area tematica
Fisco

Sono all'esame della Commissione VI Finanze alcuni progetti di legge che intendono riformare l'assetto dell'imposizione immobiliare locale, unificando le due vigenti forme di prelievo (l'Imposta comunale sugli immobili, IMU e il Tributo per i servizi indivisibili – TASI) e facendo confluire la relativa normativa in un unico testo. Nel corso della seduta del 9 luglio 2019, all'A.C. 1429 sono stati abbinati l'A.C. 1904 e l'A.C. 1918.

Il decreto-legge "crescita" (decreto-legge n. 34 del 2019) contiene numerose misure fiscali volte a promuovere la crescita economica. Tra di esse si segnalano, in particolare: la reintroduzione del cd. superammortamento; la progressiva riduzione dell'aliquota IRES sul reddito di impresa correlata al reimpiego degli utili; l'incremento progressivo della deduzione IMU sui beni strumentali;  la tassazione agevolata per gli interventi di sostituzione di vecchi edifici; l'estensione delle detrazioni per gli interventi di rafforzamento antisismico realizzati mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici e le semplificazioni degli incentivi fiscali per interventi di efficienza energetica e di riduzione del rischio sismico.

Nel corso dell'esame alla Camera è stata disposta la riapertura al 31 luglio 2019 di alcune misure di "pace fiscale", ossia la rottamazione-ter e il saldo e stralcio per contribuenti in difficoltà economica.

Sul sito del Dipartimento delle Finanze-MEF sono disponibili i dati delle entrate tributarie del periodo gennaio-dicembre 2018 e quello del mese di gennaio-luglio 2019.

In sintesi si segnala che nell'anno 2018 le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica sono pari a 463.296 milioni di euro con un aumento di 7.652 milioni di euro (+1,7%) rispetto all'anno precedente. Le imposte dirette ammontano a 247.631 milioni di euro, con una crescita tendenziale di 2.011 milioni di euro (+0,8%), mentre le imposte indirette ammontano a 215.665 milioni di eurocon una crescita tendenziale di 5.641 milioni di euro (+2,7%). Le entrate derivanti dai giochi si attestano, nel 2018, a 14.552 milioni di euro con una variazione positiva pari a 534 milioni di euro (+3,8%).

Nel periodo gennaio–luglio 2019, le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 250.143 milioni di euro, segnando un incremento di 1.181 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (+0,5%). Le imposte dirette risultano pari a 135.833 milioni di euro, con una diminuzione di 548 milioni di euro (-0,4%) rispetto al medesimo periodo del 2018, mentre le imposte indirette, che ammontano a 114.310 milioni di euro, registrano una variazione positiva di 1.729 milioni di euro (+1,5%). Nei primi sette mesi dell'anno, le entrate dai giochi ammontano a 9.056 milioni di euro (+6,7%).

Le entrate tributarie erariali derivanti dall'attività di accertamento e controllo si attestano a 6.474 milioni di euro (+892 milioni di euro, +16,0%) di cui: 3.495 milioni di euro (+22,9%) sono affluiti dalle imposte dirette e 2.979 milioni di euro (+8,8%) dalle imposte indirette.

La  legge di bilancio 2019, legge 30 dicembre 2018, n. 145, reca un complesso di interventi - in linea con quanto preannunciato nella Nota di aggiornamento al DEF - volti a stimolare la crescita e ridurre la pressione fiscale.

Accanto alla sterilizzazione degli aumenti di imposte indirette previsti per il 2019 (IVA e accise sui carburanti), si ricordano in questa sede le seguenti misure:

  • l'estensione del regime forfettario, con imposta sostitutiva unica al 15 per cento, ai contribuenti con ricavi o compensi fino a un massimo di 65.000 euro e la previsione, dal 2020, di un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'IRAP, con aliquota al 20 per cento, per gli imprenditori individuali ed i lavoratori autonomi con ricavi fino a 100.000 euro; 
  • un'aliquota Ires agevolata al 15 per cento (in luogo del 24 per cento) per le imprese che incrementano i livelli occupazionali ed effettuano nuovi investimenti; 
  • la proroga e rimodulazione – differenziando il beneficio secondo gli investimenti effettuati - del cd. iperammortamento;
  • la proroga al 2019 delle detrazioni per interventi di efficienza energetica, ristrutturazione edilizia e per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, nonché della detrazione dal 36% per interventi di sistemazione a verde.

In materia di tassazione immobiliare, si segnalano l'aumento dal 20% al 40% della deducibilità dell'IMU sugli immobili strumentali dal reddito di impresa e di lavoro autonomo,  l'introduzione della cedolare secca anche per le locazioni degli immobili commerciali (categoria C/1 entro i 600 mq), l'estromissione agevolata dell'immobile strumentale dell'imprenditore individuale e la rivalutazione del valore dei terreni (e delle partecipazioni), agli effetti della determinazione delle plusvalenze.

In conseguenza delle agevolazioni introdotte dalla legge di bilancio 2019 sono abrogati l'ACE - Aiuto alla Crescita Economica e la disciplina dell'IRI - Imposta sul reddito d'Impresa. 

Con riferimento specifico invece alla tassazione delle imprese finanziarie, si segnala che la legge di bilancio 2019 dispone il differimento, per gli enti creditizi e finanziari, della deduzione della quota del 10 per cento di componenti negative di reddito legate alla valutazione dei crediti, nonché la limitazione della deducibilità dei componenti reddituali derivanti esclusivamente dall'adozione del principio contabile IFRS 9 (che impone l'adozione di stringenti criteri di valutazione contabile dei crediti deteriorati e deteriorabili). 

Per quanto riguarda il settore del gioco, ulteriori misure del della legge di bilancio 2019 riguardano l'incremento, a decorrere dal 1° gennaio 2019 dell'1,35 e dell'1,25 per cento delle aliquote del prelievo erariale unico (PREU) applicabili rispettivamente agli apparecchi cosiddetti new slot e videolottery; la proroga di alcune concessioni già in essere, nonché l'allungamento al 31 dicembre 2019 il termine oltre il quale non possono più essere rilasciati nulla osta per i vecchi apparecchi con vincita in denaro, (new slot), per i quali è slittato al 31 dicembre 2020 anche il termine ultimo di dismissione.

Per ulteriori informazioni si rinvia ai dossier Legge di bilancio 2019 - Quadro di sintesi degli interventi e La legge di bilancio per il 2019.

Il decreto-legge n. 119 del 2018 contiene norme urgenti in materia fiscale e finanziaria. In particolare il Titolo I, Capo I del provvedimento reca norme di cd. pacificazione fiscale. Il Capo II si occupa di semplificazione fiscale e innovazione del processo tributario nonché di contrasto all'evasione fiscale; ulteriori norme fiscali sono contenute al Capo III. Il Titolo II reca disposizioni finanziarie urgenti e disposizioni in materia sanitaria tra cui misure in materia di autotrasporto, missioni internazionali di pace, Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese e cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione o crisi aziendale, finanziamenti per la ricerca sanitaria e per l'ammodernamento delle infrastrutture tecnologiche legate ai sistemi di prenotazione elettronica per l'accesso alle strutture sanitarie.

Per maggiori informazioni di dettaglio si rinvia alla scheda provvedimento D.L. 119/2018: Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria.

La Camera ha approvato la proposta di legge A.C. 1074 che introduce un complesso di misure di semplificazione fiscale e di riduzione degli oneri amministrativi a carico dei contribuenti, di sostegno alle attività economiche e di contrasto all'evasione fiscale (leggi qui il dossier di documentazione). Le disposizioni contenute nella proposta di legge sono successivamente confluite nel decreto crescita al cui tema web si rinvia.

Il decreto-legge n. 87 del 2018, cd. decreto dignità, ha tra l'altro:

  • modificato la disciplina dei contratti di lavoro a termine, di somministrazione di lavoro e in materia di licenziamento illegittimo;
  • posto condizioni e limiti alla delocalizzazione delle imprese;
  • vietato la pubblicità su giochi e scommesse e innalzano la misura del prelievo erariale unico sulle vincite da apparecchi da gioco;
  • ridefinito il regime giuridico e fiscale dello sport dilettantistico;
  • ridisegnato il perimetro e i termini di alcuni adempimenti posti a carico dei contribuenti (redditometro, spesometro, split payment e fatturazione elettronica) e prorogato il regime di compensazione per le cartelle esattoriali.

 Ulteriori interventi fiscali hanno riguardato le popolazioni colpite dal sisma nel Centro Italia (decreto-legge n. 55 del 2018). Per tali soggetti si è provveduto, sostanzialmente, alla sospensione di termini di pagamento, rate di mutui, adempimenti e versamenti tributari.

 In materia di lotta all'evasione fiscale si segnala il recepimento, con il decreto legislativo 142 del 2018, della direttiva ATAD contro le pratiche di elusione fiscale (A.G. 42) che incidono direttamente sul funzionamento del mercato interno. In particolare, sono previste norme sulla deducibilità degli interessi passivi, sull'imposizione in uscita (exit tax), nonché sulla tassazione dei proventi di società controllate non residenti (disciplina CFC).

Il decreto legislativo n. 105 del 2018 ha integrato la disciplina del Terzo settore introducendo rilevanti novità nella disciplina fiscale di tali enti.

 Per una panoramica delle misure adottate in ambito fiscale durante la XVII Legislatura, si rinvia alla relativa documentazione.

?
 
speciale provvedimenti
 
temi