tema 17 luglio 2020
Studi - Osservatorio legislativo e parlamentare La produzione normativa: cifre e caratteristiche

Dall'inizio della XVIII Legislatura sono state approvate 136 leggi (48 sono leggi di conversione di decreti-legge) e sono stati emanati 59 decreti-legge, 79 decreti legislativi e 9 regolamenti di delegificazione.

Per una panoramica più ampia si rinvia al Rapporto sulla legislazione 2019-2020.

apri tutti i paragrafi

Dall'inizio della XVIII Legislatura (23 marzo 2018) sono state approvate 136 leggi (48 leggi di conversione di decreti-legge e 88 altre leggi ordinarie, 56 di iniziativa governativa, 30 di iniziativa parlamentare e 2 di iniziativa mista popolare e parlamentare); 109 leggi sono state pubblicate sulla "Gazzetta Ufficiale"; sono stati inoltre emanati 59 decreti-legge (4 deliberati dal governo Gentiloni, 26 dal governo Conte I e 29 dal governo Conte II), 79 decreti legislativi e 9 regolamenti di delegificazione.

Per l'approvazione di 26 delle 136 leggi il Governo ha fatto ricorso, in almeno un ramo del Parlamento, alla posizione della questione di fiducia (in 14 di questi 26 casi la fiducia è stata posta in tutti i passaggi parlamentari).

Nel numero delle leggi approvate non è al momento considerato il progetto di legge di revisione costituzionale C. 1585-B Cost. - che riduce il numero di deputati a 400 e quello dei senatori elettivi a 200 - approvato in via definitiva dalla Camera nella seduta dell'8 ottobre 2019, in quanto per tale progetto, è stato indetto, ai sensi dell'articolo 138 della Costituzione, il referendum popolare confermativo. Sotto alcuni grafici sulle leggi approvate.

ultimo aggiornamento: 17 luglio 2020

Nella XVIII Legislatura sono stati fin qui approvati 30 progetti di legge di iniziativa parlamentare. Nei grafici sottostanti la ripartizione delle leggi per sede di approvazione e per numero di passaggi parlamentari

NOTA: con "2 passaggi parlamentari" sono indicate le leggi per le quali è stato sufficiente un solo passaggio in ciascuna delle due Camere, per un totale appunto di due passaggi complessivi; con "3 passaggi parlamentari" sono indicate le leggi per le quali è stato necessario un secondo passaggio nel primo ramo di esame, per un totale appunto di tre passaggi complessivi

 

 

 


Alle leggi di iniziativa parlamentare sono stati complessivamente approvati 188 emendamenti, 186 in prima lettura e 2 in seconda lettura. 141 emendamenti sono stati approvati nel corso dell'esame in Commissione e 47 nel corso dell'esame in Assemblea. Nel grafico sottostante la suddivisione degli emendamenti in base al presentatore:

Le leggi di iniziativa parlamentare sono complessivamente composte da 291 commi e da 27.523 parole. Esse hanno registrato,nel corso dell'iter un aumento medio, rispetto al testo base, di 0 commi e di 118 parole. In termini percentuali i testi sono "cresciuti" del 4,47% con riferimento al numero di commi e del 12,81% con riferimento al numero di parole.

Il tempo medio di esame è stato di 202 giorni (88 giorni in prima lettura e 81 giorni in seconda lettura; si prendono in considerazione i tempi dall'inizio dell'esame in Commissione all'approvazione; non sono considerati i tempi di trasmissione tra le due Camere).

ultimo aggiornamento: 17 luglio 2020

Nella XVIII Legislatura sono stati approvati - oltre a 48 disegni di legge di conversione di decreti-legge - 56 altri disegni di legge di iniziativa governativa, tutti approvati in sede referente. Nel grafico sottostante la ripartizione per numero di passaggi parlamentari.

NOTA: con "2 passaggi parlamentari" sono indicate le leggi per le quali è stato sufficiente un solo passaggio in ciascuna delle due Camere, per un totale appunto di due passaggi complessivi; con "3 passaggi parlamentari" sono indicate le leggi per le quali è stato necessario un secondo passaggio nel primo ramo di esame, per un totale appunto di tre passaggi complessivi


Per la "legge anticorruzione" il Governo ha posto, in uno dei passaggi parlamentari, la questione di fiducia; per le leggi di bilancio 2019 (L. n. 145/2018) e 2020 (L. n. 160/2019) la questione di fiducia è stata posta in tutti i passaggi parlamentari di esame.

Alle leggi di iniziativa governativa sono stati approvati complessivamente 773 emendamenti, 722 durante l'esame in prima lettura e 51 nell'esame in seconda lettura. 697 emendamenti sono stati approvati nel corso dell'esame in Commissione e 76 nel corso dell'esame in Assemblea.Nel grafico sottostante la ripartizione degli emendamenti approvati per presentatore:

 


Le leggi di iniziativa governativa - al netto dei decreti leggi convertiti - sono complessivamente composte da 2790 commi e da 302.553 parole (le leggi di bilancio 2019 e 2020 occupano da sole 2242 commi e 238.924 parole). Esse hanno registrato, nel corso dell'iter un aumento medio, rispetto al testo base, di 22 commi e di 2.504 parole. In termini percentuali i testi sono "cresciuti" del 44,73% con riferimento al numero di commi e del 46,35% con riferimento al numero di parole.


Il tempo medio di esame è stato di 204 giorni (79 giorni in prima lettura e 75 giorni in seconda lettura; si prendono in considerazione i tempi dall'inizio dell'esame in Commissione all'approvazione; non sono considerati i tempi di trasmissione tra le due Camere).

ultimo aggiornamento: 17 luglio 2020

Nella XVIII Legislatura sono stati approvati due progetti di legge di iniziativa mista. Si tratta della legge in materia di legittima difesa (L. n. 36/2019) e della legge in materia di educazione civica (L. n. 92/2019), approvati in testi unificati derivanti dalla confluenza di proposte di legge di iniziativa parlamentare e di una proposta di legge di iniziativa popolare.

Per l'approvazione della legge n. 36/2019 (legittima difesa) sono state necessarie due letture nel primo ramo di esame e una nel secondo ramo; per l'approvazione della legge n. 92/2019 è stata sufficiente una sola lettura in ciascuno dei rami del Parlamento.

Entrambi i progetti di legge di iniziativa mista sono stati approvati in sede referente.

ultimo aggiornamento: 17 luglio 2020

Dall'avvio della XVIII Legislatura (23 marzo 2018) sono stati emanati 59 decreti-legge (4 deliberati dal governo Gentiloni, 26 dal governo Conte I e 29 dal governo Conte II); di questi 48 sono stati convertiti in legge. Dieci decreti-legge sono decaduti perché non sono stati convertiti nei tempi previsti; il contenuto di questi decreti-legge è però confluito, con emendamenti approvati nel corso dell'iter parlamentare, in altri provvedimenti.

Nel grafico sottostante la ripartizione dei decreti leggi convertiti per numero di passaggi parlamentari.

NOTA: con "2 passaggi parlamentari" sono indicate le leggi per le quali è stato sufficiente un solo passaggio in ciascuna delle due Camere, per un totale appunto di due passaggi complessivi; con "3 passaggi parlamentari" sono indicate le leggi per le quali è stato necessario un secondo passaggio nel primo ramo di esame, per un totale appunto di tre passaggi complessivi


Per 23 dei 48 decreti-legge convertiti il Governo ha fatto ricorso alla posizione, in almeno uno dei rami del Parlamento, della questione di fiducia. In 12 di questi casi la questione di fiducia è stata posta in entrambi i rami del Parlamento.

Nel corso dell'iter parlamentare sono stati complessivamente approvati 2215 emendamenti (2156 in prima lettura e 59 in seconda lettura); 1926 emendamenti sono stati approvati in Commissione e 289 in Assemblea. Nel grafico sottostante la ripartizione degli emendamenti approvati per presentatore:


I testi dei decreti-legge coordinati e delle leggi di conversione sono complessivamente composti da 6.324 commi e da 720.377 parole. Esse hanno registrato,nel corso dell'iter un aumento medio, rispetto al testo base, di 50 commi e di 8.990 parole. In termini percentuali i testi sono "cresciuti" del 61,20% con riferimento al numero di commi e del 100,53% con riferimento al numero di parole. I grafici sottostanti comprendono i commi e le parole delle relative leggi di conversione.


Il tempo medio di esame è stato di 43 giorni (29 giorni in prima lettura e 10 giorni in seconda lettura; si prendono in considerazione i tempi dall'inizio dell'esame in Commissione all'approvazione; non sono considerati i tempi di trasmissione tra le due Camere).

 

 

risorse web
ultimo aggiornamento: 17 luglio 2020

Nel corso dell'iter parlamentare dei provvedimenti approvati definitivamente sono stati approvati complessivamente 3.202 emendamenti, 3.089 in prima lettura e 113 in seconda lettura. 2778 emendamenti sono stati approvati in Commissione e 424 in Assemblea. Nel grafico sottostante la ripartizione degli emendamenti approvati per presentatore:

 


ultimo aggiornamento: 17 luglio 2020


Dall'avvio della XVIII Legislatura (23 marzo 2018) sono stati pubblicati nella "Gazzetta Ufficiale" 79 decreti legislativi.

In 51 casi si è trattato di decreti legislativi di recepimento della normativa dell'Unione europea mentre in 28 casi i decreti legislativi danno attuazione ad altre leggi dello Stato.

Tra i sei ambiti di intervento utilizzati ai fini dell'annuale Rapporto sulla legislazione (1. ordinamento istituzionale, ripartito al suo interno nei sottosettori interno, Unione europea, estero; 2. sviluppo economico e attività produttive; 3.territorio, ambiente e infrastrutture; 4. servizi alle persone e alla comunità; 5. finanza; 6. multisettoriale) prevale l' "ordinamento istituzionale" (23 decreti legislativi, di cui 22 riconducibili inoltre al sottosettore interno), seguito dall'ambito territorio ambiente e infrastrutture (19 decreti legislativi).

Con riferimento, invece, alla tipologia di incidenza sull'ordinamento dei decreti legislativi, riprendendo anche in questo caso la classificazione prevista dal Rapporto sulla legislazione (1. norme istituzionali; 2. norme di settore; 3. norme intersettoriali; 4. provvedimenti; 5. manutenzione normativa), prevale la tipologia "normativa di settore" (51 decreti legislativi).

ultimo aggiornamento: 17 luglio 2020
 
focus
 
dossier
 
temi di Politiche della legislazione
 
-