segnalazione 11 luglio 2019
Studi Camera - Trasporti AGCOM presenta la Relazione annuale al Parlamento

L'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ha presentato oggi alla Camera, la Relazione annuale 2019 . Si tratta dell'ultima relazione presentata dall'attuale Consiliatura, iniziata a luglio 2012 ed il cui mandato settennale è in scadenza. Oltre ai consueti dati sull'attività svolta nel periodo tra il 1° maggio 2018 ed il 30 aprile 2019, la relazione di quest'anno riporta alcuni dati macro relativi all'intero settennato, contrassegnato anche dalla forte crisi economica globale a partire dal 2009. La relazione evidenzia tra l'altro che:

- il valore economico del settore delle comunicazioni era di 61 miliardi nel 2012, mentre nel 2018 il valore economico del complesso dei mercati regolati da Agcom ha toccato i 54 miliardi di euro;

- nelle telecomunicazioni tra il 2011 e il 2018 si sono persi circa ¼ dei ricavi;

- si è assistito ad un rivolgimento degli scenari tecnologici e di mercato e conseguentemente delle abitudini di consumo;

- nella settore del mobile si è avuta  l'esplosione del traffico dati, con il numero delle sim-dati più che raddoppiate (da 27 a 55 milioni);

- nella telefonia fissa nel 2012 non esistevano ancora linee con velocità pari o superiore a 30Mbit/s, linee che alla fine del 2018 hanno superato il 45% del totale;

- nel settore media il trend fortemente negativo dei ricavi pubblicitari vede conti negativi sia per la TV in chiaro (-13% il valore economico del settore), sia della TV a pagamento (-2% nonostante l'aumento dei ricavi da abbonamenti);

- nel settore postale, regolamentato dal 2012 dall'AGCOM, a fronte di un declino dei volumi e del valore del mercato tradizionale della corrispondenza, si è avuta una crescita esponenziale del mercato dei pacchi dell'e-commerce;

- le competenze AGCOM si sono ampliate per ricomprendere la tutela del diritto d'autore on-line;

- le risorse del mercato della raccolta della pubblicità online sono passate dai 1407 milioni circa del 2011 agli oltre 2700 milioni del 2018 (+93%).

Per approfondimenti si veda il testo completo della Relazione 2019 e la presentazione del Presidente Cardani.