tema 20 agosto 2020
Studi - Cultura Le misure adottate a seguito dell'emergenza Coronavirus (COVID-19) nell'ambito dello sport

A seguito dell'emergenza da Coronavirus (COVID-19), su tutto il territorio nazionale, per un lungo periodo, sono stati sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, nonché tutte le manifestazioni organizzate di carattere sportivo e le attività di palestre, centri sportivi, piscine e impianti sportivi. Inoltre, è stata disposta la chiusura degli impianti nei comprensori sciistici. Restava comunque consentito, a determinate condizioni, svolgere individualmente attività motoria.

Per fronteggiare le difficoltà derivanti da tali sospensioni e chiusure, sono stati disposti diversi interventi.

Successivamente, sono state consentite, pur nel rispetto delle norme di distanziamento fisico, la graduale ripresa delle attività sportive, le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, la ripresa dell'attività sportiva di base e dell'attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi. Da ultimo, a determinate condizioni, è stato consentito lo svolgimento di eventi e competizioni sportive riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive federazioni, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali, nonché la ripresa delle attività dei comprensori sciistici e una prima riammissione degli spettatori a singoli eventi sportivi di minore entità.

 

apri tutti i paragrafi

Il D.L. 23 febbraio 2020, n. 6 (L. 13/2020), allo scopo di evitare la diffusione del COVID-19, nei comuni o nelle aree nei quali risultava positiva almeno una persona per la quale non si conosceva la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi era un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un'area già interessata dal contagio del virus, aveva previsto la possibilità di sospensione, con DPCM, di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere sportivo, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico (artt. 1, co. 2, lett. c) e 3). 

A seguire, erano dunque intervenuti vari DPCM che avevano progressivamente dettagliato ed esteso, in termini temporali e territoriali, tali previsioni.

In particolare, il DPCM 4 marzo 2020 aveva stabilito che sull' intero territorio nazionale, a decorrere dal 5 marzo 2020 (e fino al 15 marzo 2020) erano sospesi, fra l'altro, gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato. Restava comunque consentito, nei comuni diversi da quelli della c.d. zona rossa di cui all'all. 1 al DPCM 1° marzo 2020, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, erano tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipavano. Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all'aperto ovvero all'interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, erano ammessi esclusivamente a condizione che fosse possibile consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro (art. 1, co. 1, lett. c)).Inoltre, aveva raccomandato ai comuni e agli altri enti territoriali, nonché alle associazioni culturali e sportive, di offrire attività ricreative individuali alternative a quelle collettive interdette, che promuovessero e favorissero le attività svolte all'aperto, purché svolte senza creare assembramenti di persone ovvero svolte presso il domicilio degli interessati (art. 2, co. 1, lett. e)). Tali misure erano state dapprima confermate (dall'8 marzo 2020 al 15 marzo 2020) dal DPCM 8 marzo 2020 (art. 2, co. 1, lett. g), e art. 3, co. 1, lett. g)). In seguito, il DPCM 9 marzo 2020 aveva esteso all'intero territorio nazionale, fino al 3 aprile 2020, le misure previste per la regione Lombardia e altre 14 province dall'art. 1 del medesimo DPCM 8 marzo 2020, fra cui:
- la sospensione degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Restava consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti professionisti e atleti di categoria assoluta che partecipano ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali o internazionali, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico. In tutti i casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, erano tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipavano (art. 1, co. 1, lett. d));
- la chiusura degli impianti sciistici (art. 1, co. 1, lett. f));
- la sospensione di tutte le manifestazioni organizzate, nonché degli eventi in luogo pubblico o privato, compresi quelli di carattere sportivo, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico (art. 1, co. 1, lett. g));
- la sospensione delle attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori (art. 1, co. 1, lett. s)).
Inoltre, con Ordinanza del Ministro della salute 20 marzo 2020 era stato previsto che non era consentito svolgere attività ludica o ricreativa all'aperto, mentre restava consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona (al riguardo, si veda quanto poi disposto, a decorrere dal 4 maggio 2020, con il DPCM 26 aprile 2020).

Successivamente, il D.L. 25 marzo 2020, n. 19 (L. 35/2020) ha previsto che, su specifiche parti o, occorrendo, su tutto il territorio nazionale, può essere disposta, con DPCM, per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a 30 giorni, reiterabili e modificabili anche più volte, originariamente (v. infra) fino al 31 luglio 2020 (termine dello stato di emergenza dichiarato con delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020), e con possibilità di modularne l'applicazione in aumento, ovvero in diminuzione, secondo l'andamento epidemiologico del virus: la limitazione o sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni altra forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere sportivo; la limitazione o sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina in luoghi pubblici o privati, compresa la possibilità di disporre la chiusura temporanea di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori e impianti sportivi, anche se privati, nonché di disciplinare le modalità di svolgimento degli allenamenti sportivi all'interno degli stessi luoghi; la limitazione o sospensione delle attività sportive e motorie svolte all'aperto o in luoghi aperti al pubblico (art. 1, co. 2, lett. g), m) ed n) e art. 2, co. 1).

Ha, altresì, disposto l'abrogazione, salvo alcune disposizioni, del D.L. 6/2020 (art. 5, co. 1).

Si erano, dunque, succeduti vari altri DPCM che avevano confermato le sospensioni indicate, con talune modifiche e, successivamente, graduali riaperture.

In particolare, prime novità erano intervenute con il DPCM 1 aprile 2020, che aveva disposto anche la sospensione delle sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, all'interno degli impianti sportivi di ogni tipo (art. 1, co. 2).
Successivamente, era intervenuto il DPCM 26 aprile 2020 che aveva, invece consentito, dal 4 maggio 2020, maggiore libertà in tema di attività sportiva.
In particolare, aveva disposto che era consentito svolgere individualmente, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, attività sportiva o attività motoria (non più in prossimità della propria abitazione), purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività.
Inoltre, aveva disposto che erano consentite, a porte chiuse e senza alcun assembramento, le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, di discipline sportive individuali, riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive Federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali. A tali fini, aveva previsto l'emanazione, previa validazione del comitato tecnico-scientifico istituito presso il Dipartimento della Protezione Civile, di apposite Linee-guida, a cura dell'Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, su proposta del CONI ovvero del CIP, sentita la Federazione medico sportiva italiana, le Federazioni sportive nazionali, le Discipline sportive associate e gli Enti di promozione sportiva (art. 1, co. 1, lett. f) e g)).
Le Linee guida sono state emanate con nota Prot. 3180 del 3 maggio 2020 e rappresentano una rielaborazione, a cura dell'Ufficio per lo sport, del Rapporto denominato "Lo sport riparte in sicurezza", trasmesso dal CONI e dal CIP in data 26 aprile 2020, redatto dal CONI con la collaborazione del Politecnico di Torino.
Al contempo, peraltro, con circolare inviata il 2 maggio 2020 dal Ministero dell'interno ai prefetti, ai commissari di Governo per le province di Trento e di Bolzano e al Presidente della giunta regionale della Val d'Aosta, era stato fatto presente che "Sulla base di una lettura sistematica delle varie disposizioni, suffragata da un orientamento condiviso in sede interministeriale, si ritiene sia comunque consentita, anche agli atleti, professionisti e non, di discipline non individuali, come ad ogni cittadino, l'attività sportiva individuale, in aree pubbliche o private, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri e rispettando il divieto di ogni forma di assembramento".
 

E', poi, intervenuto il D.L. 16 maggio 2020, n. 33 (L. 74/2020) che, nel vietare l'assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico, ha disposto che le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura con la presenza di pubblico, compresi quelli di carattere sportivo, si svolgono, ove ritenuto possibile sulla base dell'andamento dei dati epidemiologici, con modalità definite con DPCM ai sensi del D.L. 19/2020 (art. 1, co. 8). Aveva altresì previsto che le sue disposizioni si applicassero fino al 31 luglio 2020 (al riguardo, vedi infra) (art. 3, co. 1).  

In prima attuazione, era stato emanato il DPCM 17 maggio 2020 che, in sostituzione di quanto previsto dal DPCM 26 aprile 2020, aveva disposto che (art. 1, co. 1, lett. d), e), f), e g)):
dal 18 maggio 2020 era consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all'aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività, salvo che non fosse necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o per le persone non completamente autosufficienti;
-  allo scopo di consentire la graduale ripresa delle attività sportive, le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, erano consentite dal 18 maggio 2020, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a porte chiuse. Fino al 3 giugno 2020, potevano spostarsi da una regione all'altra, previa convocazione della federazione di appartenenza, i soli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione a competizioni di livello nazionale ed internazionale. A tali fini, aveva previsto l'emanazione, previa validazione del Comitato tecnico-scientifico, di apposite linee-guida a cura dell'Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei ministri, su proposta del CONI e del CIP, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), le Federazioni sportive nazionali, le Discipline sportive associate e gli Enti di promozione sportiva.
Qui le linee guida per lo svolgimento degli allenamenti per gli sport di squadra;
-  l' attività sportiva di base e l' attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere dell'individuo attraverso l'esercizio fisico, erano consentite dal 25 maggio 2020, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento. A tali fini, aveva previsto l'emanazione di linee guida a cura dell'Ufficio per lo Sport, sentita la FMSI, fatti salvi gli ulteriori indirizzi operativi emanati dalle regioni e dalle province autonome. Le regioni e le province autonome potevano stabilire una diversa data anticipata o posticipata a condizione che avessero preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuassero i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi; detti protocolli o linee guida dovevano essere adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali.
Qui le linee guida per l' attività sportiva di base e l' attività motoria in genere;
- per l'attuazione delle linee guida (di cui alle lett. e) ed f)), le Federazioni sportive nazionali, le Discipline sportive associate e gli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI e dal CIP, nonché le associazioni, le società, i centri e i circoli sportivi, comunque denominati, anche se non affiliati ad alcun organismo sportivo riconosciuto, dovevano adottare, per gli ambiti di rispettiva competenza e in osservanza della normativa in materia di previdenza e sicurezza sociale, appositi protocolli attuativi contenenti norme di dettaglio per tutelare la salute degli atleti, dei gestori degli impianti e di tutti coloro che, a qualunque titolo, frequentano i siti in cui si svolgono l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere.
Qui la pagina curata dal CONI contenente i link ai protocolli resi disponibili dalle diverse Federazioni e dalle Discipline sportive associate.
Qui le Indicazioni generali per la pianificazione, organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità "a porte chiuse", finalizzate al contenimento dell'emergenza epidemiologia da COVID-19, emanate dalla FIGC, nella versione 3 del 24 maggio 2020.
Qui l'elenco delle Discipline sportive riconosciute dal CONI.
Qui l'elenco degli sport di squadra riconosciuti dal CONI.

Le disposizioni del DPCM 17 maggio 2020 relative allo svolgimento dell'attività sportiva o dell'attività motoria all'aperto ovvero presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, erano poi state confermate fino al 14 luglio 2020 dal DPCM 11 giugno 2020 (art. 1, co. 1, lett. d), lett. f)), che, in più, aveva disposto che:
-  a decorrere dal 12 giugno 2020, gli eventi e le competizioni sportive riconosciuti di interesse nazionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive Federazioni, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali, erano consentiti a porte chiuse ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva, al fine di prevenire o ridurre il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipavano; anche le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, erano consentite a porte chiuse, nel rispetto dei medesimi protocolli (art. 1, co. 1, lett. e));
-  a decorrere dal 25 giugno 2020, era consentito lo svolgimento anche degli sport di contatto nelle regioni e province autonome che, d'intesa con il Ministero della salute e l'Autorità di Governo delegata in materia di sport, avessero preventivamente accertato la compatibilità delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori, in conformità con le linee guida per l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere per quanto compatibili (art. 1, co. 1, lett. g)); 
- a decorrere dal 15 giugno 2020, le attività dei comprensori sciistici potevano essere svolte a condizione che le regioni e le province autonome avessero preventivamente accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuassero i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi; detti protocolli o linee guida dovevano essere adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali e comunque in coerenza con i criteri di cui all'allegato 10 (art. 1, co. 1, lett. h));
- a decorrere dal 15 luglio 2020, lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche era consentito soltanto in forma statica, a condizione che, nel corso di esse, fossero osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento, nel rispetto delle prescrizioni imposte dal questore ai sensi dell'art. 18 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (RD 773/1931) (art. 1, co. 1, lett. i)).
Le disposizioni del nuovo DPCM avevano sostituito quelle del DPCM 17 maggio 2020 e (originariamente efficaci fino al 14 luglio 2020) erano poi state prorogate fino al 31 luglio 2020 dal DPCM 14 luglio 2020

Da ultimo, il D.L. 30 luglio 2020, n. 83, ha prorogato al 15 ottobre 2020 (nuovo termine dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei Ministri il 29 luglio 2020) la possibilità di intervento con DPCM prevista dall'art. 1, co. 1, del D.L. 19/2020 (L. 34/2020) e, conseguentemente, ha prorogato alla stessa data quanto previsto dall'art. 3, co. 1, del D.L. 33/2020 (L. 74/2020) (art. 1, co. 1 e 2).

Inoltre, ha prorogato al 15 ottobre 2020 i termini delle disposizioni inserite nell'allegato – fra le quali non si riscontrano disposizioni riguardanti lo sport -, disponendo che ogni termine non inserito nello stesso allegato resta fissato al 31 luglio 2020 (art. 1, co. 3 e 4).

Infine, ha previsto che, nelle more dell'adozione di nuovi DPCM, e comunque per massimo 10 giorni dalla data della sua entrata in vigore, restavano applicabili le previsioni del DPCM 14 luglio 2020 (art. 1, co. 5).

E', poi, intervenuto il DPCM 7 agosto 2020, le cui disposizioni si applicano dal 9 agosto 2020 in sostituzione di quelle DPCM 11 giugno 2020, come prorogato dal DPCM 14 luglio 2020, e sono efficaci fino al 7 settembre 2020.

Il DPCM ha, anzitutto, confermato che, nel periodo indicato, sull'intero territorio nazionale, è consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all'aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della   distanza   di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività, salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti.   Ha anche confermato che l'attività sportiva di base e l'attività motoria svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere dell'individuo attraverso l'esercizio fisico, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la FMSI, fatti salvi gli ulteriori indirizzi operativi emanati dalle regioni e dalle province autonome. Altresì, ha confermato che è consentito lo svolgimento anche degli sport di contatto nelle regioni e province autonome che abbiano preventivamente accertato la compatibilità delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori e che individuino i protocolli o le linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi. I protocolli o le linee guida sono adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome.

Ha introdotto, invece, la novità che, a decorrere dal 1° settembre 2020, è consentita la partecipazione del pubblico a singoli eventi sportivi di minore entità, che non superino il numero massimo di 1000 spettatori per gli stadi all'aperto e di 200 spettatori per impianti sportivi al chiuso. La presenza di pubblico è comunque consentita esclusivamente nei settori degli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere, con adeguati volumi e ricambi d'aria, nel rispetto del distanziamento interpersonale, sia frontalmente che lateralmente, di almeno 1 metro, con obbligo di misurazione della temperatura all'accesso e utilizzo della mascherina a protezione delle vie respiratorie; in casi eccezionali, per eventi sportivi che superino il numero massimo di 1000 spettatori per gli stadi all'aperto e di 200 spettatori per impianti sportivi al chiuso, il Presidente della regione o provincia autonoma, ai fini dello svolgimento dell'evento, può sottoporre specifico protocollo di sicurezza alla validazione preventiva del Comitato tecnico-scientifico.

Resta, invece, fermo che gli eventi e le competizioni sportive - riconosciuti di interesse nazionale e regionale dal CONI, dal CIP e dalle rispettive Federazioni, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali - sono consentiti a porte chiuse ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva; anche le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, sono consentite a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli.    

Un'ulteriore novità è costituita dalla previsione che, al fine di consentire il regolare svolgimento di competizioni sportive nazionali e internazionali organizzate sul   territorio italiano da Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate o Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI o dal CIP, che prevedono la partecipazione   di   atleti,   tecnici   e accompagnatori provenienti da paesi per i quali l'ingresso in Italia è vietato o per i quali è prevista la quarantena, questi ultimi, prima dell'ingresso in Italia, devono avere effettuato il tampone naso-faringeo. Il test non deve essere antecedente a 48 ore dall'arrivo in Italia e i soggetti interessati, per essere autorizzati all'ingresso in Italia, devono essere in possesso dell'esito che ne certifichi la negatività e riporti i dati anagrafici della persona sottoposta al test per gli eventuali controlli. In caso di esito negativo del tampone, i singoli componenti della delegazione sono autorizzati a prendere parte alla competizione sportiva internazionale sul territorio italiano, in conformità con lo specifico protocollo adottato dall'ente sportivo organizzatore dell'evento (art. 1, co. 6, lett. d), e), f), g), h), i), e art .12, co. 1).
ultimo aggiornamento: 20 agosto 2020

Al fine di sostenere le difficoltà derivanti dalla sospensione degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, nonché di tutte le manifestazioni organizzate di carattere sportivo, e dalla chiusura degli impianti nei comprensori sciistici, i primi interventi sono stati previsti dal D.L. 17 marzo 2020, n. 18 (L. 27/2020) e dal D.L. 8 aprile 2020, n. 23 (L. 40/2020) e, successivamente, ampliati dal D.L. 19 maggio 2020, n. 34 (L. 77/2020) e dal D.L. 14 agosto 2020, n. 104, che, al contempo, hanno introdotto nuove misure per sostenere la ripresa e il rilancio del settore.

 

In particolare, il D.L. 34/2020 (L. 77/2020):

  • ha istituito nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze il Fondo per il rilancio del sistema sportivo nazionale – le cui risorse sono trasferite al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri, per essere assegnate all'Ufficio per lo sport - alimentato da una quota della raccolta da scommesse relative a eventi sportivi di ogni genere. Il finanziamento del Fondo è determinato nel limite massimo di € 40 mln per il 2020 ed € 50 mln per il 2021 (art. 217);

I criteri di gestione del Fondo sono stati definiti con decreto del Ministro per le politiche giovanili e lo sport, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze 29 maggio 2020. In particolare, il decreto prevede che le risorse del Fondo nell'anno 2020 sono destinate all'erogazione di contributi a fondo perduto in favore delle società e associazioni sportive dilettantistiche iscritte nel registro (tenuto dal CONI) di cui all'art. 7, co. 2, del D.L. 136/2004 (L. 186/2004), secondo i criteri stabiliti con successivo atto dell'Ufficio per lo sport.

Prevede, altresì, che la destinazione delle disponibilità del Fondo per l' anno 2021 viene stabilita con successivo decreto dell'Autorità di Governo competente in materia di sport, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, da adottare entro il 30 novembre 2020;
  • intervenendo su quanto previsto dal D.L. 18/2020 (L. 27/2020: art. 61, co. 1, 2, lett. b), e p), 4 e 5) ha prorogato (dal 31 maggio 2020) al 30 giugno 2020 il termine di sospensione dei versamenti delle ritenute, dei contributi e dei premi per l'assicurazione obbligatoria per Federazioni sportive nazionali, Enti di promozione sportiva, Società e Associazioni sportive, professionistiche e dilettantistiche. Il termine di sospensione è rimasto, invece, fissato al 30 aprile 2020 per i soggetti che gestiscono stadi, impianti sportivi, palestre, club e strutture per danza, fitness e culturismo, centri sportivi, piscine e centri natatori e per i soggetti che gestiscono servizi di noleggio di attrezzature sportive. Per entrambe le categorie citate, ha prorogato, altresì (rispettivamente, dal 30 giugno 2020 e dal 31 maggio 2020), al 16 settembre 2020 il termine per effettuare i versamenti sospesi. In particolare, il versamento poteva  essere effettuato in unica soluzione entro il 16 settembre 2020, o mediante rateizzazione fino a un massimo di quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro la stessa data (art. 127, co. 1, lett. a)). In seguito, il D.L. 104/2020 ha previsto una ulteriore rateizzazione di tali versamenti, disponendo che gli stessi possono essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, per un importo pari al 50% delle somme oggetto di sospensione, in un'unica soluzione entro il 16 settembre 2020, o, mediante rateizzazione, fino ad un massimo di quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 settembre 2020. Il versamento del restante 50% delle somme dovute può essere effettuato, senza applicazione di sanzioni e interessi, mediante rateizzazione, fino ad un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 gennaio 2021 (art. 97);

  • sempre intervenendo su quanto previsto dal D.L. 18/2020 (L. 27/2020: art. 95), ha prorogato (dal 31 maggio 2020) al 30 settembre 2020 il termine di sospensione per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all'affidamento di impianti sportivi pubblici, da parte di Federazioni sportive nazionali, Enti di promozione sportiva, Società e Associazioni sportive, professionistiche e dilettantistiche. Ha prorogato, inoltre, il termine per i versamenti dei canoni, fissato ora al 30 settembre 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 3 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di settembre 2020 (art. 216, co. 1);

  • intervenendo su quanto previsto dal D.L. 23/2020 (L. 40/2020: art. 14, co. 1), ha incrementato di € 30 mln per il 2020 l'apposito comparto del Fondo di garanzia per l'impiantistica sportiva (art. 90, co. 12, L. 289/2002) istituito dallo stesso D.L. 23/2020 con una dote iniziale di € 30 mln per il 2020 al fine di prestare garanzia, fino al 31 dicembre 2020, sui finanziamenti erogati dall'Istituto per il credito sportivo (ICS) o da altro istituto bancario per le esigenze di liquidità delle Federazioni sportive nazionali, delle Discipline sportive associate, degli Enti di promozione sportiva, delle Associazioni e delle Società sportive dilettantistiche iscritte al registro tenuto dal CONI (art. 31, co. 4-bis).

I criteri di gestione del comparto sono stati definiti con decreto del Ministro per le politiche giovanili e lo sport 28 aprile 2020. 

Si ricorda, inoltre, che lo stesso D.L. 23/2020 (L. 40/2020: art. 14, co. 2) ha previsto che il Fondo speciale per la concessione di contributi in conto interessi sui finanziamenti all'impiantistica sportiva (art. 5, co. 1, L. 1295/1957), può concedere contributi in conto interessi, fino al 31 dicembre 2020, sui finanziamenti erogati dall'Istituto per il Credito Sportivo o da altro istituto bancario per le esigenze di liquidità dei medesimi Enti, secondo le modalità stabilite dal Comitato di Gestione dei Fondi Speciali dell'Istituto per il Credito Sportivo. Per tale funzione è stato costituito un apposito comparto del Fondo dotato di € 5 mln per l'anno 2020;

  • ha previsto che ai titolari di rapporti di collaborazione presso Federazioni sportive nazionali, Enti di promozione sportiva e Società e Associazioni sportive dilettantistiche che, su domanda e al verificarsi di determinate condizioni, erano risultati beneficiari per il mese di marzo 2020 dell'indennità di € 600 riconosciuta dalla società Sport e Salute S.p.A. ai sensi del D.L. 18/2020 (L. 27/2020: art. 96), la medesima indennità era erogata, senza necessità di ulteriore domanda, anche per i mesi di aprile e maggio 2020 (art. 98, co. 3, secondo periodo, e 5).
    Inoltre, ha previsto he, per i mesi di aprile e maggio 2020 la medesima società concedeva una indennità di € 600, su domanda e al verificarsi di determinate condizioni, in favore dei titolari di rapporti di collaborazione presso CONI, CIP, Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate, Enti di promozione sportiva riconosciuti da CONI e CIP, Società e Associazioni sportive dilettantistiche (art. 98, co. 1, 2, 3, primo periodo, e 4).
In attuazione di quanto previsto dal D.L. 18/2020, è intervenuto il D.I. 6 aprile 2020.
In attuazione di quanto previsto dal D.L. 34/2020 è intervenuto il D.I. 29 maggio 2020.
Qui la pagina dedicata sul sito di Sport e salute.
Da ultimo, il D.L. 104/2020 ha previsto l'erogazione della medesima indennità di € 600 per il mese di giugno 2020 ai titolari dei rapporti di collaborazione sopra indicati, sempre al verificarsi di determinate condizioni, in alcuni casi su domanda (art. 12)

Infine, il D.L. 34/2020 aveva previsto che i lavoratori dipendenti iscritti al Fondo Pensione Sportivi Professionisti con retribuzione annua lorda non superiore a € 50.000 potevano accedere al trattamento di integrazione salariale in deroga (D.L. 18/2020-L. 27/2020: art. 22), limitatamente ad un periodo massimo di 9 settimane (art. 98).

Al riguardo, era intervenuta la circolare dell'INPS n. 86 del 15 luglio 2020.

In seguito, il D.L. 104/2020 ha revisionato la disciplina, abrogando l'art. 98, co. 7, del D.L. 34/2020. In particolare, confermando che il periodo oggetto del trattamento non può complessivamente superare le 9 settimane, ha previsto che, per le associazioni e società aventi sede nelle regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, le regioni possano autorizzare - a valere e nei limiti delle risorse assegnate, in via generale, al medesimo ente territoriale per i trattamenti di integrazione salariale in deroga - fino a 13 settimane di trattamento. Inoltre, ha riferito alla stagione sportiva 2019-2020 il limite della retribuzione contrattuale lorda non superiore a € 50.000 (art. 2);

  • al fine di favorire il graduale recupero dei proventi non incassati a seguito della sospensione delle attività sportive e l'ammortamento degli investimenti effettuati o programmati, ha previsto che le parti dei rapporti di concessione degli impianti sportivi pubblici possono concordare tra loro, su richiesta del concessionario, la revisione dei rapporti concessori in scadenza entro il 31 luglio 2023, mediante la rideterminazione delle condizioni di equilibrio economico-finanziario originariamente pattuite, anche attraverso la proroga della durata del rapporto, comunque non superiore a ulteriori 3 anni. In caso di mancato accordo, le parti possono recedere dal contratto. In tal caso, il concessionario ha diritto ai rimborsi indicati. La revisione del rapporto concessorio può essere concordata anche in considerazione della necessità di fare fronte ai sopravvenuti maggiori costi per la predisposizione delle misure organizzative idonee a garantire condizioni di sicurezza tra gli utenti e ai minori ricavi dovuti alla riduzione del numero delle presenze all'interno degli impianti sportivi (art. 216, co. 2);

  • ha previsto che il conduttore di palestre, piscine e impianti sportivi di ogni tipo ha diritto, per le 5 mensilità da marzo a luglio 2020, ad una corrispondente riduzione del canone locatizio che, salva la prova di un diverso ammontare a cura della parte interessata, si presume pari al 50% del canone contrattualmente stabilito (art. 216, co. 3);
  • ha previsto che i soggetti che hanno acquistato abbonamenti, anche di durata pari ad un mese, per l'accesso ai servizi offerti da palestre, piscine e impianti sportivi di ogni tipo, possono chiedere il rimborso del corrispettivo già versato per i periodi di sospensione delle attività sportive. In alternativa al rimborso, il gestore può rilasciare un voucher di pari valore utilizzabile presso la stessa struttura entro un anno dalla cessazione delle misure di sospensione dell'attività sportiva (art. 216, co. 4);
  • ha anticipato al 31 ottobre 2020 l'erogazione del contributo del cinque per mille (che riguarda anche il sostegno   delle associazioni   sportive   dilettantistiche riconosciute dal CONI) relativo all'anno finanziario 2019 (art. 156);

  • ha autorizzato la spesa di € 30 mln per il 2020 a favore delle associazioni sportive dilettantistiche iscritte nell'apposito registro tenuto dal CONI, al fine di assicurare alle stesse adeguato ristoro e sostegno per la ripresa e l'incremento delle attività (art. 218-bis);

  • ha conferito facoltà alle Federazioni sportive nazionali riconosciute dal CONI e dal CIP di adottare provvedimenti relativi all'annullamento, alla prosecuzione e alla conclusione delle competizioni e dei campionati, professionistici e dilettantistici, compresa la definizione delle classifiche finali, con riferimento alla stagione sportiva 2019/2020, nonché i conseguenti provvedimenti relativi all'organizzazione, alla composizione e alle modalità di svolgimento delle competizioni e dei campionati, professionistici e dilettantistici, per la stagione sportiva 2020/2021.
    Al contempo, ha introdotto disposizioni straordinarie e temporanee dirette a contenere in tempi certi l'eventuale contenzioso che potrebbe scaturire a seguito dell'adozione di tali provvedimenti (art. 218).

Infine, oltre a quanto già detto, il D.L. 104/2020;

  • ha istituito per le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali un credito d'imposta pari al 50% delle spese di investimento, di importo non inferiore a € 10.000, in campagne pubblicitarie, incluse le sponsorizzazioni, effettuate a decorrere dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, a favore delle leghe che organizzano campionati nazionali a squadre nell'ambito delle discipline olimpiche, ovvero società sportive professionistiche e società ed associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro CONI operanti in discipline ammesse ai Giochi Olimpici e che svolgono attività sportiva giovanile con ricavi relativi al periodo d'imposta 2019, e comunque prodotti in Italia, almeno pari a € 200.000 e fino a un massimo di € 15 mln. Nel caso in cui le risorse disponibili risultino insufficienti rispetto alle richieste ammesse, si procede a ripartizione tra i beneficiari in misura proporzionale al credito di imposta astrattamente spettante, con un limite individuale per soggetto pari al 5% del totale delle risorse annue. Le modalità e i criteri di attuazione devono essere definiti con DPCM, adottato su proposta del Ministro per le politiche giovanili e lo sport, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze (art. 81);
  • ha previsto che la Federazione Italiana Sport Invernali (FISI), in relazione alla garanzia dalla stessa prestata in favore della Fondazione Cortina 2021 per l'adempimento delle obbligazioni pecuniarie da quest'ultima contratte nei confronti dell'Istituto per il credito sportivo, può richiedere la concessione della controgaranzia dello Stato, per un ammontare massimo complessivo di € 14 mln, da escutersi in caso di annullamento, dovuto all'emergenza COVID-19, dei campionati mondiali di sci alpino previsti a Cortina d'Ampezzo nel mese di febbraio 2021 (art. 82, co. 1).

 

Qui la pagina dedicata sul sito dell'Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

ultimo aggiornamento: 20 agosto 2020
 
temi di Cultura, spettacolo, sport
 
-