tema 2 ottobre 2019
Studi Camera - Affari Comunitari L' Italia e l' Unione europea Delegazione europea 2018

Il 1° ottobre l'Assemblea della Camera ha approvato in via definitiva il disegno di legge di delegazione europea 2018 (C.1201-B). Il provvedimento già approvato dalla Camera in prima lettura il 13 novembre 2018 è stato modificato dal Senato.

Rispetto al testo approvato dalla Camera in prima lettura, il Senato ha apportato alcune modifiche, in particolare con riferimento agli articoli 3 e 4 e ha aggiunto l'art. 6, relativo al mandato d'arresto europeo, istituto già recepito nel nostro ordinamento con la legge n. 69 del 2005. Sono stati inseriti altresì gli articoli 22 e 25, inerenti rispettivamente al codice doganale dell'UE e al mercato interno del gas naturale.

 

Per una completa illustrazione delle modifiche apportate dal Senato e sul contenuto della legge di delegazione consulta il dossier sul provvedimento.

apri tutti i paragrafi

La legge di delegazione europea è, insieme alla legge europea, uno dei due strumenti di adeguamento all'ordinamento dell'Unione europea introdotti dalla legge 24 dicembre 2012, n. 234, che ha attuato una riforma organica delle norme che regolano la partecipazione dell'Italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione europea.

La legge di delegazione europea, ai sensi dell'articolo 30 della legge n. 234 del 2012, contiene le disposizioni di delega necessarie per il recepimento delle direttive e degli altri atti dell'Unione europea.

Il disegno di legge di delegazione europea, con l'indicazione dell'anno di riferimento, deve essere presentato dal Governo entro il 28 febbraio di ogni anno.

ultimo aggiornamento: 23 settembre 2019

Il disegno di legge di delegazione europea 2018 (C. 1201-B), come modificato dalla Camera dei deputati e poi dal Senato della Repubblica, consta di 26 articoli, che recano disposizioni di delega riguardanti il recepimento di 26 direttive europee inserite nell'allegato A, nonché l'adeguamento della normativa nazionale a 10 regolamenti europei e ancora modifiche all'atto di recepimento di una decisione quadro.

L'articolato contiene inoltre principi e criteri direttivi specifici per l'esercizio della delega relativa a 14 direttive.

ultimo aggiornamento: 23 settembre 2019

 L'Allegato A del disegno di legge C. 1201-B, come approvato dalla Camera dei deputati e approvato con modifiche dal Senato della Repubblica, elenca 26 direttive, di cui è disposto il recepimento in via legislativa, ai sensi dell'articolo 1:     

  • Direttiva 2013/59/Euratom norme di sicurezza sulla protezione dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti (termine di recepimento: 6 febbraio 2018);
  • Direttiva (UE) 2017/159 attuazione accordo sul lavoro nel settore della pesca (termine di recepimento: 15 novembre 2019);
  • Direttiva (UE) 2017/828 impegno a lungo termine degli azionisti (Testo rilevante ai fini del SEE) (termine di recepimento: 10 giugno 2019);
  • Direttiva (UE) 2017/1371 lotta alle frodi lesive degli interessi finanziari dell'Unione mediante il diritto penale (termine di recepimento: 6 luglio 2019);
  • Direttiva (UE) 2017/1852 meccanismi di risoluzione delle controversie in materia fiscale (termine di recepimento: 30 giugno 2019);
  • Direttiva (UE) 2017/2102 restrizione uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (termine di recepimento: 12 giugno 2019);
  • Direttiva (UE) 2017/2108 sicurezza delle navi da passeggeri; (termine di recepimento: 21 dicembre 2019);
  • Direttiva (UE) 2017/2109 registrazione delle persone a bordo delle navi da passeggeri (termine di recepimento: 21 dicembre 2019);
  • Direttiva (UE) 2017/2110 ispezioni sulla sicurezza di navi ro-ro e di unità veloci da passeggeri (termine di recepimento: 21 dicembre 2019);
  • Direttiva (UE) 2017/2397 qualifiche professionali nel settore della navigazione interna (termine di recepimento: 17 gennaio 2022);
  • Direttiva (UE) 2017/2398 prevenzione nella esposizione dei lavoratori ad agenti cancerogeni o mutageni (termine di recepimento: 17 gennaio 2020);
  • Direttiva (UE) 2017/2455 IVA su servizi e vendite a distanza(termine di recepimento: 31 dicembre 2018 per l'articolo 1 e 31 dicembre 2020 per gli articoli 2 e 3);
  • Direttiva (UE) 2018/131 accordo armatori e federazione lavoratori trasporto (termine di recepimento: 16 febbraio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/410 riduzione emissioni carbonio (termine di recepimento: 9 ottobre 2019);
  • Direttiva (UE) 2018/645 conducenti veicoli trasporto (termine di recepimento: 23 maggio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/822 scambio informazioni fiscali sui meccanismi transfrontalieri (termine di recepimento: 31 dicembre 2019);
  • Direttiva (UE) 2018/843 prevenzione uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio (termine di recepimento: 10 gennaio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/844 prestazione energetica nell'edilizia (termine di recepimento: 10 marzo 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/849 veicoli fuori uso, pile e accumulatori, RAEE (termine di recepimento: 5 luglio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/850 discariche dei rifiuti (termine di recepimento: 5 luglio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/851 rifiuti (termine di recepimento: 5 luglio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/852 imballaggi e rifiuti di imballaggio (termine di recepimento: 5 luglio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/957 distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi (termine di recepimento: 30 luglio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/958 test di proporzionalità prima dell'adozione di una nuova regolamentazione delle professioni (termine di recepimento: 30 luglio 2020);
  • Direttiva (UE) 2018/2002 sull'efficienza energetica (termini per il recepimento tra il 25 giugno e il 25 ottobre 2020);
  • Direttiva (UE) 2019/692 sul mercato interno del gas naturale (termine per il recepimento 24 febbraio 2020).

 

ultimo aggiornamento: 23 settembre 2019
 
temi di L' Italia e l' Unione europea