tema 7 agosto 2020
Studi - Bilancio Le risorse nazionali e gli interventi per la politica di coesione

Attraverso la politica di sviluppo regionale l'Unione europea mira a raggiungere la coesione economica, sociale e territoriale riducendo le disparità fra le diverse regioni degli Stati membri. Per il raggiungimento di tali obiettivi, l'Unione europea - sulla base di accordi stipulati con i singoli Stati membri (Accordi di Partenariato) e secondo regole condivise - assegna in un arco temporale di sette anni (ciclo di programmazione) specifiche risorse finanziarie a cui si aggiungono, per il principio della addizionalità, le risorse nazionali messe a disposizione dai medesimi Stati Membri.

Nel "Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie" (c.d. Fondo IGRUE) sono iscritte le risorse nazionali destinate, per il principio della addizionalità, al cofinanziamento degli interventi comunitari nelle aree obiettivo dei fondi strutturali.

Nel Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) sono iscritte le risorse finanziarie aggiuntive nazionali destinate ad attuare l'obiettivo costituzionale di "rimuovere gli squilibri economici e sociali" tra le diverse aree del Paese (in attuazione dell'articolo 119 della Costituzione e dell'articolo 174 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea).

apri tutti i paragrafi

Il Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) è finalizzato a dare unità programmatica e finanziaria all'insieme degli interventi aggiuntivi al finanziamento ordinario (nonché a quello comunitario ed al contestuale cofinanziamento nazionale) che sono rivolti al riequilibrio economico e sociale.

Il requisito dell'aggiuntività è espressamente precisato dalla disciplina istitutiva del Fondo, laddove si dispone (articolo 2 del D.Lgs. n. 88/2011) che le risorse non possono essere sostitutive di spese ordinarie del bilancio dello Stato e degli enti decentrati, in coerenza con l'analogo criterio dell'addizionalità previsto per i fondi strutturali dell'Unione europea.

L'intervento del Fondo è destinato al finanziamento di progetti strategici, sia di carattere infrastrutturale sia di carattere immateriale, di rilievo nazionale, interregionale e regionale, aventi natura di grandi progetti o di investimenti articolati in singoli interventi tra loro funzionalmente connessi.

Nel bilancio di previsione per il triennio 2020-2021(legge n. 160/2019 e relativo D.M. Economia 30 dicembre 2019 di ripartizione delle dotazioni dei singoli programmi di spesa in capitoli), il capitolo 8000 dello stato di previsione del Ministero dell'economia, su cui sono iscritte le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione, presenta, una dotazione pari a 6.857 milioni nel 2020, a 7.286 milioni nel 2021, a 7.854 milioni nel 2022. Tali risorse sono interamente destinate agli interventi rientranti nel nuovo ciclo di programmazione 2014-2020.

Nella Tabella che segue sono esposte le risorse del Fondo sviluppo e coesione iscritte in bilancio, con indicazione, nell'ultima colonna, dell'ulteriore importo dell'autorizzazione di spesa (art. 1, co. 6, L. 147/2013) che sarà iscritto in bilancio per gli anni 2023 e successivi (22,2 miliardi fino al 2025), per complessivi 44,2 miliardi di euro:

MISSIONE: SVILUPPO E RIEQUILIBRIO TERRITORIALE
Programma: Sostegno alle politiche per lo sviluppo e la coesione economica
MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE (cap. 8000)

(milioni di euro)

2020

2021

2022

2023 e succ.

Fondo per lo sviluppo e la coesione

6.856,8

7.286,0

7.854,2

22.242,4

Il rifinanziamento del FSC nella legge di bilancio per il 2020

Rispetto al bilancio a legislazione vigente, la legge di bilancio per il 2020 (legge 27 dicembre 2019, n. 160) è intervenuta con un intervento di rifinanziamento, in II Sezione, del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014-2020, per un importo complessivo di 5 miliardi, nella misura di 800 milioni per ciascuna annualità 2021 e 2022, di 1.000 milioni per ciascuna delle annualità 2023 e 2024 e di 1.400 milioni per il 2025 (anno terminale del rifinanziamento).

A detto rifinanziamento, si affianca una riprogrammazione delle risorse per 1.000 milioni che vengono anticipati al 2020 attraverso riduzioni delle autorizzazioni di spesa del 2021 per 200 milioni, del 2022 per 410 milioni e del 2023 per 390 milioni.

 

A tali variazioni, si sommano le riduzioni del FSC a copertura di disposizioni contenute nell'articolato della legge di bilancio 2020 (I Sezione), ed in particolare:

  • riduzione, disposta in II Sezione, nella misura di 761 milioni nel 2020, di 111 milioni nel 2021, di 86 milioni nel 2022 di 11 milioni per il 2023 e il 2024 e di 4 milioni per il 2025, al fine di fornire copertura finanziaria a una serie di disposizioni introdotte dalla legge medesima riguardanti il Mezzogiorno;
  • 60 milioni (20 milioni per ciascuna annualità 2020-2022) da destinare alle "zone logistiche semplificate" (ZLS) istituite nelle aree portuali delle zone più sviluppate (art. 1, co. 313, prima parte);
  • 90 milioni (30 milioni per ciascuna annualità 2020-2022) per il Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali nelle Aree interne (art. 1, co. 313, seconda parte);
  • 2 milioni per il 2020 e 3 milioni per il 2021 per la ristrutturazione e messa in sicurezza del porto di Barletta (art. 1, co. 317).

Le variazioni disposte dalla legge di bilancio per il 2020 determinano la dotazione complessiva di bilancio del Fondo per lo sviluppo e la coesione, in termini di competenza, come riportato nella seguente Tabella:

(milioni di euro)

Fondo Sviluppo e Coesione
(cap. 8000/MEF - competenza)

2020

2021

2022

2023 e ss

BLV 2020-2022

6.669,8

6.850,0

7.600,2

19.258,4

Rifinanziamento

-

+800,0

+800,0

+3.400,0

Rimodulazione

+1.000,0

-200,0

-410,0

-390,0

Riduzione II Sezione: copertura interventi vari di I Sezione riguardanti il Mezzogiorno

-761,0
-111,0
-86,0
-26,0

ZLS in aree portuali (art. 1, co. 313)

-20,0

-20,0

-20,0

-

Fondo sostegno attività economiche, artigianali e commerciali nelle Aree interne (art. 1, co. 313)

-30,0

-30,0

-30,0

-

Ristrutturazione e messa in sicurezza del porto di Barletta (art. 1, co. 317)

-2,0
3,0
-
-

Bilancio 2020-2022

6.856,8

7.286,0

7.854,2

22.242,4

Inoltre, l'articolato della legge di bilancio 2020 contiene due disposizioni che prevedono l'utilizzo di risorse FSC per specifici interventi:

  • 300 milioni complessivi, nella misura di 75 milioni per ciascuna annualità 2020-2023, destinati ad investimenti in infrastrutture sociali (art. 1, co. 311-312);
  • 250 milioni complessivi destinati al nuovo Fondo "Cresci al Sud", nella misura di 150 milioni per il 2020 e di 100 milioni per il 2021 (art. 1, co. 321-326).

Per quanto concerne l'utilizzo delle risorse del Fondo, si ricorda che la normativa attribuisce al CIPE il compito di ripartire, con proprie deliberazioni, la dotazione del Fondo tra gli interventi in esso compresi.

Le risorse per il ciclo di programmazione 2014-2020

Le suindicate risorse del FSC iscritte in bilancio, sono interamente destinate agli interventi rientranti nel nuovo ciclo di programmazione 2014-2020.

Si ricorda che la dotazione aggiuntiva del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il ciclo di programmazione 2014-2020 è stata autorizzata dall'articolo 1, comma 6, della legge di stabilità 2014 (legge n. 147/2013) nella misura complessiva di 54.810 milioni.

Tale dotazione è stata successivamente rifinanziata dalla legge di bilancio per il 2018 (legge n. 205/2017), per un importo pari a 5 miliardi per il 2021 e annualità seguenti, portando dunque le risorse complessive del Fondo per la programmazione 2014-2020 pari a 59.810 milioni di euro.

Tali risorse sono state pressoché interamente programmate dal CIPE, come risulta nel quadro finanziario e programmatorio complessivo del Fondo esposto nella delibera CIPE 28 febbraio 2018, n. 26 (cfr. Tabella 3 della delibera n. 26/2018):

  1. circa 8,6 miliardi mediante preallocazioni ovvero riduzioni disposte per legge negli anni 2014-2017;
  2. circa 6,3 miliardi di euro mediante Piani stralcio, approvati dal CIPE nel corso degli anni 2014-2017, ai sensi della procedura prevista dalla lettera d) dell'art. 1, comma 703, della legge n. 190/2014;
  3. circa 24,9 miliardi mediante assegnazioni ai Piani Operativi come individuati nell'ambito di ciascuna area tematica, secondo la programmazione disposta con la delibera n. 25/2016 e successivi Addendum;
  4. circa 14,5 miliardi destinati ai Piani Territoriali, di cui 13,4 miliardi destinati ai Patti per il Sud (delibera n. 26/2016) e per circa 1,1 miliardi destinati ai Patti per il Centro-Nord (delibere n. 56/2016, n. 75/2017 e n. 76/2017);
  5. circa 5 miliardi mediante ulteriori assegnazioni disposte dal CIPE nel 2018, in base a previsioni di legge (per 2,4 miliardi) ovvero per altri interventi (2,6 miliardi).

Successivamente alla delibera n. 26 del 2018, le disponibilità del Fondo per lo sviluppo e la coesione della programmazione 2014-2020 sono state ulteriormente rifinanziate di 4 miliardi dalla legge di bilancio per il 2019-2021 (legge n. 145/2018) nella misura di 800 milioni per ciascuna annualità dal 2019 al 2023, e poi di 5 miliardi dalla legge di bilancio per il 2020-2022 (legge n. 160/2019) nella misura di 800 milioni per ciascuna annualità 2021 e 2022, di 1.000 milioni per ciascuna delle annualità 2023 e 2024 e di 1.400 milioni per il 2025.

Complessivamente, dunque, le risorse assegnate al Fondo sviluppo e coesione per il ciclo di programmazione 2014-2020 ammontano a 68,8 miliardi.

Per una analisi più dettagliata sull'utilizzo delle risorse del FSC 2014-2020, si rinvia al Tema " L'utilizzo delle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione per il ciclo di programmazione 2014-2020", nel quale sono analizzate le assegnazioni delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione per il ciclo 2014-2020 effettuate a partire dal 2014, distintamente per le assegnazioni disposte in via legislativa, ovvero operate dal CIPE con delibere riconducibili al c.d. Piano Stralcio, ovvero operate del CIPE in sede di ripartizione del Fondo (Piani Operativi e Patti territoriali), ai sensi del comma 703 della legge n. 190/2014.
ultimo aggiornamento: 16 marzo 2020

Il secondo pilastro finanziario delle politiche di coesione è rappresentato dalle risorse nazionali del "Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie" (c.d. Fondo IGRUE), le cui risorse sono destinate al cofinanziamento degli interventi comunitari nelle aree obiettivo dei fondi strutturali.

Ai fini della politica di coesione, infatti, oltre alle risorse comunitarie vanno considerate, per il principio della addizionalità, le risorse provenienti dal cofinanziamento nazionale, posto a carico del Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie.

Per il ciclo di programmazione 2014-2020, la legge di stabilità per il 2014 ha stanziato l'importo di oltre 24 miliardi di euro. Il CIPE, con la delibera 28 gennaio 2015, n. 10 ha definito i criteri di cofinanziamento nazionale dei programmi europei per il periodo 2014-2020 nonché la programmazione degli "interventi complementari", per un ammontare complessivo pari a 24 miliardi, stanziati dallo Stato a valere sul Fondo IGRUE, cui si aggiungono ulteriori 4,4 miliardi di cofinanziamento regionale (a valere sui bilanci delle regioni). Inoltre, per assicurare il cofinanziamento nazionale delle risorse addizionali europee riconosciute all'Italia dalla Commissione europea in esito all'adeguamento tecnico del Quadro finanziario pluriennale connesso all'evoluzione del reddito nazionale lordo – circa +1,6 miliardi assegnate con la Decisione UE 2016/1941 - il CIPE, con delibera 10 luglio 2017, n. 50 ha assegnato un importo fino a 800 milioni. Tali risorse non sono poste a carico posto del Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie, bensì a carico del Fondo Sviluppo e Coesione della programmazione 2014-2020.

Con riferimento al futuro ciclo di programmazione 2021-2027 la legge di bilancio 2019 ha previsto un rifinanziamento del Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie di 30 miliardi per il 2022 e annualità successive (fino al 2026).

Da ultimo, la legge di bilancio 2020 dispone in II Sezione un definanziamento del Fondo di riotazione del ciclo 2014-2020 di 25 milioni per ciascuna annualità e una rimodulazione di 300 milioni dell'annualità 2023 che viene anticipata al 2022.

Si segnala, inoltre, che l'articolato della legge di bilancio (articolo 1, comma 314) dispone l'utilizzo delle disponibilità del Fondo di rotazione IGRUE per l'incremento delle risorse destinate alla Strategia nazionale per le aree interne (SNAI) nella misura di 60 milioni per il 2021 e di 70 milioni per ciascuno degli anni 2022 e 2023.

Conseguentemente, il Fondo IGRUE presenta la seguente dotazione di bilancio negli anni 2020-2022 e per il 2023 e anni successivi:

(milioni di euro)

Fondo IGRUE (cap. 7493/MEF)

2020

2021

2022

2023 e ss

BLV 2019-2021

2.150,0

4.150,0

5.100,0

26.300,0

Rimodulazione

-

-

+300,0

-300,0

Definanziamento

-25,0

-25,0

-25,0

-

Bilancio 2020-2022

2.125,0

4.125,0

5.375,0

26.000,0

ultimo aggiornamento: 16 marzo 2020

Le agevolazioni per investimenti nel Mezzogiorno

 

Tra le principali misure per la coesione territoriale ed il Mezzogiorno rivestono particolare rilievo quelle rivolte al sostegno e allo sviluppo delle imprese operanti al Sud, attuate in questi ultimi anni sia attraverso la proroga ed il rifinanziamento di misure già operanti da tempo nell'ordinamento (ad es. il rifinanziamento del credito d'imposta per l'acquisto di beni strumentali nuovi nelle regioni del Mezzogiorno), sia mediante la definizione di nuovi strumenti di intervento.

Sotto questo profilo, una disposizione di rilievo è quella introdotta dalla legge n. 208 del 2015 (legge di bilancio 2016, commi da 98 a 108), che ha autorizzato un credito d'imposta per il periodo dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2019 per l'acquisto di beni strumentali nuovi (macchinari, impianti e attrezzature varie) destinati a strutture produttive nelle zone assistite ubicate nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo). La misura è stata prorogata al 31 dicembre 2020 dall'articolo 1, comma 319, della legge di bilancio 2020.

Un secondo strumento di intervento per favorire gli investimenti è stato previsto dall'articolo 1, comma 226, della legge di bilancio 2020 a valere sulle ulteriori risorse assegnate alla nuova legge Sabatini (articolo 2, comma 8, del decreto-legge n. 69 del 2013), elevando la maggiorazione del contributo statale dal 30 per cento al 100 per cento per le micro e piccole imprese che effettuano investimenti innovativi "Industria 4.0" nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia nel limite complessivo di 60 milioni, a valere sulle risorse stanziate dal primo periodo del medesimo comma (540 milioni nel periodo 2020-2025).

A seguito dell'emergenza determinata dalla pandemia di Covid-19, il D.L. n. 34/2020 ha introdotto, all'articolo 244, una maggiorazione dell'aliquota del credito d'imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo destinato alle imprese operanti nelle regioni del Mezzogiorno, anche al fine di agevolare l'attività di ricerca in ambito Covid-19.La maggiorazione del credito d'imposta è stata estesa alle imprese operanti nelle regioni Lazio, Marche e Umbria, colpite dagli eventi sismici del 24 agosto, del 26 e del 30 ottobre 2016 e del 18 gennaio 2017.

L'importo degli oneri connessi alla maggiorazione del credito d'imposta, pari a 106,4 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023, sono posti a carico del Fondo per lo sviluppo e la coesione della programmazione 2014-2020.

 

La misura "Resto al Sud"

 

Tra gli strumenti innovativi, rileva la misura denominata "Resto al Sud", introdotta dal decreto-legge n. 91/2017, finanziata mediante utilizzo delle risorse del Fondo sviluppo e coesione 2014-2020 per un importo complessivo fino a 1.250 milioni.

La misura, finalizzata a promuovere la costituzione di nuove imprese nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, è rivolta ai giovani residenti, al momento della presentazione della domanda, nelle Regioni citate, ovvero che ivi trasferiscano la residenza nei termini di legge, e che mantengano nelle stesse Regioni la residenza per tutta la durata del finanziamento (fino a un massimo di 50.000 euro), che consiste per il 35% in erogazioni a fondo perduto, e che per il 65% è un prestito a tasso zero da rimborsare, complessivamente, in otto anni, di cui i primi due di preammortamento.

Inizialmente limitata ai soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni, la misura è stata estesa ai soggetti di età compresa tra i 36 e i 45 anni di età l'articolo 1, comma 601, della legge di bilancio 2019. La misura è stata altresì estesa ai liberi professionisti, rimasti inizialmente esclusi.

La legge di bilancio 2020 (comma 320) è intervenuta sulla misura in favore dei giovani imprenditori nel Mezzogiorno stabilendo che, per l'anno 2019 e per l'anno 2020, il requisito del limite di età compreso tra i 18 e i 45 anni (così modificato dalla legge di bilancio 2019) si intende soddisfatto se posseduto alla data del 1° gennaio 2019 (data di entrata in vigore della legge n. 145 del 2018).

Sono finanziate le attività imprenditoriali relative a produzione di beni nei settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca e dell'acquacoltura, ovvero relative alla fornitura di servizi, ivi compresi i servizi turistici. La legge di bilancio 2019 ha ricompreso nella misura anche i liberi professionisti, rimasti inizialmente esclusi. Sono escluse dal finanziamento le attività del commercio ad eccezione della vendita dei beni prodotti nell'attività di impresa.

Le modalità di attuazione della misura "Resto al Sud" sono contenute nel regolamento di cui al D.M. 9 novembre 2017, n. 174, con il quale sono stati individuati i criteri di dettaglio per l'ammissibilità alla misura, le modalità di attuazione della stessa, le modalità di accreditamento dei soggetti beneficiari delle agevolazioni, le modalità di corresponsione del contributo a fondo perduto e del contributo in conto interessi, le modalità di escussione della garanzia, nonché la misura della garanzia relativa al prestito nella misura del 65 per cento del finanziamento e le modalità di controllo e monitoraggio della misura incentivante. Il Regolamento è stato modificato dal D.M. 5 agosto 2019, n. 134 al fine di recepire l'estensione della misura ai soggetti di età compresa tra i 36 e i 45 anni e ai liberi professionisti, come disposto dalla legge di bilancio 2019.

La misura "Resto al sud" è stata estesa anche ai comuni colpiti dal sisma del 24 agosto 2016, del 26 e 30 ottobre 2016 e del 18 gennaio 2017 (nuovo comma 1-bis inserito nell'articolo 1 del D.L. n. 91/2017 dal D.L. n. 123/2019).

Quanto alle risorse finanziarie stanziate per la misura, si rammenta che il comma 16 dell'articolo 1 del D.L. n. 91/2017 stanziava un importo complessivo fino a 1.250 milioni di euro per il periodo 2017-2025 a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) della Programmazione 2014-2020.

In attuazione di quanto sopra, il Cipe ha assegnato le suddette risorse con due delibere: la delibera CIPE n. 74 del 7 agosto 2017 ha assegnato alla misura 715 milioni di euro a valere sulle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020, con la seguente articolazione annuale: 36 milioni di euro per il 2017; 100 milioni di euro per il 2018; 107 milioni di euro per il 2019, 308,50 milioni di euro per il 2020; 92 milioni di euro per il 2021; 22,50 milioni di euro per il 2022; 18 milioni di euro per il 2023; 14 milioni di euro per il 2024 e 17 milioni di euro per il 2025. In base all'utilizzo delle risorse, il Comitato con successive delibere si è riservato di riequilibrare le suddette percentuali nel rispetto delle risorse assegnate.

Con successiva delibera CIPE n. 102 del 22 dicembre 2017, il CIPE ha assegnato la residua quota di 535 milioni di euro, di cui 180 milioni di euro per l'anno 2018, 355 milioni per l'anno 2019.

 

Per far fronte a crisi di liquidità correlate agli effetti socio-economici dell'emergenza Covid-19, il D.L. n. 34/2020 ha previsto, all'articolo 245, la concessione di un contributo a fondo perduto in favore dei soggetti beneficiari della misura agevolativa "Resto al Sud", a copertura del fabbisogno di circolante, nella misura di 15.000 euro per le attività di lavoro autonomo e libero-professionali esercitate in forma individuale e di 10.000 euro per ciascun socio dell'impresa beneficiaria.

il comma 4 precisa che i contributi a fondo perduto sono concessi a valere sulle risorse ancora dispoibili già assegnate dal CIPE alla misura "Resto al Sud", con le delibere n. 74 del 7 agosto 2017 e n. 102 del 22 dicembre 2017, a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione, senza recare pertanto nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Inoltre, l'articolo 245-bis ha disposto una rimodulazione della misura "Resto al Sud" – con un aumento da 50.000 a 60.000 euro del finanziamento massimo erogabile ed un incremento dal 35 al 50 percento della quota di finanziamento erogabile nella forma del contributo a fondo perduto – al fine di sostenere il rilancio produttivo del Mezzogiorno e di promuovere la costituzione di nuove startup nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

 

La misura "Cresci al Sud"

 

Al fine di rafforzare ed ampliare il sostegno al tessuto economico-produttivo delle regioni del Mezzogiorno, la legge di bilancio 2020 ha istituito il «Fondo cresci al Sud», della durata di 12 anni, a sostegno della competitività e della crescita dimensionale delle piccole e medie imprese aventi sede legale e attività produttiva nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, con una dotazione iniziale di 150 milioni per il 2020 e di 100 milioni per il 2021, a valere sulle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione del ciclo di programmazione 2014-2020, utilizzando quelle già destinate per le annualità 2020 e 2021 al "Piano grandi investimenti nelle zone economiche speciali" (ZES).

La gestione del Fondo, che ha natura di gestione fuori bilancio, è affidata ad Invitalia S.p.A., che a tal fine può anche avvalersi della Banca del Mezzogiorno e di altre società interamente partecipate, sulla base di una convenzione stipulata con la Presidenza del Consiglio dei ministri. Quote aggiuntive del Fondo possono essere sottoscritte anche da investitori istituzionali, pubblici e privati, individuati da Invitalia S.p.A., da Cassa depositi e prestiti, dalla Banca europea per gli investimenti e dal Fondo europeo per gli investimenti (commi 321- 326).

Il Fondo opera investendo nel capitale delle imprese, unitamente e contestualmente a investitori privati indipendenti, secondo le modalità definite nel regolamento di gestione del Fondo medesimo.

 

Il Fondo imprese Sud

 

Analogo al nuovo fondo "Cresci al Sud" è il fondo denominato "Fondo imprese Sud", istituito dalla legge di bilancio 2018 (art. 1, commi 897-903), anch'esso finalizzato al sostegno della crescita dimensionale delle piccole e medie imprese aventi sede legale e attività produttiva nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Il Fondo, con una dotazione iniziale di 150 milioni, finanziata a valere sulle disponibilità relative all'annualità 2017 delle risorse del Fondo sviluppo e coesione della programmazione 2014- 2020, ha una durata di 12 anni, e la relativa gestione - che opera investendo nel capitale delle piccole e medie imprese, nonché in fondi privati di investimento mobiliare chiuso (OICR), che realizzano investimenti nelle piccole e medie imprese territorialmente beneficiarie dell'intervento - è affidata a Invitalia S.p.A., che può a tal fine avvalersi anche della Banca del Mezzogiorno. A tal fine Invitalia stipula una apposita convenzione con la Presidenza del Consiglio dei ministri. Il Fondo ha natura contabile di "gestione fuori bilancio" ed è assoggettata al controllo della Corte dei conti.

Con riferimento alla partecipazione di soggetti terzi al Fondo, si prevede che quote aggiuntive del Fondo stesso possano essere sottoscritte anche da investitori istituzionali, pubblici e privati, inclusi la Banca del Mezzogiorno, la Cassa depositi e prestiti S.p.A., la Banca Europea per gli Investimenti e il Fondo Europeo per gli Investimenti, individuati dalla medesima Agenzia.

Il Fondo opera investendo nel capitale delle piccole e medie imprese, unitamente e contestualmente a investitori privati indipendenti. L'investimento nel capitale di ciascuna impresa target deve essere finanziato, per almeno il 50 per cento, da risorse apportate dai predetti investitori privati indipendenti, individuati attraverso una procedura aperta e trasparente. Il Fondo, inoltre, può investire - previa selezione tramite procedura aperta e trasparente - nel rispetto della normativa vigente, in fondi privati di investimento mobiliare chiuso (OICR), che realizzano investimenti nelle piccole e medie imprese territorialmente beneficiarie dell'intervento. L'investimento del Fondo non può superare il 30% della consistenza complessiva dei predetti fondi.

Proroga incentivo occupazione nel Mezzogiorno

In materia di politiche di coesione e di interventi a favore del Mezzogiorno, la legge di bilancio per il 2019 (legge n. 145/2018) ha confermato fino al 2020 gli incentivi in favore dell'occupazione nel Mezzogiorno. La misura, già prevista dalla legge di bilancio 2018 (art. 1, commi 893-894, L. 205/2017), prevede che i programmi operativi nazionali (PON) e quelli regionali (POR), cofinanziati dal Fondo sociale europeo, ed i Programmi Operativi Complementari (POC) possono prevedere, nell'ambito degli obiettivi specifici previsti dalla relativa programmazione e nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato, misure per favorire l'assunzione con contratto a tempo indeterminato di soggetti, che non abbiano compiuto i 35 anni di età, nelle regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna, ovvero soggetti di età superiore ai 35 anni, purché privi di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, nel limite complessivo di 500 milioni per ciascuna delle annualità 2019 e 2020.

Le misure che possono essere stabilite in favore di tali soggetti possono consistere anche in un esonero contributivo integrale della quota di contribuzione a carico del datore di lavoro privato (fatti salvi i premi e contributi relativi all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali), entro il limite massimo di un importo pari a 8.060 euro su base annua (anche in deroga a norme vigenti relative a divieti di cumulo con altri esoneri o riduzioni della contribuzione).

In sostanza, non si tratta dell'assegnazione di ulteriori risorse, bensì della destinazione a tale finalità di 1 miliardo complessivo (quale limite massimo nel biennio 2019-2020), delle risorse dei programmi operativi nazionali e regionali e di quelli operativi complementari dei fondi strutturali, tramite la loro rimodulazione.

 

Nuova disciplina della c.d. regola del 34 per cento nella assegnazione degli stanziamenti statali ordinari in conto capitale

 

Con le ultime due leggi di bilancio per il 2019 e 2020 si è intervenuti a ridefinire la cosiddetta regola del 34% ai fini della destinazione alle regioni del Mezzogiorno delle risorse ordinarie in conto capitale, in proporzione alla popolazione di riferimento.

La regola, introdotta in sede di conversione in legge del decreto-legge n. 243 del 2016, con l'inserimento nel testo dell'articolo 7-bis, è stata oggetto di numerose modifiche, ad opera dell'articolo 1, commi 597 e 598, della legge di bilancio per il 2019 (legge n. 145/2018), quindi ridefinita dall'articolo 1, comma 310, dalla legge di bilancio per il 2020 (legge n. 160/2019) e, da ultimo, integrata dall'articolo 30 del decreto-legge 30 dicembre 2019, n. 162 (decreto Mille proroghe).

In sostanza, tale disposizione introduce, in nome del principio del riequilibrio territoriale, il criterio di assegnazione differenziale di risorse aggiuntive a favore degli interventi nei territori delle regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna, disponendo che le Amministrazioni centrali dello Stato si debbano conformare all'obiettivo di destinare agli interventi nelle regioni del Mezzogiorno un volume complessivo annuale di stanziamenti ordinari in conto capitale proporzionale alla popolazione di riferimento (corrispondente, cioè, 34% degli stanziamenti).

Con il D.P.C.M. 10 maggio 2019 è stata definita la modalità di verifica della regola del 34 per cento (aggiornando il precedente D.P.C.M. 7 agosto 2017). 

La legge di bilancio per il 2019 è intervenuta sulla disciplina semplificando le procedure inizialmente previste, e disponendo che i programmi di spesa in conto capitale delle amministrazioni centrali interessati dalla norma non siano più individuati annualmente con direttiva del Presidente del Consiglio, bensì individuati annualmente nel Documento di Economia e Finanza (DEF) - in sede di prima applicazione, dalla Nota di aggiornamento del DEF 2019 - su indicazione del Ministro per il Sud.

E' stato incluso nell'ambito degli stanziamenti oggetto di verifica anche quelli compresi nei contratti di programma (inclusi quelli vigenti) del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti con Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. e Anas S.p.A..

Sulla suddetta disciplina è nuovamente intervenuta la legge di bilancio per il 2020 (art. 1,  comma 310):

  • indicando come unico criterio di riferimento per l'assegnazione differenziale delle risorse in favore del Mezzogiorno quello della popolazione, escludendo pertanto la possibilità di indicare "altro criterio relativo a specifiche criticità" ai fini della determinazione della percentuale di riserva di investimenti da destinare alle regioni del Mezzogiorno;
  • eliminando la previsione dell'individuazione annuale, in sede di DEF, dei programmi di spesa in conto capitale interessati dall'applicazione della regola del 34%.

Per quanto riguarda le risorse oggetto di ripartizione differenziale, non si fa più riferimento agli stanziamenti ordinari in conto capitale, in quanto la nuova formulazione considera le risorse dei programmi di spesa in conto capitale finalizzati alla crescita o al sostegno degli investimenti, da assegnare sull'intero territorio nazionale, per i quali non si abbiano criteri o indicatori di attribuzione già individuati. Tale nuova formulazione, di fatto, conferma l'esclusione, dalla regola del 34%, delle risorse nazionali aggiuntive iscritte sul Fondo sviluppo e coesione (FSC) e quelle derivanti dai fondi strutturali e di investimenti europei e dal relativo cofinanziamento nazionale, in quanto assoggettate a specifica chiave di riparto (80% al Sud e 20% al Centro Nord).

E' stato, infine, fissato al 30 giugno di ogni anno il termine entro il quale le amministrazioni centrali trasmettono al Ministro per il Sud e la coesione territoriale e al Ministro dell'economia e delle finanze, con apposita comunicazione, l'elenco dei programmi di spesa ordinaria in conto capitale identificati

Entro il 30 aprile 2020 con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri saranno stabilite le modalità per verificare che il riparto delle risorse dei programmi di spesa in questione, nonché per monitorare l'andamento della spesa erogata (disposizione reinserita dall'articolo 30 del D.L. n. 162 del 2019).

Il Ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, ha svolto alla Camera il 6 maggio 2020 una informativa urgente sul rispetto del vincolo di destinazione alle regioni del Mezzogiorno di una quota di investimenti dello Stato. Nel suo intervento il Ministro ha fatto riferimento alla diffusione di un documento non ufficiale del dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica in cui si proponeva, tra molte altre cose, di sospendere la clausola del 34 per cento di spesa in conto capitale ordinario al Sud e di rivedere le quote territoriali del Fondo di sviluppo e coesione a copertura dei provvedimenti anticrisi. Il Ministro Provenzano ha affermato che la bozza, non discussa dal Governo in sede politica, non è condivisa dall'autorità politica, e va derubricata ad un mero esercizio tecnico già ampiamente bocciato.

 

 

Le zone economiche speciali (ZES)

 

Le Zone economiche speciali (ZES), istituite con il decreto legge n. 91 del 2017 a valere sulle risorse Fondo sviluppo e coesione, sono concentrate nelle aree portuali e nelle aree ad esse economicamente collegate, nelle regioni meridionali, definite dalla normativa europea come "meno sviluppate" (Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia e Campania) o "in transizione" (Sardegna, Abruzzo e Molise).

  Lo scopo delle ZES è quello di creare condizioni favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, che consentano lo sviluppo delle imprese già operanti e l'insediamento di nuove imprese. Tali imprese sono tenute al rispetto della normativa nazionale ed europea, nonché alle prescrizioni adottate per il funzionamento della stessa ZES, e beneficiano di speciali condizioni, in relazione alla natura incrementale degli investimenti e delle attività di sviluppo di impresa;

La Zona economica speciale è definita come un'area geograficamente delimitata e chiaramente identificata, situata entro i confini dello Stato, costituita anche da aree non territorialmente adiacenti, purché presentino un nesso economico funzionale, e che comprenda almeno un'area portuale con le caratteristiche stabilite dal regolamento (UE) n. 1315 dell'11 dicembre 2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, sugli orientamenti dell'Unione per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti (TEN-T).

In Italia, nelle regioni in cui possono essere istituite le ZES, sono porti della rete centrale: Palermo, Augusta, Gioia Tauro, Cagliari, Taranto, Bari, Napoli. Tra i porti della rete globale rientrano, tra gli altri, Catania, Messina, Milazzo, Siracusa, Trapani, Gela, Reggio Calabria, Villa San Giovanni, Brindisi, Salerno, Olbia, Porto Torres.

Le regioni che presentino tali condizioni possono presentare, in base all'art. 4, comma 4-bis del D.L. n. 91/2017, una proposta di istituzione di ZES nel proprio territorio, o al massimo due proposte ove siano presenti più aree portuali che abbiano le caratteristiche stabilite dal regolamento europeo, accompagnata da un piano di sviluppo strategico. Inoltre, anche le regioni che non posseggano aree portuali possono presentare istanza di istituzione di una ZES, ma solo in forma associativa, qualora contigue, o in associazione con un'area portuale avente le caratteristiche richieste.

In particolare, le imprese che avviano un programma di attività economiche imprenditoriali o effettuano investimenti incrementali all'interno delle ZES usufruiscono di benefici fiscali, nonché di riduzione dei termini dei procedimenti e di semplificazione degli adempimenti rispetto alla normativa vigente, che sono definiti nell'articolo 5 del D.L. n. 91/2017.

Con il DPCM 25 gennaio 2018, n. 12 è stato adottato il Regolamento sull'istituzione delle Zone economiche speciali (ZES), definendo le modalità per l'istituzione di una ZES, la sua durata, i criteri generali per l'identificazione e la delimitazione dell'area, i criteri che ne disciplinano l'accesso e le condizioni speciali di beneficio per i soggetti economici ivi operanti o che vi si insedieranno, nonché il coordinamento degli obiettivi di sviluppo.

Con il decreto-legge n. 135 del 2018 sono state introdotte misure di ulteriore semplificazione per le Zone economiche speciali.

Da ultimo, la legge di bilancio 2020 (art. 1, co. 316, lett. a) ha modificato la normativa, inserendo nel "Comitato di indirizzo" (cioè nel soggetto per l'amministrazione dell'area ZES) anche un Commissario straordinario del Governo, al quale viene attribuita la presidenza del "Comitato di indirizzo" in luogo del Presidente dell'Autorità di sistema portuale.

Inoltre è stato previsto che il credito di imposta già previsto per gli investimenti nelle ZES sia commisurato alla quota del costo complessivo dei beni acquisiti entro il 31 dicembre 2022 (anziché entro il 31 dicembre 2020 del testo previgente), estendendone pertanto la fruibilità. Rimane invariato il limite massimo previsto, per ciascun progetto di investimento, di 50 milioni.

 

 

Il contratto istituzionale di sviluppo

 

A partire dal 2018, sono state introdotte una serie di misure di semplificazione ed accelerazione delle procedure sia per la realizzazione degli interventi contenuti nei Patti per lo sviluppo (c.d. Patti per il Sud) nelle regioni del Mezzogiorno (procedure semplificate di rimborso delle spese effettivamente sostenute, a valere sulle risorse FSC 2014-2020, dalle amministrazioni titolari degli interventi e snellimento dei procedimenti di decisione sugli interventi contenuti nei Patti stessi, prevedendo il ricorso alla Conferenza di servizi simultanea), sia per la valorizzazione dei Contratti Istituzionali di Sviluppo-CIS.

Il Contratto istituzionale di sviluppo (CIS) costituisce uno strumento che le amministrazioni competenti possono stipulare sia per accelerare l'utilizzo dei fondi strutturali europei sia per accelerare la realizzazione di nuovi progetti strategici di rilievo nazionale, interregionale e regionale, tra loro funzionalmente connessi in relazione a obiettivi e risultati, finanziati con risorse nazionali, dell'Unione europea e del Fondo per lo sviluppo e la coesione. In particolare, i CIS sono finalizzati all'accelerazione della realizzazione degli interventi speciali che prevedono la realizzazione di opere infrastrutturali, funzionali alla coesione territoriale e a uno sviluppo equilibrato del Paese.

Con i CIS, in sostanza, le risorse sono concentrate per la realizzazione di un'unica grande infrastruttura a valenza nazionale o interregionale (salve eccezioni dettate da specificità territoriali), superando i tradizionali limiti regionali verso una logica per macroaree. Nel contratto vengono definiti i tempi di attuazione (cronoprogramma), le responsabilità dei contraenti, i criteri di valutazione e monitoraggio e le sanzioni per eventuali inadempimenti. Il contratto istituzionale di sviluppo viene stipulato dal Ministro per la coesione, d'intesa con il Ministro dell'economia e delle finanze e con gli altri Ministri interessati, dai Presidenti delle Regioni interessate e dalle amministrazioni competenti.

Le Amministrazioni responsabili degli interventi possano avvalersi dell'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A. per tutte le attività economiche, finanziarie e tecniche, nonché in qualità di Centrale di committenza, ad esclusione di quanto demandato all'attuazione da parte dei concessionari di servizi pubblici.

Per valorizzare i contratti istituzionali di sviluppo, il D.L. n. 91/2017, all'articolo 7, ha previsto che, per accelerare l'attuazione di interventi complessi, definiti dalla norma come "aventi natura di grandi progetti" ovvero di "investimenti articolati in singoli interventi tra loro funzionalmente connessi, che richiedano un approccio integrato e l'impiego di fondi strutturali di investimento europei e di fondi nazionali inseriti in piani e programmi operativi finanziati a valere sulle risorse nazionali e europee", sia il Presidente del Consiglio dei ministri o il Ministro delegato per la coesione territoriale e il Mezzogiorno ad individuare gli interventi per i quali si procede alla sottoscrizione di appositi Contratti istituzionali di sviluppo, su richiesta delle amministrazioni interessate, in coerenza con quanto previsto dall'articolo 36 del regolamento(UE) n. 1303/2013.

Tale articolo dispone, infatti, che qualora una strategia di sviluppo urbano o un'altra strategia o patto territoriale richieda un approccio integrato che comporti investimenti del Fondo sociale europeo, del Fondo europeo sviluppo regionale o del Fondo di coesione nell'ambito di più assi prioritari di uno o più programmi operativi, le azioni possono essere eseguite sotto forma di investimento territoriale integrato ("ITI") e possono a tal fine essere integrate da un sostegno finanziario dal FEASR (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale) o dal FEAMP (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca).

Sono attualmente operativi i seguenti Contratti istituzionali di sviluppo:

  • CIS Napoli-Bari-Lecce/Taranto;
  • CIS Messina-Catania-Palermo;
  • CIS Salerno-Reggio Calabria;
  • CIS adeguamento itinerario SS Sassari-Olbia;
  • CIS Taranto.

Nel corso del 2019 sono stati sottoscritti i CIS Capitanata (Foggia) e Molise, finanziati dal CIPE, rispettivamente, con le delibere nn. 26 e 27 del 2019.

Sono attualmente operativi i Tavoli tecnici propedeutici alla sottoscrizione del CIS della Basilicata e del CIS della Città metropolitana di Cagliari e Provincia del Sud Sardegna.

Inoltre il comma 1-bis dell'articolo 7 del D.L. 91 del 2017 (introdotto dalla legge di conversione n. 123 del 2017) ha previsto la sottoscrizione di un CIS Matera "Capitale europea della cultura 2019", prevedendo interventi infrastrutturali e di valorizzazione del sistema dell'offerta turistico-culturale del capoluogo lucano.

 

 La strategia per le aree interne del paese

Rientra tra le misure di sostegno alle politiche nazionali e comunitarie volte al superamento degli squilibri socioeconomici territoriali, il rifinanziamento della "Strategia Nazionale per le Aree Interne" (SNAI), che rappresenta una delle linee strategiche di intervento dei Fondi strutturali europei del ciclo di programmazione 2014-2020, definite nell'ambito dell'Accordo di Partenariato, diretta al sostegno della competitività territoriale sostenibile, al fine di contrastare, nel medio periodo, il declino demografico che caratterizza talune aree del Paese, definite come quelle aree più lontane dai poli di servizio essenziale primario e avanzato, e che corrispondono al 60% della superficie territoriale, al 52% dei Comuni e al 22% della popolazione italiana.

La Strategia, che ha lo scopo di creare nuove possibilità di reddito e di assicurare agli abitanti maggiore accessibilità ai servizi essenziali, con riferimento prioritariamente ai servizi di trasporto pubblico locale, di istruzione e socio-sanitari, è sostenuta sia dai fondi europei (FESR, FSE e FEASR), per il cofinanziamento di progetti di sviluppo locale, sia da risorse nazionali.

Per la Strategia per le aree interne il legislatore ha stanziato, a partire dall'esercizio 2014, 481,2 milioni per il periodo 2015-2023, a valere sulle risorse del Fondo per l'attuazione delle politiche comunitarie (art. 5 della legge n. 187 del 1983, c.d. Fondo IGRUE), di cui 200 milioni autorizzati, con l'articolo 1, comma 314, della legge di bilancio 2020 per le annualità 2021-2023 (di cui 60 milioni per il 2021 e 70 milioni per ciascuno degli anni 2022 e 2023).

I finanziamenti statali sono stati finora assegnati dal CIPE con le delibere 28 gennaio 2015, n. 9, 10 agosto 2016, n. 43, 7 agosto 2017, n. 80 e 25 ottobre 2018, n. 52.

Si rammenta che, a sostegno delle attività economiche, artigianali e commerciali dei comuni delle aree interne, è stato istituito con la legge di bilancio 2020 un apposito Fondo - presso il Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei ministri (art. 1, co. 313, lett. d), della legge n. 160 del 2019) - le cui risorse, autorizzate a valere sul Fondo nella misura di 30 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2020-2022, sono ripartite tra i comuni presenti nelle aree interne con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta dal Ministro per il Sud e la coesione territoriale, che ne stabilisce termini e modalità di accesso e rendicontazione.

A seguito dell'emergenza sanitaria da Covid-19, il D.L. n. 34/2020 ne ha previsto il rifinanziamento, nella misura di 60 milioni per il 2020 e di 30 milioni per ciascuno degli anni 2021 e 2022, allo scopo di consentire ai Comuni presenti nelle aree interne di far fronte alle maggiori necessità di sostegno del settore artigianale e commerciale conseguenti al manifestarsi dell'epidemia da Covid-19, nonché nella misura di ulteriori 30 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023, al fine di realizzare interventi di sostegno alle popolazioni residenti nei comuni svantaggiati. Le risorse di tale fondo sono reperite a valere sulle disponibilità del Fondo sviluppo e coesione (FSC).

ultimo aggiornamento: 7 agosto 2020
 
dossier
 
temi di Politiche di coesione
 
-