tema 4 ottobre 2018
Studi Camera - Bilancio Politica economica e finanza pubblica Il Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese

Il Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del paese è stato istituito dalla legge di bilancio per il 2017, nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze, per investire in determinati settori di spesa, tra cui i trasporti, le infrastrutture, la ricerca, la difesa del suolo, l'edilizia pubblica, la riqualificazione urbana. A tali finalità sono stati destinati inizialmente oltre 47 miliardi di euro in un orizzonte temporale venticinquennale, dal 2017 al 2032, già ripartiti tra le diverse finalità.

Successivamente, la legge di bilancio per il 2018 ha rifinanziato il Fondo investimenti per oltre 36 miliardi dal 2018 al 2033.

apri tutti i paragrafi

La legge di bilancio per il 2017 (comma 140 della legge 11 dicembre 2016, n. 232) ha istituito un Fondo, nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze (cap. 7555), per assicurare il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese in determinati settori di spesa, tra cui i trasporti, le infrastrutture, la ricerca, la difesa del suolo, l'edilizia pubblica, la riqualificazione urbana.

A tali finalità sono stati destinati oltre 47 miliardi di euro in un orizzonte temporale venticinquennale dal 2017 al 2032. Più in dettaglio, la dotazione iniziale è di 1.900 milioni di euro per l'anno 2017, 3.150 milioni per l'anno 2018, 3.500 milioni per l'anno 2019 e 3.000 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2032.

I settori di spesa previsti dalla legge di bilancio per il 2017 sono:

a) trasporti, viabilità, mobilità sostenibile, sicurezza stradale, riqualificazione e accessibilità delle stazioni ferroviarie;

b) infrastrutture, anche relative alla rete idrica e alle opere di collettamento, fognatura e depurazione;

c) ricerca;

d) difesa del suolo, dissesto idrogeologico, risanamento ambientale e bonifiche;

e) edilizia pubblica, compresa quella scolastica;

f) attività industriali ad alta tecnologia e sostegno alle esportazioni;

g) informatizzazione dell'amministrazione giudiziaria;

h) prevenzione del rischio sismico;

i) investimenti per la riqualificazione urbana e per la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia;

l) eliminazione delle barriere architettoniche.

 

Per quanto concerne le modalità di utilizzo del Fondo, il citato comma 140 ne prevede il riparto con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con i Ministri interessati, in relazione ai programmi presentati dalle amministrazioni centrali dello Stato.

La norma prevede, in particolare, che con i medesimi decreti siano individuati gli interventi da finanziare e i relativi importi, indicando, ove necessario, le modalità di utilizzo dei contributi, sulla base di criteri di economicità e di contenimento della spesa, anche attraverso operazioni finanziarie con oneri di ammortamento a carico del bilancio dello Stato, con la Banca europea per gli investimenti, con la Banca di sviluppo del Consiglio d'Europa, con la Cassa depositi e prestiti Spa e con i soggetti autorizzati all'esercizio dell'attività bancaria e creditizia, compatibilmente con gli obiettivi programmati di finanza pubblica.

 La stessa norma prevede la trasmissione degli schemi di decreto alle Commissioni parlamentari competenti per materia e fissa un termine di 30 giorni (dalla data dell'assegnazione) per l'espressione del parere. Tale parere è tuttavia considerato non obbligatorio in quanto, decorso il citato termine, i decreti possono essere comunque adottati.

Per quanto riguarda la procedura di ripartizione delle risorse, si segnala il D.L. n. 91/2018 (Proroga termini), articolo 13, comma 01, ha integrato la procedura per l'adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri di riparto del Fondo prevedendo - nel caso in cui essi prevedano interventi rientranti nelle materie di competenza regionale o delle provincie autonome - la previa intesa con gli enti territoriali interessati, ovvero in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano.

Ciò in ottemperanza a quanto emerso nella nella Sentenza della Corte n. 74/2018, che ha dichiarato parzialmente illegittimo il comma 140 della legge n. 232/2016, istitutivo del Fondo, "nella parte in cui non prevede un'intesa con gli enti territoriali in relazione ai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri riguardanti settori di spesa rientranti nelle materie di competenza regionale".

Poiché i finanziamenti autorizzati dal comma 140 medesimo sono già stati oggetto di ripartizione con appositi D.P.C.M. (D.P.C.M 29 maggio 2017 e D.P.C.M. 21 luglio 2017), la modifica introdotta con il D.L. n. 91/2018 permette, nel caso di interventi rientranti nelle suddette materie già individuati con i decreti adottati anteriormente alla data del 18 aprile 2018, il raggiungimento dell'intesa anche successivamente alla adozione degli stessi decreti.

Sul monitoraggio degli interventi connessi al Fondo, il comma 142 della legge di bilancio 2017 dispone che gli interventi di cui ai commi 140, 140-bis, 140-ter (su tali commi aggiuntivi, introdotti dall'articolo 25 del D.L. n. 50/2017, si veda il paragrafo seguente) e 141 sono monitorati ai sensi del decreto legislativo 29 dicembre 2011, n. 229, in materia di procedure di monitoraggio sullo stato di attuazione delle opere pubbliche e di verifica dell'utilizzo dei finanziamenti nei tempi previsti.

ultimo aggiornamento: 6 febbraio 2018

Il riparto delle risorse autorizzate dal comma 140 della legge n. 232/2016 è stato effettuato mediante i seguenti provvedimenti:

a)   D.P.C.M 29 maggio 2017 che ha destinato una prima tranche di risorse del Fondo, 800 milioni di euro per il triennio 2017-2019, alla finalità di cui alla lettera i) del comma 140, relativa alla riqualificazione urbana e alla sicurezza delle periferie, di cui 270 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018 e 260 milioni di euro per l'anno 2019;

b)   D.P.C.M. 21 luglio 2017, che ha ripartito le ulteriori risorse del Fondo per complessivi 46.044 milioni di euro.

c)   una quota parte delle risorse del Fondo è stata destinata direttamente a specifiche finalità sulla base di diretti interventi normativi. In particolare, il D.L. n. 50/2017 ha assegnato 400 milioni per il 2017 alle regioni, per nuovi investimenti, e circa 306 milioni al MIUR, per il finanziamento di interventi di edilizia scolastica; il D.L. n. 13/2017, ha destinato complessivi 13 milioni di euro a copertura delle spese di realizzazione dei centri di permanenza per i rimpatri.

a) Riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie: D.P.C.M 29 maggio 2017.

La prima ripartizione del Fondo è avvenuta con un il D.P.C.M 29 maggio 2017, che ha destinato alla finalità di cui alla lettera i) del comma 140, relativa alla riqualificazione urbana e alla sicurezza delle periferie, complessivamente 800 milioni di euro per il triennio 2017-2019 (270 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018 e 260 milioni di euro per l'anno 2019), in relazione alla necessità ed urgenza di assicurare il finanziamento dei progetti compresi nel Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie e delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia, istituito dai commi da 974 a 978, dell'art. 1 della legge di stabilità per il 2016 con una dotazione iniziale di 500 milioni per il 2016.

Ciò in ottemperanza a quanto previsto dal successivo comma 141 della legge n. 232/2016 il quale, con riferimento specifico al Programma di riqualificazione delle periferie, disponeva che a tale Programma fossero destinati ulteriori finanziamenti, da reperirsi in sede di riparto del Fondo di cui al comma 140 nonché con delibera del CIPE a valere sulle risorse disponibili del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) della programmazione 2014-2020, al fine di garantire il completo finanziamento dei progetti selezionati nell'ambito del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie.

Si ricorda che sul relativo  schema di D.P.C.M. ( A.G. 409) la Commissione Bilancio della Camera ha espresso parere favorevole in data 9 maggio 2017.

Gli 800 milioni assegnati a valere sulle risorse del Fondo investimenti si sono pertanto sommati ai 500 milioni già stanziati per il 2016 dalla norma istitutiva del Programma e agli ulteriori 761,32 milioni assegnati con deliberazion1 del CIPE del 3 marzo 2017, n. 2 e 7 agosto 2017, n. 72 a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione, al fine di garantire al Programma periferie uno stanziamento complessivo di risorse pari a 2.061,3 milioni, necessario a garantire la realizzazione di tutti i 120 progetti rientranti nella graduatoria, approvata con D.P.C.M. 6 dicembre 2016.

Si segnala che, da ultimo. il D.L. n. 91/2018 (Proroga termini, articolo 13, comma 02) ha differito all'anno 2020 l'efficacia delle convenzioni concluse, dagli enti locali con gli enti promotori dei progetti medesimi, ai sensi del citato decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 29 maggio 2017, nonché delle delibere del CIPE n. 2 del 3 marzo 2017 e n. 72 del 7 agosto 2017, adottate ai sensi dell'articolo 1, comma 141, della legge 11 dicembre 2016, n. 232.

b) Il riparto del Fondo con D.P.C.M. 21 luglio 2017

Il riparto della gran parte delle risorse del Fondo è avvenuto con il D.P.C.M. 21 luglio 2017,

Il decreto contiene la tabella che ripartisce le risorse tra le finalità indicate alle lettere da a) ad l) del comma 140 della legge n. 232/2016, con indicazione, nell'ambito di ciascun settore, della quota parte assegnata a ciascun Ministero.

Si ricorda che il relativo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri ( A.G. 421) è stato presentato alle Camere per il prescritto parere. Le Commissioni bilancio delle Camere s i sono espresse con parere favorevole su provvedimento, approvato rispettivamente nella seduta del 5 luglio 2017 presso la V^ Commissione del Senato, e nella seduta dell' 11 luglio 2017 dalla Commissione bilancio della Camera.
La proposta di riparto del Fondo è stata definita anche tenendo conto delle richieste formulate dai Ministeri, dei successivi approfondimenti condotti con ciascuna Amministrazione, in coerenza con i vincoli finanziari del Fondo e con la prevedibile effettiva spendibilità degli interventi proposti.
Il Ministro Padoan, audito in data 27 giugno 2017 (vedi resoconto) sul citato A.G. 421, ha depositato una tabella di maggior dettaglio in relazione ai progetti che i ministeri intendono realizzare con le quote loro destinate del Fondo, oltre ad una relazione.
Si segnala infine che:
  • con D.M. 6 agosto 2018, n 360 (Riparto del fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese, di cui all'articolo 1, comma 140, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 destinato al completamento degli interventi per il trasporto rapido di massa) del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sono state ripartite le risorse stanziate sul capitolo 7400 del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale del MIT denominato «Spese per il completamento di interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa», a valere sulle risorse del Fondo investimenti, per un importo di Euro 1.397.000.000 tra gli interventi indicati nell'allegato 1 al decreto medesimo, con le modalità indicate dal D.M. 22 dicembre 2017;
  • con D.M. 6 agosto 2018, n. 361 (Riparto del fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese, di cui all'articolo 1, comma 140, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 destinato a interventi per l'attrezzaggio tecnologico delle linee ferrovie regionali non interconnesse alla rete nazionale) del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti sono state ripartite le risorse stanziate sul capitolo 7431 del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale denominato "Interventi per la messa in sicurezza delle ferrovie non interconnesse" per complessivi 338 milioni di euro, secondo le modalità indicate dal D.M. 1 febbraio 2018, n. 30.
c) Le ulteriori destinazioni disposte per legge

L'articolo 25 del D.L. n. 50/2017 è intervenuto sulla normativa prevista dalla legge di bilancio 2017 introducendo due nuovi commi, ed operando le seguenti destinazioni di risorse del Fondo:

  • il comma 140-bis attribuisce alle regioni a statuto ordinario una quota pari a 400 milioni per il 2017, ripartiti secondo la tabella seguente, allegata al decreto-legge, per investimenti nuovi ed aggiuntivi per le medesime finalità cui il fondo è destinato;

  • il comma 140-ter attribuisce al MIUR una quota pari a 360 milioni di euro (di cui 64 milioni per il 2017, 118 milioni per il 2018, 80 milioni per il 2019 e 44,1 milioni per il 2020) per il finanziamento di interventi di edilizia scolastica.

 

Il D.L. n. 13/2017, all'articolo 19, comma 3, ha previsto per le spese di realizzazione dei centri di permanenza per i rimpatri, pari a 13 milioni di euro complessivi, l'utilizzo delle risorse del Fondo investimenti.

ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2018

La legge di bilancio per il 2018 (legge n. 205/2017, articolo 1, commi 1072-1075) ha rifinanziato  il Fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese per complessivi 36,115 miliardi di euro per gli anni dal 2018 al 2033.

In particolare, il rifinanziamento disposto dal comma 1072 è così ripartito nel periodo considerato: 800 milioni di euro per l'anno 2018, 1.615 milioni di euro per l'anno 2019, 2.180 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2023, 2.480 milioni per il 2024 e a 2.500 milioni per ciascuno degli anni dal 2025 al 2033. 

Si prevede inoltre (comma 1075), per il monitoraggio dello stato di avanzamento degli interventi finanziati con le risorse del Fondo, che ogni Ministero invii una apposita relazione, entro il 15 settembre di ogni anno, alla Presidenza del Consiglio dei ministri, al MEF e alle Commissioni parlamentari competenti per materia.

Vengono elencati specifici settori di spesa tra cui ripartire le risorse oggetto di rifinanziamento:

a)  trasporti e viabilità;

b)  mobilità sostenibile e sicurezza stradale;

c)  infrastrutture, anche relative alla rete idrica e alle opere di collettamento, fognatura e depurazione;

d)  ricerca;

e)  difesa del suolo, dissesto idrogeologico, risanamento ambientale e bonifiche;

f)   edilizia pubblica, compresa quella scolastica e sanitaria;

g)  attività industriali ad alta tecnologia e sostegno alle esportazioni;

h)  digitalizzazione delle amministrazioni statali;

i)   prevenzione del rischio sismico;

l)   investimenti in riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie;

m) potenziamento infrastrutture e mezzi per l'ordine pubblico, la sicurezza e il soccorso;

n)  eliminazione delle barriere architettoniche.

Per quanto riguarda la procedura di ripartizione delle risorse, il comma 1072 tiene fermo quanto previsto dalla norma istitutiva (il citato comma 140, dell'articolo 1, legge di bilancio per il 2017) in relazione al riparto tramite uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri , al parere parlamentare e al contenuto dei decreti. A seguito della modifica introdotta con il D.L. n. 91/2018 (Proroga termini, articolo 13, comma 01 e comma 1, lettera a)) - conseguente alla sentenza della Corte Costituzionale 13 aprile 2018 n. 74 - nel caso in cui i decreti di riparto prevedano interventi rientranti nelle materie di competenza regionale o delle provincie autonome, si richiede la previa intesa con gli enti territoriali interessati, ovvero in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano.

Si segnala, che la legge di bilancio per il 2018 aveva posto il termine di 60 giorni per l'emanazione del decreto di riparto. Successivamente tale termine è stato prorogato al 31 ottobre 2018 dal D.L. n. 91/2018 (Proroga termini, articolo 13, comma 1, lettera b))

I commi 1073 e 1074 destinano una quota annua pari a 70 milioni di euro delle risorse del Fondo investimenti al finanziamento degli interventi individuati dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 15 settembre 2015 di approvazione del Piano stralcio aree metropolitane e aree urbane, e degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico nelle Regioni del Centro-Nord, che sono individuati nell'ambito di un programma nazionale approvato dal CIPE su proposta della Presidenza del Consiglio dei ministri - Struttura di missione contro il dissesto idrogeologico, sulla base di un accordo di programma stipulato.

Infine, il comma 1079, che istituisce, presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, il Fondo per la progettazione degli enti locali (con una dotazione finanziaria del fondo, quantificata in 30 milioni di euro annui per il periodo 2018-2030 destinata al cofinanziamento di opere di messa in sicurezza di edifici e strutture pubbliche) prevede una riduzione di 5 milioni di euro,  per ciascuno degli anni 2018 e 2019, dell'autorizzazione di spesa relativa al Fondo investimenti relativamente alla quota affluita al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per gli interventi finanziati con il Fondo per la progettazione di fattibilità delle infrastrutture prioritarie.

ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2018

Con la sentenza n. 74 del 7 marzo 2018, la Corte costituzionale ha dichiarato parzialmente illegittimo il comma 140 della legge 11 dicembre 2016, n. 232, istitutivo del Fondo, con effetti conseguenti anche per ciò che riguarda il comma 1072 della legge di bilancio 2018 e la sua attuazione.

La sentenza, originata da un ricorso della regione Veneto, riafferma del principio, consolidato nella giurisprudenza della Corte, secondo il quale è giustificata la previsione con legge statale di fondi settoriali in materie regionali in applicazione del meccanismo della "chiamata in sussidiarietà", a condizione che "la stessa legge preveda contestualmente il coinvolgimento degli enti territoriali nell'adozione dell'atto che regola l'utilizzo del fondo". In applicazione di tale principio, la Corte ha dichiarato illegittimo l'art. 1, comma 140, del bilancio 2017, "nella parte in cui non prevede un'intesa con gli enti territoriali in relazione ai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri riguardanti settori di spesa rientranti nelle materie di competenza regionale".

A seguito della Sentenza della Corte n. 74/2018, con l'articolo 13, comma 01, del D.L. n. 91/2018 (proroga termini) è stata integrata la procedura per l'adozione dei decreti di riparto del Fondo, prevedendo - nel caso che essi prevedano interventi rientranti nelle materie di competenza regionale o delle provincie autonome - la previa intesa con gli enti territoriali interessati, ovvero in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano.

La modifica introdotta con il D.L. n. 91/2018 permette inoltre per gli interventi rientranti nelle suddette materie già individuati con i decreti adottati anteriormente alla data del 18 aprile 2018, il raggiungimento dell'intesa anche successivamente alla adozione degli stessi decreti.

Restano in ogni caso fermi i procedimenti di spesa in corso alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nei termini indicati dalla sentenza della Corte Costituzionale 13 aprile 2018 n. 74.

ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2018

Reperimento di risorse per interventi previsti dal D.L. n. 109/2018

Le risorse del Fondo per gli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese previste dal comma 1072 dell'articolo 1 della legge di bilancio per il 2018 sono utilizzate a copertura da diversi articoli del D.L. n. 109/2018 (Genova), e in particolare:

  • dall'articolo 1, comma 6 in esame (30 milioni di euro annui per ciascuno degli anni dal 2018 al 2029, cui si aggiunge la ulteriore riduzione di 40 milioni per l'anno 2018 e 120 milioni per l'anno 2019 ai fini della compensazione, in termini di fabbisogno e indebitamento netto). Il comma prevede peraltro il reintegro delle risorse del Fondo all'atto del versamento delle risorse da parte del Concessionario;
  • dall'articolo 5, comma 2 (20 milioni di euro per il 2019 per il trasporto pubblico locale);
  • dall'articolo 6, comma 1 (8 milioni per il 2018, 15 milioni per il 2019 e 7 milioni per il 2020 per l'ottimizzazione dei flussi veicolari logistici nel porto di Genova);
  • dall'articolo 14, comma 5 (5 milioni di euro per l'anno 2018, 10 milioni di euro per l'anno 2019 per la realizzazione del sistema di monitoraggio dinamico per la resilienza delle infrastrutture).

Nel complesso, l'autorizzazione di spesa di cui al comma 1072 alla legge n. 205/2017 è ridotta di complessivi 585 milioni di euro nel periodo 2018-2029 dal citato decreto-legge, come riportato nella tabella che segue:

*Il comma 6 dell'articolo 1 del D.L. n. 109/2018 dispone peraltro che all'atto del versamento da parte del concessionario delle somme dovute, il c.d. Fondo investimenti venga corrispondentemente reintegrato, anche mediante versamento all'entrata del bilancio dello Stato da parte del Commissario.
Il riparto della quota residua del secondo finanziamento

Il Governo ha presentato alle Commissioni parlamentari competenti per il prescritto parere l'A.G. 51, che ripartisce le residue risorse previste dal comma 1072 dell'articolo 1 della legge di bilancio per il 2018, al netto, cioè, delle assegnazioni effettuate con il decreto-legge n. 109/2018, attualmente all'esame del Parlamento, che ha utilizzato 585 milioni complessivi nel periodo 2018-2029 per interventi urgenti per la città di Genova.

Il D.L. n. 91/2018 (Proroga termini), all'articolo 13, ha prorogato i termini di adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri di riparto al 31 ottobre 2018.
Per quanto riguarda la procedura di ripartizione, si segnala che, a seguito della Sentenza della Corte n. 74/2018, l'articolo 13, comma 01, del citato D.L. n. 91/2018 ha integrato la procedura di adozione dei decreti di riparto, prevedendo - nel caso che essi prevedano interventi rientranti nelle materie di competenza regionale o delle provincie autonome - la previa intesa  con gli enti territoriali interessati, ovvero in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano.

La tabella contenuta nel decreto ripartisce le risorse del Fondo per ciascun anno dal 2019 al 2033 tra i vari settori di spesa e i ministeri.

Di seguito si riporta una tabella rielaborata al fine porre in particolare evidenza le assegnazioni per il triennio in corso.
Finalità / Ministero
2018
2019
2020
2021-2033
Totale
a) trasporti e viabilità
 9,1
 -
 160,0
 8.632,3
 8.801,4
MINISTERO  INFRASTRUTTURE E TRASPORTI
 9,1
 -
 160,0
 8.752,3
 8.921,4
b) mobilità sostenibile e sicurezza stradale
 47,6
 110,2
 210,7
 3.109,5
 3.478,0
MINISTERO AMBIENTE
 10,6
 25,5
 50,0
 93,9
 180,0
MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI
 37,0
 84,7
 160,7
 3.015,6
 3.298,0
c) infrastrutture, anche relative alla rete idrica e alle opere di collettamento, fognatura e depurazione
 17,0
 77,5
 114,0
 583,7
 792,2
MINISTERO AGRICOLTURA
 12,0
 17,5
 26,2
 52,2
 107,9
MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI
 5,0
 60,0
 87,8
 531,5
 684,3
d) ricerca
 61,9
 89,5
 90,7
 1.159,0
 1.401,0
MINISTERO DELLA DIFESA
 6,0
 4,0
 -
 -
 10,0
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
 0,1
 0,2
 0,2
 -
 0,5
MINISTERO AGRICOLTURA
 1,0
 5,0
 4,5
 -
 10,5
MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO
 -
 1,0
 4,0
 115,0
 120,0
MINISTERO ISTRUZIONE
 19,6
 46,3
 51,0
 958,1
 1.075,0
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO
 30,0
 30,0
 25,0
 45,0
 130,0
MINISTERO DELLA SALUTE
 5,1
 3,0
 6,1
 40,8
 55,0
e) difesa del suolo, dissesto idrogeologico, risanamento ambientale e bonifiche
 19,0
 34,0
 76,6
 1.752,3
 1.881,9
MINISTERO AMBIENTE
 9,0
 24,0
 60,9
 1.398,2
 1.492,1
MINISTERO DELLA DIFESA
 10,0
 10,0
 15,7
 354,1
 389,8
f) edilizia pubblica compresa quella scolastica e sanitaria
 191,5
 235,5
 286,0
 4.907,6
 5.620,7
MINISTERO DELLA DIFESA
 -
 -
 -
 1.683,7
 1.683,7
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
 7,9
 26,1
 37,4
 348,2
 419,5
MINISTERO DELL'INTERNO
 6,6
 22,0
 47,6
 192,4
 268,5
MINISTERO AFFARI ESTERI
 1,6
 2,1
 2,2
 46,0
 51,8
MINISTERO ECONOMIA E FINANZE
 34,8
 36,4
 40,0
 365,0
 476,2
MINISTERO BENI CULTURALI
 -
 -
 -
 445,1
 445,1
MINISTERO AGRICOLTURA
 -
 1,0
 1,0
 -
 2,0
MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI
 36,3
 30,8
 37,2
 31,0
 135,3
MINISTERO ISTRUZIONE
 61,4
 49,3
 63,0
 1.669,9
 1.843,6
MINISTERO DELLA SALUTE
 43,1
 68,0
 57,7
 126,4
 295,1
g) attività industriali ad alta tecnologia e sostegno alle esportazioni
 160,8
 384,6
 600,0
 5.729,1
 6.874,5
MINISTERO DELLA DIFESA
 33,3
 153,0
 260,8
 1.858,4
 2.305,5
MINISTERO ECONOMIA E FINANZE
 80,0
 100,0
 130,0
 751,7
 1.061,7
MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO
 47,5
 131,6
 209,2
 3.119,0
 3.507,3
h) digitalizzazione delle amministrazioni statali
 34,5
 131,7
 210,5
 977,7
 1.354,4
MINISTERO DELLA DIFESA
 6,4
 6,5
 11,1
 500,5
 524,5
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
 2,6
 2,7
 3,7
 56,0
 65,0
MINISTERO DELL'INTERNO
 4,3
 17,0
 29,8
 338,9
 390,0
MINISTERO AFFARI ESTERI
 1,0
 1,0
 1,0
 2,0
 5,0
MINISTERO ECONOMIA E FINANZE
 15,6
 99,8
 160,3
 52,5
 328,2
MINISTERO BENI CULTURALI
 -
 -
 -
 27,8
 27,8
MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO
 2,1
 4,7
 4,5
 -
 11,3
MINISTERO ISTRUZIONE
 2,5
 -
 -
 -
 2,5
i) prevenzione del rischio sismico
 1,6
 89,6
 101,9
 1.462,1
 1.655,2
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
 1,6
 0,6
 1,6
 21,3
 25,0
MINISTERO DELL'INTERNO
 0,1
 4,0
 15,3
 57,6
 77,0
MINISTERO BENI CULTURALI
 -
 -
 -
 278,2
 278,2
MINISTERO ISTRUZIONE
 -
 85,0
 85,0
 1.105,0
 1.275,0
l) investimenti in riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie
 68,0
 120,0
 120,0
 46,4
 354,4
MINISTERO BENI CULTURALI
 -
 -
 -
 46,4
 46,4
MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI
 3,0
 -
 -
 -
 3,0
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO
 65,0
 120,0
 120,0
 -
 305,0
m) potenziamento infrastrutture e mezzi per l'ordine pubblico, la sicurezza e il soccorso
 81,0
 131,4
 151,6
 2.657,6
 3.021,6
MINISTERO DELLA DIFESA
 21,2
 43,0
 52,3
 784,7
 901,3
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
 9,0
 8,5
 8,6
 184,3
 210,3
MINISTERO DELL'INTERNO
 41,4
 44,0
 49,0
 839,0
 973,4
MINISTERO ECONOMIA E FINANZE
 9,4
 35,9
 40,1
 731,1
 816,6
MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI
 -
 -
 1,5
 118,5
 120,0
n) eliminazione delle barriere architettoniche
 25,0
 16,0
 21,0
 232,8
 294,8
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
 1,0
 1,0
 1,0
 2,0
 5,0
MINISTERO BENI CULTURALI
 -
 -
 -
 129,8
 129,8
MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI
 24,0
 15,0
 20,0
 101,0
 160,0
Totale complessivo
 717,0
 1.420,0
 2.143,0
 31.250,0
 35.530,0
Fonte: Rielaborazione Servizio Studi Camera su Allegato 1.

ultimo aggiornamento: 4 ottobre 2018
 
dossier
 
temi di Politica economica e finanza pubblica