segnalazione 17 novembre 2020
Studi - Affari esteri OSSERVATORIO DI POLITICA INTERNAZIONALE, Nota n. 87, L'allargamento dell'Unione europea ai Balcani occidentali:evpluzioni recenti. stato dell'arte e prospettive, a cura del CeSI (Centro Studi Internazionali), novembre 2020

Nell'ambito dell'Osservatorio di politica internazionale è stata pubblicata la Nota n. 87, L'allargamento dell'Unione europea ai Balcani occidentali:evpluzioni recenti. stato dell'arte e prospettive, a cura del CeSI (Centro Studi Internazionali), a cura del CeSI (Centro Studi Internazionali), novembre 2020

Introduzione: Balcani Occidentali e Unione Europea nel biennio 2019-2020

Il biennio 2019-2020 ha rappresentato un periodo particolarmente dinamico nel solitamente statico quadro dell'allargamento dell'Unione Europea ai Balcani Occidentali (Serbia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia del Nord, Montenegro). La crisi prodotta dal rifiuto francese (e di altri paesi) di dare il via libera ai negoziati per Albania e Macedonia del Nord, da tempo nell'anticamera come paesi candidati, al Consiglio Europeo dell'ottobre 2019 ha infatti innescato una serie di eventi che hanno forzato gli Stati Membri e la Commissione ad interrogarsi sui contenuti di un processo – quello dell'allargamento –da troppi anni giudicato in stallo.

Questa riflessione ha portato ad un nuovo approccio, volto a rendere più ‘politico' il cammino degli aspiranti nuovi Stati Membri verso l'adesione, introducendo controlli in itinere da parte del Consiglio dell'Unione europea e del Consiglio europeo, nonché un certo grado di reversibilità del processo in caso di "cattiva condotta". Anche se la riforma dell'allargamento ha contribuito a sbloccare il cammino di Albania e Macedonia del Nord, permangono comunque criticità nel modello di avvicinamento alle istituzioni europee e al suo effettivo potere trasformativo –molto forte tra la fine degli anni '90 e i primi del 2000 e via via indebolitosi.

Questa Nota partirà proprio dagli eventi del 2019 e del 2020 per ricostruire le recenti evoluzioni nella metodologia dell'allargamento, per poi passare ad un'analisi dettagliata sul percorso di avanzamento di ognuno dei sei paesi dei Balcani Occidentali che aspirano alla membership comunitaria. Successivamente, verranno analizzati i recenti sviluppi relativi al Processo di Berlino, un'iniziativa non UE ma in qualche modo complementare al processo di allargamento, nel cui ambito è stato da poco lanciato il Mercato Regionale Comune, volto all'integrazione economica e alla libertà di movimento tra i sei paesi dei Balcani Occidentali. In conclusione, si proverà a delineare le prospettive future del processo di allargamento e le sfide che attendono la regione balcanica nella sua "anticamera" verso l'Unione Europea.

-