tema 14 settembre 2018
Ufficio Rapporti con l'Unione europea Politica estera e questioni globali Discorso sullo stato dell'Unione 2018

Il 12 settembre 2018 il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha tenuto, di fronte al Parlamento europeo, il consueto discorso annuale sullo stato dell'Unione, nel corso del quale ha annunciato talune nuove proposte della Commissione europea.

apri tutti i paragrafi
Passaggio dall'unanimità al voto a maggioranza qualificata.

Il Presidente Juncker ha proposto che gli Stati membri si avvalgano delle vigenti regole dell'UE per passare dal voto all'unanimità al voto a maggioranza qualificata in sede di Consiglio dell'UE in determinati settori della politica estera e di sicurezza comune dell'UE (PESC) e in alcune decisioni di natura fiscale.

In particolare, nella comunicazione presentata dalla Commissione europea (COM(2018) 647) si propone il passaggio alla votazione a maggioranza qualificata nelle decisioni relative alle:·  

  • posizioni sulle questioni dei diritti umani nelle sedi internazionali;·      
  • decisioni di istituire regimi sanzionatori;·       
  • decisioni riguardanti le missioni civili della politica estera e di sicurezza comune.

Tali modifiche potrebbero essere conseguite sfruttando il potenziale già previsto dal Trattato sull'Unione europea (TUE), che fino ad ora è rimasto inutilizzato. In particolare, si invitano i leader a concordare, in occasione del Vertice di Sibiu del 9 maggio 2019 di ampliare l'ambito di applicazione del voto a maggioranza qualificata nella politica estera e di sicurezza comune ricorrendo all'articolo 31, paragrafo 3, TUE, la cosiddetta "clausola passerella", in base alla quale il Consiglio europeo (all'unanimità) può autorizzare il Consiglio a deliberare a maggioranza qualificata in determinati casi della politica estera e di sicurezza comune.

Nuova alleanza Africa – Europa per gli investimenti sostenibili e l'occupazione

La Commissione europea propone una nuova "alleanza Africa - Europa per gli investimenti sostenibili e l'occupazione" volta a promuovere gli investimenti in Africa, potenziare gli scambi commerciali, creare posti di lavoro e investire nell'istruzione e nelle competenze.

In particolare, la Commissione europea nella comunicazione (COM(2018) 643) annuncia una serie di azioni chiave tra cui:

  • promuovere gli investimenti strategici e potenziare il ruolo del settore privato, in particolare riducendo maggiormente i rischi legati ai progetti di investimento attraverso la combinazione di sovvenzioni e prestiti e l'offerta di garanzie;
  • investire, a livello continentale e nazionale, nelle persone mediante investimenti nell'istruzione e nelle competenze, per potenziare l'occupazione e adeguare le competenze all'offerta di lavoro, anche attraverso borse di studio e programmi di scambio, in particolare nel quadro di Erasmus+;
  • rafforzare il contesto imprenditoriale e promuovere un clima più favorevole agli investimenti, soprattutto intensificando il dialogo con i partner africani e sostenendone le riforme nel settore;
  • sfruttare appieno il potenziale dell'integrazione economica e degli scambi commerciali: sulla base dell'attuazione della zona continentale di libero scambio per l'Africa, la prospettiva a lungo termine è quella di concludere un vasto accordo intercontinentale di libero scambio tra l'UE e l'Africa.
  • mobilitare un ingente pacchetto di risorse finanziarie sui finanziamenti esterni, nell'ambito del prossimo quadro finanziario pluriennale dell'UE 2021-2027, considerando l'Africa una regione prioritaria.
 
Architettura finanziaria a sostegno degli investimenti esteri

La Commissione propone una nuova architettura a sostegno degli investimenti esteri dell'UE in Africa, nel vicinato dell'UE e nel resto del mondo. In particolare, la Commissione propone una più stretta collaborazione tra la Banca europea per gli investimenti (BEI), la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) e gli operatori dello sviluppo nazionali e regionali.

Per garantire che l'Unione europea mantenga i suoi obiettivi di politica estera e che il denaro dei contribuenti sia speso in modo efficiente, la Commissione è pronta a fornire orientamenti politici e una sorveglianza più forti in merito all'utilizzo della garanzia di bilancio dell'Unione per gli investimenti esterni — senza assumere i compiti di una banca di sviluppo. Inoltre, la Commissione propone di avviare un maggiore coordinamento con gli Stati membri nelle strutture di governance delle istituzioni finanziarie internazionali e rispondere meglio agli obiettivi dell'UE in materia di finanziamento allo sviluppo. Ciò potrebbe, a lungo termine, aprire la strada a una votazione congiunta in seno al consiglio di amministrazione della BERS a nome di tutti gli Stati membri dell'UE.

Infine, la Commissione propone di istituire una piattaforma per gli investimenti esterni nell'ambito del prossimo quadro finanziario pluriennale (QFP), che riunisca tutti i programmi e gli strumenti di investimento esterno del bilancio dell'UE in un'unica piattaforma.

Per maggiori approfondimenti su tali iniziative si veda la comunicazione della Commissione europea (COM(2018) 643).

ultimo aggiornamento: 14 settembre 2018

La Commissione europea prefigura una serie di iniziative volte a rafforzare il contrasto al terrorismo. Si tratta, in particolare, della presentazione di nuove regole per eliminare rapidamente i contenuti terroristici dal web (si tratta della proposta di regolamento COM(2018)640).

La nuova disciplina introduce un termine vincolante di un' ora per la rimozione dei contenuti di stampo terroristico a seguito di un ordine di rimozione emesso dalle autorità nazionali competenti. Sono altresì previsti: un quadro di cooperazione rafforzata tra prestatori di servizi di hosting, Stati membri ed Europol, per facilitare l'esecuzione degli ordini di rimozione; meccanismi di salvaguardia (reclami e ricorsi giurisdizionali) per proteggere la libertà di espressione su Internet e per garantire che siano colpiti esclusivamente i contenuti terroristici; un apparato sanzionatorio per i prestatori di servizi nel caso di mancato rispetto (o ancora, di omissione sistematica) degli ordini di rimozione.

La Commissione europea propone altresì l'estensione dei compiti della recentemente istituita Procura europea al fine di includervi la lotta contro i reati di terrorismo (la proposta è prefigurata nella comunicazione  COM(2018)641).

La Procura europea, la cui piena operatività è prevista entro la fine del 2020, è un ufficio indipendente dell'Unione europea composto da magistrati aventi la competenza di individuare, perseguire e rinviare a giudizio gli autori di reati a danno del bilancio dell'UE, come la frode, la corruzione o le gravi frodi transfrontaliere in materia di IVA.
 Attualmente partecipano alla Procura europea 22 Stati membri dell'UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica ceca, Estonia, Germania, Grecia, Spagna, Finlandia, Francia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Slovenia e Slovacchia.
Il Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) prevede la possibilità di estendere le competenze di tale organismo allo scopo includere tra le sue le attribuzioni i reati gravi che colpiscono più di uno Stato membro, mediante una decisione presa all' unanimità da tutti gli Stati membri partecipanti e dagli altri, previa approvazione del Parlamento europeo e previa consultazione della Commissione.

Da ultimo, la Commissione europea propone misure volte a lottare più efficacemente contro il riciclaggio di denaro a livello transfrontaliero.

Si tratta in particolare di una proposta normativa diretta a concentrare le competenze in materia di antiriciclaggio in relazione al settore finanziario in seno all' Autorità bancaria europea e a rafforzarne il mandato per garantire una vigilanza efficace e coerente sui rischi di riciclaggio di denaro da parte di tutte le autorità pertinenti e la cooperazione e lo scambio di informazioni tra queste autorità (si tratta della proposta modificata di regolamento COM(2018)646 ).
La Commissione europea presenta, inoltre, una strategia per migliorare lo scambio di informazioni e la cooperazione tra le autorità antiriciclaggio e quelle prudenziali, e invita le autorità europee di vigilanza, e in particolare l'ABE, ad adottare linee guida per aiutare le autorità di vigilanza prudenziale ad integrare gli aspetti relativi all'antiriciclaggio nei loro diversi strumenti e ad assicurare la convergenza in materia di vigilanza (tale strategia è contenuta nella comunicazione COM(2018)645)). La Commissione intende infine incoraggiare la Banca centrale europea a concludere con le autorità di vigilanza antiriciclaggio un protocollo d'intesa multilaterale sullo scambio di informazioni entro il 10 gennaio 2019, come previsto dalla disciplina europea antiriciclaggio in vigore.
ultimo aggiornamento: 14 settembre 2018

Il Presidente Jean Claude Juncker ha presentato una serie di proposte allo scopo di rafforzare la solidarietà dell'UE sulla questione migratoria e di proteggere meglio le frontiere esterne dell'UE

Si tratta in primo luogo di misure volte a rafforzare il ruolo della guarda di frontiera e costiera europea sotto il profilo delle risorse e dell'ampliamento del mandato.

La Commissione europea propone, in particolare, la costituzione in seno all'Agenzia della guarda di frontiera e costiera europea di un corpo permanente di 10 mila unità operative entro il 2020, abilitate a svolgere compiti che implicano competenze esecutive, seppure sempre sotto l'autorità e il controllo dello Stato membro in cui saranno dispiegati (l'iniziativa è contenuta nella proposta di regolamento COM(2018)631)). Ulteriori misure per potenziare l'Agenzia riguardano il maggior coinvolgimento dell'organismo europeo nel sostegno alle procedure di rimpatrio effettuate dagli Stati membri, e nella cooperazione con i paesi terzi interessati.

La Commissione europea propone altresì una revisione mirata della direttiva rimpatri volta a accelerare le procedure di rimpatrio, ad impedire fughe e movimenti secondari irregolari e ad aumentare i rimpatri effettivi (si tratta della proposta di direttiva COM(2018)634).

Nel discorso sullo Stato dell'Unione è stata altresì prefigurata la proposta di rafforzare la futura Agenzia dell'UE per l'asilo (si tratta della proposta modificata di regolamento COM(2018)633), mediante:

  • la previsione di squadre di sostegno per l'asilo messe a disposizione dall'Agenzia per assistere le autorità nazionali nelle procedure amministrative di asilo;
  • la previsione di squadre miste dell'UE per la gestione della migrazione, con il compito di sostenere gli Stati membri, in particolare nei punti di crisi e nei centri controllati, composte di esperti della guardia di frontiera e costiera europea, dell'Agenzia dell'UE per l'asilo e di Europol, coordinate dalla Commissione. Sotto l'autorità dello Stato membro ospitante, tali squadre saranno abilitate a svolgere i compiti necessari per accogliere le persone in arrivo, distinguere tra le persone bisognose di protezione e le altre ed espletare le procedure di asilo e di rimpatrio;
  • l'aumento dei mezzi finanziari per mettere l'Agenzia in condizione di assolvere ai compiti potenziati.

La Commissione europea ha altresì presentato le prossime iniziative in materia di migrazione legale (tali iniziative sono prefigurate nella comunicazione COM(2018)635).

In particolare, l'obiettivo dell'ampliamento dei percorsi legali verso l'Europa dovrebbe essere realizzato mediante:
  • l'approvazione della riforma del regime cosiddetto della Carta blu dell'UE (disciplina europea volta ad attirare nell'UE lavoratori altamente qualificati cittadini di Stati terzi), proposta dalla Commissione europea nel 2016 e tuttora in corso di esame;
  • il completamento, entro ottobre 2019, del programma di reinsediamento negli Stati membri del piano presentato nel 2017 concernente 50 mila richiedenti asilo, nonché l'approvazione delle norme (attualmente oggetto di negoziato tra le Istituzioni legislative europee) recanti un quadro giuridico permanente in materia di reinsediamento;
  • l'intensificazione della cooperazione con i paesi terzi, in particolare avviando con i principali Paesi africani progetti pilota sulla migrazione legale.
ultimo aggiornamento: 14 settembre 2018

Il Presidente della Commissione europea ha annunciato una serie di iniziative volte a garantire che le elezioni del Parlamento europeo previste nel maggio del 2019 (23-26 maggio 2019) si svolgano in modo libero, regolare e sicuro.

In particolare la Commissione europea nella comunicazione COM(2018) 637 annuncia le seguenti iniziative:

  • una raccomandazione (C(2018)5949) relativa alle reti di cooperazione in materia elettorale, alla trasparenza online, alla protezione dagli incidenti di cibersicurezza e alla lotta contro le campagne di disinformazione.
Gli Stati membri sono invitati a istituire reti nazionali di cooperazione in materia elettorale composte delle pertinenti autorità - come le autorità competenti in materia elettorale e in materia di cibersicurezza, le autorità incaricate della protezione dei dati e le autorità di contrasto - e a designare punti di contatto che partecipino a un'analoga rete di cooperazione in materia elettorale di livello europeo;
  • la promozione di una maggiore trasparenza nella propaganda politica online.
I partiti politici, le fondazioni politiche e gli organizzatori delle campagne europee e nazionali dovrebbero rendere disponibili le informazioni sulla spesa sostenuta per le campagne di propaganda online, rivelando quale partito o quale gruppo di supporto politico si trovi a monte della propaganda politica online e pubblicando informazioni sui criteri usati per la selezione dei cittadini destinatari di tali comunicazioni. Qualora tali principi non siano seguiti, gli Stati membri dovrebbero applicare sanzioni nazionali.
  • le autorità nazionali, i partiti politici e i media dovrebbero inoltre adottare misure per proteggere le proprie reti e i propri sistemi informativi dalle minacce alla cibersicurezza;
  • orientamenti sull'applicazione del diritto dell'Unione in materia di protezione dei dati volti a aiutare le autorità nazionali e i partiti politici europei e nazionali ad applicare gli obblighi in materia di protezione dei dati derivanti dal diritto dell'UE nel contesto elettorale (cfr. COM(2018) 638);
  • la modifica del regolamento del 2014 relativo al finanziamento dei partiti politici europei, volta a consentire di infliggere sanzioni pecuniarie (pari al 5 % del bilancio annuale del partito politico o fondazione politica europei interessati) per le violazioni delle norme in materia di protezione dei dati commesse allo scopo di influenzare deliberatamente l'esito delle elezioni europee (si tratta della proposta di regolamento COM(2018)636));
  • una proposta di regolamento per mettere in comune risorse e competenze nella tecnologia di cibersicurezza con l'obiettivo di creare una rete di centri di competenza sulla cibersicurezza per coordinare meglio i finanziamenti disponibili per la cooperazione, la ricerca e l'innovazione in tale ambito.
ultimo aggiornamento: 14 settembre 2018

Il Presidente Jean-Claude Juncker ha confermato l'intenzione della Commissione di abolire l'ora legale a livello europeo. La decisione della Commissione, che fa seguito ad una consultazione dei cittadini europei, tenutasi nell'estate 2018, è motivata da esigenze legate ad un migliore funzionamento del mercato interno e di tutela della salute dei cittadini, la cui salute potrebbe risentire dei periodici cambiamenti di orario. Nelle intenzioni della Commissione Ue, gli Stati membri dovrebbero decidere in autonomia – ma in modo concordato - se adottare in modo definitivo l'ora solare o quella legale dall'ottobre del 2019.

La proposta legislativa intende assicurare che qualsiasi modifica abbia luogo con il coordinamento dei paesi confinanti, in modo da non turbare il corretto funzionamento del mercato interno e da evitare frammentazioni, che potrebbero presentarsi se alcuni Stati membri conservassero il regime dell'ora legale mentre altri lo abbandoneranno (si tratta della proposta di direttiva COM(2018)639).

La Commissione intende abolire l'ora legale nell'intera Unione europea stabilendo un calendario chiaro e incoraggiando la consultazione a livello nazionale ed europeo al fine di garantire un approccio coordinato tra i paesi. È previsto che ogni Stato membro notifichi entro l'aprile del 2019 se intende applicare in modo permanente l'ora legale o quella solare. L'ultimo spostamento obbligatorio delle lancette, per passare all'ora legale, si verificherebbe domenica 31 marzo 2019.

Successivamente, gli Stati membri che intendono passare in modo permanente all'ora solare potranno effettuare un altro spostamento delle lancette domenica 27 ottobre 2019. Dopo tale data non sarà più possibile effettuare il cambio di ora.

Il calendario proposto dipende tuttavia dall'effettiva adozione della proposta della Commissione da parte del Parlamento europeo e del Consiglio entro il marzo 2019.

ultimo aggiornamento: 14 settembre 2018
 
temi di Politica estera e questioni globali