tema 7 agosto 2020
Studi - Difesa Le applicazioni della "legge quadro sulle missioni internazionali"

Dall'entrata in vigore della legge n. 145 del 2016  il Governo ha presentato alle camere 6 Deliberazione di autorizzazione e proroga di missioni internazionali di cui l'ultima, adottata il 21 maggio 2020.

La  richiamata normativa ha regolamentato in maniera organica i diversi passaggi procedurali concernenti l'autorizzazione, la proroga e il finanziamento delle misssioni internazionali assegnando al Parlamento un ruolo centrale nella fase relativa all'invio di personale militare nei diversi teatri operativi.  

Per gli approfondimenti si veda il tema: La nuova disciplina della partecipazione dell'Italia alle missioni internazionali

apri tutti i paragrafi

La legge n.145 del 2016 ha previsto il coinvolgimento delle Camere in materia di missioni internazionali in tre distinti momenti: per l'autorizzazione di nuove missioni per il primo anno (articolo 2, comma 2); per l'autorizzazione della prosecuzione oltre il primo anno di missioni già autorizzate e per un generale dibattito sul complesso delle missioni svolte nell'anno precedente (articolo 3, comma 1); per il finanziamento delle missioni autorizzate (articolo 2, comma 3, e articolo 4, comma 3).

 Quanto alle modalità di esame parlamentare di questo tipo di deliberazioni, l'articolo 2, comma 2, della legge n. 145 prevede che le Camere tempestivamente le discutono e, con appositi atti di indirizzo, secondo le norme dei rispettivi regolamenti, autorizzano per ciascun anno la partecipazione dell'Italia alle missioni internazionali, eventualmente definendo impegni per il Governo, ovvero ne negano l'autorizzazione.

In occasione della prima deliberazione presentata alle Camere il 16 gennaio 2017 la Conferenza dei presidenti di gruppo della Camera dei deputati, riunitasi il 31 gennaio 2017, ha stabilito come regola generale che tali deliberazioni saranno esaminate a livello di Commissioni competenti, con votazione in tale sede degli atti di indirizzo conclusivi, a meno che uno o più gruppi ne chiedano la discussione in Assemblea, nel quale caso la votazione degli atti di indirizzo avverrà in Aula. In questo secondo caso, le Commissioni presenteranno all'Assemblea una relazione, che sarà discussa con le forme ordinarie di discussione delle relazioni delle Commissioni di cui all'articolo 143, comma 1, del regolamento. Tali forme prevedono, al termine della discussione in Aula, la presentazione e la votazione di risoluzioni (cfr. resoconto sommario della seduta delle Commissioni Affari esteri e difesa della Camera del 7 febbraio 2017).
  Fino ad oggi gli atti di indirizzo relativi alle quattro deliberazioni adottate del governo ai sensi della nuova disciplina di cui alla L. 145/2016 sono sempre stati approvati dall'assemblea della Camera dei Deputati.

Per un approfondimento sulla legge quadro sulle missioni internazionali (L. 145/2016), successivamente novellata dall'articolo 6, comma 1, lettera a), n. 2), del d. l. 148/2017, si rinvia al relativo tema.

E' attualmente all'esame delle Commissioni esteri e difesa della Camera la deliberazione del Consiglio dei ministri del 21 maggio 2020, concernente la partecipazione dell'Italia alle missioni internazionali nell'anno 2020.

ultimo aggiornamento: 26 giugno 2020

Dalla data di entrata in vigore della legge n. 145 del 2016 il Governo ha presentato alle Camere le seguenti deliberazioni:

1. delibera del Consiglio dei ministri del 14 gennaio del 2017, concernente la partecipazione dell'Italia alle missioni internazionali ed alle iniziative di cooperazione allo sviluppo per il sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione per l'intero anno 2017 Doc. CCL n. 1;

2. delibera del Consiglio dei ministri del 28 luglio del 2017, concernente la partecipazione dell'Italia alla missione internazionale in supporto alla guardia costiera libica Doc. CCL, n. 2  ai sensi articolo 2, comma 2 della legge n. 145 del 2016;

3. delibera del Consiglio dei ministri del 28 dicembre 2017, concernente sia la partecipazione dell'Italia a nuove missioni internazionali nel 2018, Doc. CCL, n. 3, sia la relazione analitica delle missioni internazionali svolte nel 2017, anche ai fini della loro prosecuzione, Doc. CCL-bis, n. 1, per i primi nove mesi del 2018;

4. deliberazione del Consiglio dei Ministri del 28 novembre 2018 in merito alla partecipazione dell'Italia ad ulteriori missioni internazionali [periodo 1°ottobre - 31 dicembre 2018] (Doc. XXV, n.1) e alla relazione analitica sulle missioni internazionali svolte nei primi nove mesi del 2018, anche ai fini della proroga per l'ultimo trimestre del 2018 (Doc. XXVI, n. 1), entrambe adottate dal Consiglio dei ministri il 28 novembre 2018;

5. deliberazione del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2019 in merito alla partecipazione dell'Italia ad ulteriori missioni internazionali (Doc. XXV, n.2) e alla relazione analitica sulle missioni internazionali svolte negli ultimi 3 mesi del 2018, anche ai fini della proroga  (Doc. XXVI, n.2), entrambe adottate dal Consiglio dei ministri il 28 novembre 2018;

6. deliberazione del Consiglio dei ministri del 21 maggio 2020 in merito alla partecipazione dell'Italia ad ulteriori missioni internazionali nell'anno 2020 (Doc. XXV, n. 3) e la relazione analitica sulle missioni internazionali in corso e sullo stato degli interventi di cooperazione allo sviluppo a sostegno dei processi di pace e di stabilizzazione, anche al fine della relativa proroga per il periodo 1° gennaio-31 dicembre 2020 (Doc. XXVI, n. 3), attualmente all'esame delle Commissioni esteri e difesa.

 

ultimo aggiornamento: 19 giugno 2020
 
focus
 
temi di Difesa e Sicurezza
 
-