciascuno degli anni 2018-2020, € 5 mln per il 2021. Tali risorse si aggiungono a quelle rese disponibili dal comitato organizzatore, dal fondo dei comuni di confine, dalla regione Veneto, dalla provincia di Belluno e dal comune di Cortina d'Ampezzo.
Lo stesso D.L. 50/2017 ( L. 96/2017: art. 61, co. 13-26) ha previsto, altresì, la nomina del Presidente di ANAS Spa pro tempore quale Commissario per l'individuazione, progettazione e tempestiva esecuzione delle opere connesse all' adeguamento della viabilità statale nella provincia di Belluno, di competenza della medesima società.
A tal fine, il commissario doveva approvare con proprio decreto un piano degli interventi. Il piano contiene la descrizione di ciascun intervento con la relativa previsione di durata e l'indicazione delle singole stime di costo.
Al Commissario non spettano compensi, gettoni di presenza e indennità comunque denominate. Il Commissario cessa dalle sue funzioni con la consegna delle opere previste nel piano.
Successivamente, la L. di bilancio 2018 ( L. 205/2017: art. 1, co. 876) ha previsto, per la realizzazione del Piano degli interventi, la possibilità per il commissario di operare in deroga alle disposizioni del Codice dei contratti pubblici (d.lgs. 50/2016), in particolare riducendo alcuni termini previsti nelle procedure di affidamento e di aggiudicazione degli appalti pubblici e dei contratti di partenariato pubblico e privato (PPP), nonché facendo ricorso alla procedura negoziata senza pubblicazione del bando di gara (art. 1, co. 876),

L'incarico di commissario per la realizzazione del progetto sportivo è stato affidato con DPCM del 17 ottobre 2017 all'ing. Luigivalerio Sant'Andrea, che cesserà dalle sue funzioni il 31 dicembre 2021 (art. 61, co. 9, del D.L. 50/2017).

Qui il Piano degli interventi per la realizzazione del progetto sportivo.

Qui il decreto commissariale del 6 febbraio 2018 di determinazione conclusiva della Conferenza di servizi decisoria relativa all'approvazione di alcuni interventi ricompresi nel piano degli interventi, relativi a: miglioramento dell'accessibilità alle ski-area di Rumerlo e Pie' Tofana; Finish Area Rumerlo; realizzazione dei tunnel a servizio della pista «Vertigine Bianca».  

Qui il decreto commissariale 16 marzo 2018 di approvazione dello stralcio (tolto grassetto) del piano degli interventi sopra indicati.

Qui il decreto commissariale 14 novembre 2018, di approvazione dello stralcio del piano degli  interventi limitatamente all'intervento della pista da sci di  interesse agonistico «Lino Lacedelli» in località Cinque Torri.

Qui il decreto commissariale 11 dicembre 2018, di approvazione dello stralcio del piano degli interventi limitatamente all'intervento del sistema di distacco artificiale di valanghe a servizio della pista Vertigine.

Qui il decreto commissariale 16 gennaio 2019, di approvazione dello stralcio del piano riferito ai seguenti interventi: interventi piste «A» e «B», «intermedia Stries», «skiweg Rumerlo»; Finish Area Druscié; realizzazione della strada bypass Colfiere - Lago Ghedina; nuova Cabinovia Cortina d'Ampezzo - Col Druscié GD10 ad ammorsamento automatico.

Qui la prima relazione sulle attività svolte dal Commissario per la realizzazione del progetto sportivo, corredata della rendicontazione contabile delle spese sostenute, riferita all'anno 2018, tramessa alle Camere con lettera del 20 febbraio 2019 (Doc. CCXLIII, n. 1).

Qui il decreto commissariale 12 dicembre 2019, di approvazione dello stralcio del piano riferito all'intervento «L3N1 - Nuova cabinovia Son dei Prade - Bai de Dones».

Qui il decreto commissariale 20 febbraio 2020, di approvazione dello stralcio del piano riferito all'intervento «L3N2 - Recupero funzionale e riqualificazione della piscina comunale di Guargne'».

Qui la relazione annuale sulle attività svolte dal Commissario per la realizzazione del progetto sportivo, corredata della rendicontazione contabile delle spese sostenute, riferita all'anno 2019, tramessa alle Camere con lettera del 24 marzo 2020 (Doc. CCXLIII, n. 2).

Qui il decreto commissariale 21 luglio 2020, di approvazione dello stralcio del piano riferito all'intervento «L1N6 - Bacino idrico "Potor" per l'innevamento artificiale in localita' Cinque Torri».

Qui la relazione annuale sulle attività svolte dal Commissario per la realizzazione del progetto sportivo, corredata della rendicontazione contabile delle spese sostenute, riferita all'anno 2020, trasmessa alle Camere con lettera dell'11 marzo 2021 (Doc. CCXLIII, n. 3).

 

Qui il piano degli interventi per l'adeguamento della viabilità statale.
Qui la prima relazione sullo stato di attuazione del piano degli interventi di adeguamento della viabilità, tramessa alle Camere con lettera del 26 luglio 2019 (Doc. CCXLIII- bis, n. 1).
Qui la relazione annuale sullo stato di attuazione del piano degli interventi di adeguamento della viabilità, riferita all'anno 2019, tramessa alle Camere con lettera del 5 dicembre 2019 (Doc. CCXLIII- bis, n. 2).
Qui la relazione annuale sullo stato di attuazione del piano degli interventi di adeguamento della viabilità, riferita all'anno 2020, tramessa alle Camere con lettera del 24 dicembre 2020 (Doc. CCXLIII- bis, n. 3).

2) La manifestazione UEFA Euro 2020 in programma per il 2021

 

Il D.L. 59/2019 (L. 81/2019: art. 5) ha attribuito a Roma Capitale la facoltà di nominare un commissario straordinario preposto alla realizzazione degli interventi necessari per assicurare lo svolgimento del campionato europeo di calcio che si sarebbe dovuto svolgere in dodici città d'Europa – tra le quali Roma - dal 12 giugno al 12 luglio 2020.

In particolare, il commissario provvede in via esclusiva all'espletamento delle procedure dirette alla realizzazione dei lavori e all'acquisizione di servizi e forniture. Può, inoltre, predisporre e approvare il piano degli interventi, nonché applicare riduzioni di termini temporali previsti dal Codice degli appalti e fare ricorso alla procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara.

Il 15 luglio 2019 sul sito del comune di Roma era stata data notizia della nomina del commissario straordinario per tale manifestazione.

A seguito dell'emergenza Coronavirus (COVID-19), il 17 marzo 2020 la UEFA ha annunciato il rinvio della competizione. Le nuove date proposte sono 11 giugno - 11 luglio 2021.

Il 23 aprile 2020, la stessa UEFA ha annunciato che "A seguito del posticipo di UEFA EURO 2020 all'estate del 2021 e dopo una dettagliata analisi interna e discussioni con i partner, il Comitato Esecutivo ha deciso che il nome del torneo resterà UEFA EURO 2020".

Questa decisione permette alla UEFA di mantenere la sua vision del torneo per festeggiare il 60esimo anniversario dei Campionati Europei (1960 – 2020).

Servirà anche a ricordare come l'intera famiglia del calcio europeo si sia unita per rispondere alle circostanze straordinarie legate alla pandemia COVID-19 e il difficile periodo che l'Europa, e il mondo, ha dovuto attraversare nel 2020.

Questa scelta è in linea con l'impegno della UEFA di rendere UEFA EURO 2020 sostenibile e non generare sprechi addizionali. Tanto materiale brandizzato era stato già prodotto quando il torneo è stato posticipato. Un cambio del nome dell'evento avrebbe portato alla distruzione di quei materiali e a un'ulteriore produzione degli stessi".

3) Le Finali di tennis ATP Torino 2021-2025

Con il D.L. 16/2020 (L. 31/2020) sono state adottate disposizioni in materia di organizzazione e svolgimento delle Finali di tennis ATP Torino 2021-2025. In particolare:

  • è stata prevista l'istituzione del Comitato per le Finali ATP, con funzioni di coordinamento e monitoraggio nelle attività di promozione della città di Torino e del territorio. Il Comitato è presieduto dal sindaco di Torino, o da un suo delegato, e composto da un rappresentante del Presidente della giunta regionale del Piemonte, con funzioni di vicepresidente, da un rappresentante dell'Autorità di Governo competente in materia di sport e da un rappresentante della Federazione italiana tennis. Al contempo, sono state affidate alla Federazione italiana tennis (FIT) le attività organizzative ed esecutive dirette allo svolgimento delle medesime Finali (art. 6);
  • il Comune di Torino è stato autorizzato ad elaborare il piano delle opere e infrastrutture pubbliche e delle opere private destinate alla ricettività, alle attività turistiche, sociali e culturali, connesse alle Finali (art. 7);
  • è stata riconosciuta ai soggetti privati che hanno prestato garanzia in favore della FIT per l'adempimento delle obbligazioni da quest'ultima contratte nei confronti della società ATP Tour, la facoltà di richiedere la concessione della controgaranzia dello Stato per un ammontare massimo complessivo di € 44 mln fino al 31 dicembre 2024, ridotti a un ammontare massimo di € 28,6 mln dal 1° gennaio 2025 al 30 gennaio 2026 (art. 8);
  • è stato stabilito che le risorse già destinate alla FIT per l'organizzazione delle Finali ATP sono trasferite annualmente entro il 15 gennaio e sono destinate, in via prioritaria, all'adempimento delle obbligazioni pecuniarie assunte dalla Federazione. Inoltre, sono stati assegnati alla stessa FIT ulteriori € 3 mln per il 2020 (art. 9).

4) La Ryder Cup 2022

La L. di bilancio 2020 (L. 160/2019: art. 1, co. 19-20), al fine di garantire la sostenibilità della Ryder Cup 2022 sotto il profilo ambientale, economico e sociale, ha autorizzato una spesa di € 20 mln per il 2020, € 20 mln per il 2021 e € 10 mln per il 2022 per la realizzazione di interventi nel territorio della regione Lazio.

In attuazione, è intervenuto il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze 3 giugno 2020, n. 229 che ha individuato le opere infrastrutturali da realizzare –comprese quelle per l'accessibilità – distinte in opere essenziali, connesse e di contesto, ne ha identificato il soggetto attuatore e ne ha disposto il finanziamento.
Precedentemente, il D.L. 50/2017 ( L. 96/2017: art. 63) aveva previsto la concessione a favore di Ryder Cup Europe LLP della garanzia dello Stato per un ammontare fino a € 97 mln, per il periodo 2017-2027, ai fini della realizzazione del progetto Ryder Cup 2022 relativamente alla parte non coperta dai contributi dello Stato.
La relazione tecnica al disegno di legge di conversione del D.L. chiariva che la garanzia era concessa per l'adempimento degli impegni assunti dalla Federazione italiana golf (FIG) in relazione al Progetto Ryder Cup 2022, nel periodo 2017-2027, non coperti dal contributo statale introdotto con la legge di bilancio 2017 (sezione seconda), e non già garantiti dalla garanzia fideiussoria rilasciata dall'Istituto per il credito sportivo.

5) I campionati europei di nuoto 2022

 

La L. di bilancio 2021 (L. 178/2021: co. 563) ha autorizzato una spesa di € 4 mln per il 2021, da destinare alla Federazione italiana nuoto, che può avvalersi di un comitato organizzatore, per l'organizzazione dei campionati europei di nuoto che si svolgeranno a Roma nel 2022.

Le risorse, volte a supportare le attività organizzative e di sviluppo nel territorio nazionale, in particolare nella regione Lazio e nella città metropolitana di Roma, devono essere utilizzate anche per l'eliminazione delle barriere architettoniche e per favorire la partecipazione all'evento di atleti paralimpici.

 

In base al comunicato stampa della Federazione italiana nuoto del 2 dicembre 2019, la 36esima edizione dei campionati europei di nuoto, nuoto di fondo, tuffi, tuffi dalle grandi altezze e nuoto sincronizzato si svolgerà a Roma dall'11 al 21 agosto 2022. La presentazione ufficiale del dossier è avvenuta al bureau di Dublino il 12 ottobre 2019 e la site visit è stata effettuata a Roma il successivo 22 novembre.
E' prevista la partecipazione di 1500 atleti in rappresentanza di 52 nazioni per 74 finali con 222 medaglie in palio. La presenza mediatica è stimata in più di 800 operatori del settore con 100.000 spettatori in tribuna e 200 milioni di telespettatori.
Lo stesso comunicato sottolineava che non sarà costruito nessun impianto nuovo, ma saranno valorizzate e utilizzate le strutture nella città metropolitana e nella regione.
Qui il masterplan. Qui una brochure informativa.

6) Le Olimpiadi e Paralimpiadi Milano-Cortina 2026

 

I primi interventi per l'organizzazione e lo svolgimento delle Olimpiadi e Paralimpiadi Milano-Cortina 2026 sono stati recati dalla L. di bilancio 2020 (L. 160/2019: art. 1, co. 18 e 20-23) che, al fine di garantire la sostenibilità degli stessi eventi sotto il profilo ambientale, economico e sociale, ha autorizzato una spesa di € 1.000 mln (di cui € 50 mln per il 2020, € 180 mln per il 2021, € 190 mln per ciascuno degli anni dal 2022 al 2025 e 10 mln per il 2026) per la realizzazione di interventi nei territori delle regioni Lombardia e Veneto e delle province autonome di Trento e di Bolzano, con riferimento a tutte le aree olimpiche, e di € 8 mln per il 2020 e di € 7 mln per il 2021 per il completamento del polo metropolitano M1-M5 di Cinisello-Monza Bettola.

In attuazione, è intervenuto il Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze del 7 dicembre 2020, che ha individuato le opere infrastrutturali da realizzare, comprese quelle per l'accessibilità, distinte in opere essenziali, connesse e di contesto, disponendo per ciascuna di esse il relativo finanziamento. Il decreto è stato emanato acquisite le intese dei Presidenti delle regioni e delle province autonome interessate, rese – ai sensi di quanto previsto dal successivo D.L. 16/2020 ( L. 31/2020: art. 3) - sentiti gli enti locali territorialmente interessati. Sempre ai sensi di quanto disposto dal D.L. 16/2020, lo schema di decreto è stato trasmesso alle Camere per l'espressione del parere delle Commissioni parlamentari competenti per materia.
 

Successivamente, il D.L. 16/2020 (L. 31/2020) ha adottato disposizioni in materia di organizzazione e svolgimento delle Olimpiadi e Paralimpiadi Milano-Cortina 2026. In particolare, ha previsto:

  • l'istituzione, presso il CONI, del Consiglio Olimpico congiunto, con funzioni di indirizzo generale sul programma di realizzazione dei Giochi. In particolare, il Consiglio è composto da 15 membri, dei quali un rappresentante del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), uno del Comitato Paralimpico Internazionale, uno del CONI, uno CIP, uno del Comitato Organizzatore (di cui all'art. 2), uno della Società Infrastrutture Milano Cortina 2020-2026 spa (di cui all'art. 3), uno del Forum per la sostenibilità dell'eredità olimpica e paralimpica (di cui all'art. 3-bis), uno del Dipartimento per lo sport, uno del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, uno della regione Lombardia, uno della regione Veneto, uno della provincia autonoma di Trento, uno della provincia autonoma di Bolzano, uno del comune di Milano e uno del comune di Cortina d'Ampezzo. Le regole per il funzionamento del Consiglio devono essere definite con DPCM o con decreto del Ministro delegato in materia di sport, d'intesa con le regioni e le province autonome interessate (art. 1);
  • il riconoscimento della Fondazione "Milano-Cortina 2026" - già costituita a dicembre 2019 tra CONI, CIP, regioni Lombardia e Veneto, comuni di Milano e Cortina - quale Comitato organizzatore (art. 2);
  • la costituzione della società "Infrastrutture Milano Cortina 2020-2026 spa", sottoposta alla vigilanza del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, cui è affidato il compito di realizzare le opere previste per lo svolgimento dei Giochi, agendo come centrale di committenza e stazione appaltante, in coerenza con le indicazioni del Comitato organizzatore. Ai medesimi fini, possono essere nominati uno o più commissari straordinari (art. 3);
  • la costituzione del Forum per la sostenibilità dell'eredità olimpica e paralimpica. La composizione e le regole di funzionamento del Forum devono essere definite con DPCM o con decreto del Ministro delegato in materia di sport, d'intesa con gli enti territoriali interessati(art. 3-bis);
  • la prestazione da parte dello Stato, al CIO, di una garanzia, fino ad un ammontare massimo di € 58,1 mln (art. 4);
  • agevolazioni fiscali (art. 5);
  • la disciplina dei diritti di privativa inerenti il simbolo olimpico e il simbolo paralimpico, nonché altri segni che contengano parole o riferimenti diretti comunque a richiamare i suddetti simboli o gli stessi Giochi (artt. 5-bis e 5-ter).

Ancor dopo, il D.L. 34/2020 (L. 77/2020), al fine di garantire l'accessibilità sostenibile in tempo utile per lo svolgimento degli eventi, ha previsto il trasferimento di risorse ad Anas (art. 214, co. 2-bis e 2-ter) e a Rete Ferroviaria Italiana (art. 208, co. 4).

 

Da ultimo, la L. di bilancio 2021 (L. 178/2021: co. 773-774) ha autorizzato la spesa di € 45 mln per il 2021 e € 50 mln per ciascuno degli anni 2022 e 2023 per le opere connesse agli impianti sportivi delle Olimpiadi e Paralimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, nelle regioni Lombardia e Veneto e nelle province autonome di Trento e di Bolzano.

All'individuazione degli interventi, al riparto delle risorse e all'indicazione dei soggetti attuatori per ciascun intervento, si provvede con decreti del Ministro per le politiche giovanili e lo sport, adottati di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, previa intesa con gli enti territoriali interessati.

La medesima L. di bilancio 2021 (co. 772) ha inoltre introdotto alcune disposizioni volte ad accelerare le procedure per la realizzazione del villaggio olimpico di Milano e delle infrastrutture di urbanizzazione ad esso accessorie e ha previsto che, per la realizzazione del Pala Italia Santa Giulia e delle opere infrastrutturali ad esso connesse, le procedure di VIA regionale si svolgono con provvedimento autorizzativo unico regionale dimezzando la relativa tempistica, fatti comunque salvi i termini previsti per la consultazione del pubblico.

7) I XX Giochi del Mediterraneo Taranto 2026

 

La L. di bilancio 2021 (L. 178/2021: co. 564) ha destinato € 1,5 mln per ciascun anno del triennio 2021-2023 al Comitato organizzatore dei XX Giochi del Mediterraneo 2026, al fine di implementare le attività di pianificazione e organizzazione dei Giochi che si svolgeranno a Taranto.

 

Precedentemente, il D.L. 34/2020 (L. 77/2020: art. 213-bis) aveva attribuito al comune di Taranto un contributo di € 4 mln per il 2020, per il finanziamento degli interventi di messa in sicurezza idraulica e mitigazione del rischio idrogeologico finalizzati all'utilizzo dei siti individuati per lo svolgimento dei medesimi Giochi.

 

Il 24 agosto 2019 il CONI aveva reso noto che l'assemblea annuale del Comitato internazionale dei Giochi del Mediterraneo (CIJM) aveva deliberato che la XX edizione dei Giochi del Mediterraneo, posticipata al 2026, si svolgerà a Taranto.
Qui il dossier di candidatura.
Il 9 giugno 2020 il Presidente della regione Puglia e il Sindaco di Taranto hanno sottoscritto lo Statuto del Comitato organizzatore dei XX Giochi del Mediterraneo Taranto 2026, in rappresentanza dei due enti promotori e fondatori.
Per approfondimenti, si veda qui.
In base al comunicato stampa della Regione Puglia dell'8 luglio 2020, il Comitato organizzatore si è insediato in pari data ed è composto dai rappresentanti nominati dai membri fondatori, Regione Puglia e Comune di Taranto. Lo stesso comunicato evidenziava che il Comitato organizzatore sarà integrato dai componenti nominati dal Ministro dello sport, dal presidente del CONI, dal presidente del CIP e dal presidente della Provincia di Taranto e che lo statuto del Comitato prevede, comunque, l'inserimento di altre istituzioni.
ultimo aggiornamento: 13 aprile 2021

1) L'attività sportiva nelle scuole

Il potenziamento delle discipline motorie e lo sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport rientrano negli ambiti relativi all'ampliamento dell'offerta formativa, per i quali la L. 107/2015 (art. 1, co. 7, lett. g) ha previsto la costituzione, nell'organico dell'autonomia, di posti per il potenziamento.

Tale previsione è stata puntualizzata, con riferimento alla scuola primaria, dalla L. di bilancio 2018 (L. 205/2017: art. 1, co. 616), che ha disposto che il 5% dei posti per il potenziamento è destinato alla promozione dell'educazione motoria in tale ordine di scuole.

Al riguardo, il rappresentante del Governo aveva fatto presente, il 19 luglio 2018, alla Camera, in sede di risposta all'interrogazione a risposta immediata in Commissione 5-00182, che la previsione sarebbe stasta attuata a partire dall'a.s. 2019/2020, per dare alle scuole il tempo necessario per aggiornare il Piano triennale dell'offerta formativa, inserendovi specifiche attività di potenziamento per le discipline motorie.
Successivamente, però, con nota prot. 422 del 18 marzo 2019, relativa alle dotazioni organiche del personale docente per l'a.s. 2019/2020, il Ministero aveva evidenziato che si riteneva opportuno attendere l'esito dell'iter dell' A.S. 992, già approvato dalla Camera, che prevede il conferimento al Governo di una delega in materia di insegnamento dell'educazione motoria nella scuola primaria, allo scopo di riservare lo stesso a insegnanti con titolo specifico - come già è, a legislazione vigente, per la scuola secondaria di primo e di secondo grado - e di definire un minimo di due ore settimanali di insegnamento per ciascuna classe.
L'iter dell' A.S. 992 non si è ancora concluso.

 

Inoltre, la stessa L. 107/2015 (art. 1, co. 20) ha previsto che per l'insegnamento dell'educazione motoria nella scuola primaria sono utilizzati docenti abilitati all'insegnamento per la scuola primaria in possesso di competenze certificate, nonché docenti abilitati all'insegnamento anche per altri gradi di istruzione in qualità di specialisti, ai quali è assicurata una specifica formazione.

 

A sua volta, la L. 86/2019 ha previsto (art. 2) la possibilità, per le scuole di ogni ordine e grado, nel rispetto delle prerogative degli organi collegiali, di costituire Centri sportivi scolastici, con le modalità e nelle forme previste dal Codice del terzo settore (d.lgs. 117/2017).

Nello stesso ambito, a livello amministrativo, a partire dal 2014, è stato attivato il progetto "Sport di Classe" per il potenziamento dell'educazione motoria nella scuola primaria.

Il progetto prevede, in particolare:

  • un nuovo sistema di governance dello sport a scuola, attraverso l'integrazione delle competenze (ora, a seguito del D.L. 1/2020-L. 12/2020) di Ministero dell'istruzione e CONI, per una gestione condivisa. In particolare, per l'organizzazione delle attività e delle iniziative sono stati previsti un organismo nazionale e organismi regionali e provinciali di coordinamento, dei quali fanno parte Ministero dell'istruzione, CONI e CIP, che operano anche in raccordo con i Centri sportivi scolastici istituiti presso le scuole del territorio. Nello specifico, a livello regionale la realizzazione del progetto è affidata agli Organismi regionali per lo sport a scuola istituiti presso ciascun Ufficio Scolastico Regionale con Decreto del Direttore Generale;
  • l'inserimento di due ore di educazione fisica settimanali nel piano dell'offerta formativa;
  • l'introduzione della figura del Tutor sportivo, che affianca l'insegnante e svolge un ruolo di supporto per le scuole in fase di progettazione e realizzazione delle attività;
  • un'attenzione particolare agli studenti con disabilità, grazie anche alla partecipazione di rappresentanti del CIP negli organismi di gestione;
  • la formazione iniziale e sul campo dei docenti coinvolti, a cura di Ministero dell'istruzione, CONI e CIP;
  • una revisione dei giochi sportivi, estesi anche alla scuola primaria.

 

Le indicazioni operative per la partecipazione delle scuole sono state diramate:
  • per l'a.s. 2014/2015, con nota n. 6263 del 3 novembre 2014 (che aveva destinato il progetto alle classi terze, quarte e quinte) e con nota n. 6888 del 27 novembre 2014 (con la quale la partecipazione era stata estesa alle classi prime e seconde delle scuole che ne avevano fatto richiesta al momento dell'adesione);
  • per l'a.s. 2015/2016, con nota n. 16552 del 4 dicembre 2015 (che aveva rivolto il progetto alle classi dalla I alla V e aveva disposto, per la prima volta, il coinvolgimento nello stesso dei docenti di educazione fisica dell'organico dell'autonomia);
  • per l'a.s. 2016/2017, con nota n. 6911 del 21 settembre 2016 (formulata negli stessi termini di quella relativa al precedente a.s.);
  • per l'a.s. 2017/2018, con nota  n. 5737 del 7 novembre 2017 (che, in particolare, ha rivolto il progetto a tutte le classi IV e V, prevedendo, rispetto alle edizioni precedenti, un incremento delle ore realizzate dal Tutor per ogni classe. Inoltre, per le regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, ha previsto un intervento aggiuntivo per le classi I, II e III, a valere sui fondi strutturali Europei nell'ambito del PON "Per la Scuola" 2014-2020);
  • per l'a.s. 2018/2019, con nota n. 4048 del 2 ottobre 2018 (che, in particolare, ha rivolto il progetto a tutte le classi IV e V, prevedendo, rispetto alle edizioni precedenti, un ulteriore incremento delle ore realizzate dal Tutor per ogni classe. Inoltre, ha previsto che, per le regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, il progetto può essere integrato, per  le  classi I, II  e III, con i fondi strutturali europei nell'ambito del PON "Per la Scuola" 2014-2020);
  • per l'a.s. 2019/2020, con nota n. 4834 del 31 ottobre 2019 (che, in particolare, ha rivolto il progetto a tutte le classi IV e V, prevedendo, rispetto alle precedenti edizioni, la collaborazione, in via sperimentale, con alcune Federazioni sportive nazionali).  

    Qui i risultati del progetto per l'a.s. 2014/2015, per l'a.s. 2015/2016, per l'a.s. 2016/2017, per l'a.s. 2017/2018 e per l'a.s. 2018/2019.

 

A seguito dell'emergenza Coronavirus (COVID-19) e della sospensione delle attività didattiche, con conseguente sospensione anche del progetto Sport di Classe, l'11 marzo 2020 l'allora Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri aveva indirizzato al Presidente di Sport e Salute spa, con lettera, l'invito a proseguire nel pagamento degli emolumenti destinati ai tutor sportivi impegnati nel progetto medesimo e a corrispondere l'importo complessivo anche per le ore che non si fossero potute recuperare ad emergenza conclusa.

Qui i risultati del progetto per l'a.s. 2019/2020.

 2) Le previsioni a tutela degli studenti praticanti attività sportiva agonistica

 

Tra gli obiettivi dell'espansione dell'offerta formativa scolastica prevista dalla L. 107/2015 rientra anche l'attenzione alla tutela del diritto allo studio degli studenti praticanti attività sportiva agonistica (art. 1, co. 7, lett. g).

 

Al riguardo, con DM 935 dell'11 dicembre 2015 era stato previsto l'avvio di un programma sperimentale, da svolgere nel triennio 2015-2018 negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, che aderivano, realizzato in accordo con CONI, CIP e Lega Calcio di serie A. In particolare, nell'ambito del programma era stata prevista l'individuazione, per ciascun istituto scolastico aderente, di un docente referente che, in coordinamento con le società sportive interessate, sosteneva le attività finalizzate alla fruizione di metodi complementari di e-learning, in seguito alla definizione di un progetto formativo personalizzato per ogni studente atleta, approvato dal Consiglio di classe. Potevano essere fruite attività on line per un massimo del 25% del monte orario annuale personalizzato. Ai fini dell'ammissione all'a.s. successivo o all'esame di Stato, le attività inerenti alla sperimentazione dovevano essere certificate dal Consiglio di classe.
Il percorso di sperimentazione era stato avviato con Nota n. 8605 del 23 novembre 2016.
In seguito, con nota prot. 4379 dell'11 settembre 2017 l'allora  MIUR aveva diramato le indicazioni relative all' a.s. 2017/2018.
E', poi, intervenuto il DM 279 del 10 aprile 2018, con il quale è stata avviata una ulteriore sperimentazione didattica della durata di 5 anni ( dall'a.s. 2018/2019 all'a.s. 2022/2023) per una formazione di tipo innovativo, destinata agli studenti- atleti di alto livello iscritti agli istituti di istruzione secondaria di secondo grado statali e paritari. Il progetto prevede l'individuazione di uno o più docenti referenti per ogni istituto scolastico aderente all'iniziativa, che hanno il compito di curare il coordinamento con le società sportive interessate e di definire con i consigli di classe competenti il percorso formativo personalizzato per ogni studente-atleta. Nell'ambito di tale percorso formativo, fino al 25% del monte ore personalizzato dello studente-atleta può essere fruito on line . Tutte le attività inerenti al progetto devono essere certificate dal Consiglio di classe, anche ai fini dell'ammissione all'a.s. successivo, ovvero all'esame di Stato.
Successivamente, con circolare 3769 del 14 settembre 2018 sono state avviate le attività relative all'a.s. 2018/2019. Qui il comunicato stampa del MIUR.
Qui alcuni dati di sintesi relativi all'a.s. 2018/2019.
Con circolare 4322 del 4 ottobre 2019 sono state avviate le attività relative all' a.s. 2019/2020. Qui il comunicato stampa dell'Ufficio per lo sport.
Qui alcuni dati di sintesi relativi all'a.s. 2019/2020.
Con circolare 2802 del 29 ottobre 2020 sono state avviate le attività relative all' a.s. 2020/2021. Qui l'allegato.
 

3) Il Fondo unico a sostegno del potenziamento del movimento sportivo italiano e il Fondo per potenziare l'attività sportiva di base

 

La L. di bilancio 2018 (L. 205/2017: art. 1, co. 369) ha istituito presso l' (allora) Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri il Fondo unico a sostegno del potenziamento del movimento sportivo italiano, con una dotazione di € 12 mln per il 2018, € 7 mln per il 2019, € 8,2 mln per il 2020 ed € 10,5 mln annui dal 2021.

Le risorse sono destinate al finanziamento di progetti aventi una delle seguenti finalità:

  • incentivare l'avviamento all'esercizio della pratica sportiva delle persone con disabilità;
  • sostenere la realizzazione di eventi calcistici e di altri eventi sportivi di rilevanza internazionale;
  • sostenere la maternità delle atlete non professioniste;
  • garantire il diritto all'esercizio della pratica sportiva dei minori;
Sullo stesso argomento, si ricorda che, successivamente, con Decreto dipartimentale del 17 novembre 2020 è stato istituito il Tavolo tecnico per la co-costruzione e la promozione di una policy per la tutela dei minori nel mondo dello sport con particolare riferimento alle pratiche contro il maltrattamento e gli abusi. Qui il comunicato del Dipartimento per lo sport sull'insediamento dell'organo;
  • sostenere la realizzazione di eventi sportivi femminili di rilevanza nazionale e internazionale.

L'utilizzo del Fondo è disposto con uno o più DPCM da adottare entro il 28 febbraio di ogni anno.

E' dunque intervenuto il DPCM 28 febbraio 2018, che ha ripartito l'intera somma prevista per il 2018 e il 2019 e (solo) parte della somma prevista per il 2020 e a decorrere dal 2021. In particolare, ha disposto la seguente ripartizione:
Successivamente, è intervenuto il DPCM 26 febbraio 2019 che ha evidenziato, anzitutto, l'aumento della dotazione per il 2019 a € 18,954 mln a seguito della disponibilità di fondi non impegnati al 31 dicembre 2018, e ha disposto una nuova ripartizione della somma disponibile per il 2019 e dell'intera somma prevista per il 2020 e per gli anni successivi.

 

Da ultimo, è intervenuto il DPCM 16 aprile 2020 che, a sua volta, ha anzitutto evidenziato l'aumento della dotazione per il 2020 a € 16,853 mln a seguito della disponibilità di fondi non impegnati al 31 dicembre 2019, e ha stabilito una nuova ripartizione delle risorse per il 2020 (al netto di quelle già impegnate), a modifica di quanto già disposto dal DPCM 26 febbraio 2019.

La L. di bilancio 2021 (L. 178/2020: art. 1, co. 561-562) ha istituito un Fondo per potenziare l'attività sportiva di base, con una dotazione di € 50 milioni di euro per il 2021. Il Fondo è finalizzato al potenziamento dell'attività sportiva di base per tutte le fasce della popolazione e ad ottimizzare gli interventi di prevenzione primaria, secondaria e terziaria attraverso l'esercizio fisico.

I criteri di gestione delle risorse devono essere individuati con decreto dell'Autorità di governo competente in materia di sport.

4) Sostegno del programma Special Olympics Italia e del progetto Filippide  

 

La L. di bilancio 2019 (L. 145/2018 : art. 1, co. 652) ha incrementato di € 0,3 mln annui per il 2019, 2020 e 2021 il contributo per l'attuazione del programma internazionale di allenamento sportivo e competizioni atletiche "Special Olympics Italia", destinato a soggetti con disabilità intellettiva.

L'incremento è stato finalizzato a favorire la realizzazione e lo sviluppo in tutto il territorio nazionale dei progetti di integrazione di cui alla L. di stabilità 2016 (L. 208/2015: art. 1, co. 407), che aveva destinato al suddetto programma € 0,5 mln annui a decorrere dal 2016, a valere sulle risorse attribuite al Comitato italiano paralimpico (CIP).

La L. di bilancio 2020 (L. 160/2019: art. 1, co. 333) ha autorizzato la spesa di € 0,5 mln nel 2020 da destinare alle attività del Progetto Filippide per favorire la realizzazione di progetti di integrazione dei disabili attraverso lo sport.

Successivamente, la L. di bilancio 2021 (L. 178/2020: art. 1, co. 385) ha stabilizzato, a decorrere dal 2021, il contributo annuo di € 0,5 mln alle attività del Progetto.

5) Sostegno dello sport femminile

 

Il D.L. 104/2020 (L. 126/2020: art. 12-bis) ha istituito il Fondo per il professionismo negli sport femminili, con una dotazione iniziale di € 2,9 mln per il 2020 e di € 3,9 mln per ciascuno degli anni 2021 e 2022.

Le Federazioni sportive nazionali che intendono accedere al Fondo devono deliberare il passaggio al professionismo sportivo di campionati femminili, che deve avvenire entro il 31 dicembre 2022.

I finanziamenti a valere sul Fondo sono concessi, a domanda, alle Federazioni sportive nazionali che hanno deliberato – entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione – il suddetto passaggio, per le seguenti finalità:

  • per l'anno 2020:

- per almeno la metà dei finanziamenti richiesti, per attività di sanificazione delle strutture sportive e di ristrutturazione degli impianti sportivi;

- per la restante parte, per il sostegno al reddito e la tutela medico-sanitaria delle atlete;

  • per gli anni 2021 e 2022:

- per almeno la metà dei finanziamenti richiesti, per il reclutamento e la formazione delle atlete, nonché per l'allargamento delle tutele assicurative e assistenziali delle stesse;

- per la restante parte, per la promozione dello sport femminile, la sostenibilità economica della transizione al professionismo sportivo, la qualifica e la formazione dei tecnici, la riorganizzazione e il miglioramento delle infrastrutture sportive.

Le modalità di accesso al Fondo sono state stabilite con DPCM 30 dicembre 2020 .
L' Avviso pubblico per la selezione di interventi è stato emanato il 1 febbraio 2021.
La domanda di partecipazione e la relativa documentazione dovevano essere trasmesse per posta elettronica certificata entro le ore 14:00 del 15 febbraio 2021.
Con D.D. 26 febbraio 2021 è stato approvato l'esito della valutazione relativa alla richiesta pervenuta da parte della FIGC, assegnando alla stessa il totale delle risorse stanziate per il 2020.

In precedenza, la L. di bilancio 2020 ( L. 160/2019: art. 1, co. 181) aveva previsto, sempre al fine di promuovere il professionismo nello sport femminile ed estendere alle atlete le condizioni di tutela previste dalla normativa sulle prestazioni di lavoro sportivo, che le società sportive femminili che stipulavano con le atlete contratti di lavoro sportivo (artt. 3 e 4, L. 91/1981) potevano richiedere, per gli anni 2020, 2021 e 2022, l'esonero dal versamento del 100% dei contributi previdenziali e assistenziali, con esclusione dei premi per l'assicurazione obbligatoria infortunistica, entro il limite massimo di € 8.000 su base annua. Tali previsioni sono state abrogate dal citato D.L. 104/2020 che ha disposto anche che i conseguenti risparmi sono utilizzati a copertura degli oneri derivanti dalle disposizioni introdotte dallo stesso D.L..

6) Disposizioni per la promozione turistica del territorio attraverso manifestazioni sportive

La L. di bilancio 2021 (L. 178/2020: art. 1, co. 605-606), ha istituito un Fondo, con una dotazione di € 0,5 mln per ciascun anno del triennio 2021-2023, da destinare all'erogazione di contributi alle regioni e alle province autonome di Trento e di Bolzano per l'organizzazione di gare sportive atletiche, ciclistiche e automobilistiche di rilievo internazionale che si svolgano sul territorio di almeno due regioni, con la finalità di valorizzare e promuovere il territorio italiano.

Le modalità di riparto delle risorse devono essere definite con decreto del Ministro per le politiche giovanili e lo sport.

Le risorse sono appostate sul cap. 2086 dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze.
ultimo aggiornamento: 13 aprile 2021
 
temi di Cultura, spettacolo, sport
 
-